come riconoscere e coltivare il carrubo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il carrubo, albero sempreverde diffusamente presente soprattutto in Sicilia e Sardegna, appartiene alla famiglia delle Caesalpiniaceae. È una pianta dioica, ovvero che produce fiori solo maschili o solo femminili. In rarissimi casi entrambi i sessi si possono presentare sulla stessa pianta. È un albero dal portamento alto e robusto, con un tronco dal colore grigiastro-marrone. Le foglie sono di forma ellittica, lucide e dalla tinta verde scuro. I fiori, piccoli e verdastri, crescono a grappolo linearmente alle foglie. Quelli di sesso maschile posseggono cinque stami, mentre quelli di sesso femminile hanno uno stimma sessile. I frutti si presentano come dei grandi baccelli, denominati "carrube" o "vajane". Esternamente sono molto duri, ma la loro polpa è carnosa e zuccherina. I frutti si impiegano per diversi usi. Famose le caramelle di carruba, indicate per alleviare la tosse. Vedremo qui appresso come riconoscere e coltivare il carrubo.

27

Occorrente

  • Albero di carrubo e spirito di osservazione. Terreno, concime e posizione adeguati alla crescita della pianta.
37

Per riconoscere il carrubo, osservate il frutto. La carruba è a forma di fava allungata e appiattita, di circa 2 x 10-15 cm, nerastra a maturità, con epicarpo crostoso, mesocarpo carnoso, dolce e una fila di piccoli semi lenticolari, bruni, di consistenza lapidea. La crescita dell'albero di carrubo è lenta, la sua longevità è molto alta: fino a 500 anni. La produzione di frutti per albero è molto grande. La polpa fresca del frutto è gradevole ed ha un'azione leggermente lassativa. Il carrubo è abbastanza semplice da coltivare. Essendo anche una pianta rustica, longeva e poco predisposta ad attacchi parassitari, risulta essere un ottimo investimento.

47

Per coltivare il carrubo, le maggiori avvertenze riguardano la sua prima fase di crescita. Quando il tronco è ancora giovane, bisognerà assicurarlo a dei solidi sostegni. Si eviterà così che il vento possa sradicarne le radici, ancora poco sviluppate. Inoltre le giovani piante temono il freddo intenso. Per cui, se coltivate il carrubo in un vaso (consigliabile almeno per i primi anni), fate in modo che possa trovarsi (per almeno alcune ore al giorno) in una posizione soleggiata, sotto i raggi diretti del sole. Il carrubo non ha bisogno di molte accortezze; infatti sopravvive bene anche con poca acqua. Inoltre, può superare anche i dieci metri di altezza, se coltivato in piena terra, in un terreno sciolto, profondo e soprattutto ben drenato.

Continua la lettura
57

Nonostante il carrubo non sia soggetto a particolari forme di alterazioni, è consigliabile anticipare eventuali malesseri, mediante l'utilizzo di un fungicida sistemico. Ed anche attraverso una buona concimazione, con letame maturo e concimi minerali, da effettuare ad inizio primavera e/o nella stagione autunnale. Il periodo migliore per il rinvaso è invece la primavera e va eseguito ogni due anni. http://www.ortosemplice.it/frutta/carrubo-ceratonia-siliqua/.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Provvedere al biennale rinvaso della pianta di carrubo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come riconoscere e coltivare il Tricyrtis

La natura ci ha fornito una vastissima scelta di piante verdi, e tra esse troviamo quelle fiorifere, quelle a foglia caduca, le stagionali insieme alle sempreverdi, e ancora arbusti, piante grasse e molte altre tipologie. Tra le tante specie ne troviamo...
Giardinaggio

Come riconoscere e coltivare la Feijoa

La Feijoa, chiamata anche Acca sellowiana, è un arbusto originario del Sudamerica. Essa è coltivata nell'Italia meridionale e nelle regioni dal clima temperato come la Toscana e la Liguria. È una specie sempreverde, arbustiva, cespugliosa a crescita...
Giardinaggio

Come riconoscere le erbe aromatiche

Ecco pronta una guida, molto utile, tramite la quale, poter essere finalmente in grado d'imparare come riconoscere le erbe aromatiche, in modo tale da poterle utilizzare non solo in cucina, ma anche in altri ambiti, per curare malanni e non solo. Imparare...
Giardinaggio

10 modi per coltivare i pomodori in giardino

In alcuni periodi dell'anno capita a tutti di avere una particolare voglia di creare un piccolo orticello in casa propria. Non stiamo parlando di una cosa così complicata né essenzialmente impossibile: senza dubbio serviranno le giuste attrezzature...
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come riconoscere il momento giusto per raccogliere le patate

La coltivazione delle patate è una delle colture più facili. Infatti, non prevede grandi cure e crescono in maniera naturale. Pertanto, si possono anche coltivare sul balcone utilizzano vasi e terriccio universale. L'importante è sistemare e riporre...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.