Come riconoscere e coltivare il Tricyrtis

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La natura ci ha fornito una vastissima scelta di piante verdi, e tra esse troviamo quelle fiorifere, quelle a foglia caduca, le stagionali insieme alle sempreverdi, e ancora arbusti, piante grasse e molte altre tipologie. Tra le tante specie ne troviamo alcune poco note, come per esempio la Tricyrtis. Si tratta di una pianta che difficilmente si vede nei vari giardini e per questa ragione per poterla riconoscere e coltivare ci si dovrà informare su quelle che sono le sue necessità. La Tricyrtis, infatti, è una pianta che ha necessità di essere coltivata con qualche piccola accortezza affinché possa crescere nel modo corretto. A tale proposito, nei passaggi successivi di questa guida ci occuperemo di capire come riconoscere il Tricyrtis e come bisogna procedere per coltivare al meglio questa pianta.

27

Occorrente

  • Tricyrtis
37

Innanzitutto è bene sapere che il Tricyrtis ha un portamento leggermente arcuato degli steli, mentre le foglie, presenti sui due lati, sono rivolte verso l'alto. Anche i fiori sono rivolti verso l'alto in posizione eretta. I colori sono molto fantasiosi: blu violacei, rosa scuro, gialli ecc. Si presentano come delle campanule, talvolta pendenti, altre volte erette, che volgono i capolini verso l'alto quando si aprono. L'altezza e il diametro del cespo variano di molto in relazione alla varietà coltivata: troviamo esemplari dai 30 ai 90 cm di altezza, per un diametro dai 30 ai 60 cm. La fioritura di queste piante avviene durante il periodo estivo (da Agosto fino alla fine di Ottobre), inoltre è molto abbondante e decorativa.

47

Il tricyrtis necessita di una luce diffusa, ma non deve essere esposta al sole pieno, inoltre gradisce il riparo degli alberi o dei cespugli. È molto indicato per dare colore ai giardini, proprio grazie alla presenza dei suoi piccoli fiori dalla geometria complessa, che presentano appunto dei colori molto vivaci. La fioritura è molto bella e caratteristica, infatti i fiori che produce questa pianta sono molto particolari, in quanto sono composti da sei petali tigrati dai colori accesi che ricordano vagamente le orchidee, specialmente quelle selvatiche nostrane. Possono essere coltivati come esemplari unici, appesi in panieri o raggruppati in aiuole fiorite.

Continua la lettura
57

È importante sapere che si tratta di una pianta acidofila, che esige terreno ammendato con torba e pacciamatura con aghi o corteccia di pino. Il terriccio ideale dovrà essere mantenuto costantemente umido, evitando sempre che asciughi completamente tra una innaffiatura e l'altra. Specialmente durante il periodo di fioritura e di vigore vegetativo sarà necessario procedere alla concimazione mediante l'utilizzo di concimi liquidi disciolti nell'acqua di irrigazione. Infine, bisogna ricordare che anche se il terreno deve essere mantenuto umido, bisognerà prestare attenzione a non innaffiare troppo spesso per non far insorgere la crescita di muffe e per evitare che le radici marciscano.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

come riconoscere e coltivare il carrubo

Il carrubo, albero sempreverde diffusamente presente soprattutto in Sicilia e Sardegna, appartiene alla famiglia delle Caesalpiniaceae. È una pianta dioica, ovvero che produce fiori solo maschili o solo femminili. In rarissimi casi entrambi i sessi si...
Giardinaggio

Come Riconoscere E Coltivare Hylocereus Undatus

Vogliamo proporre ai nostri lettori, una guida pratica e veloce, da mettere in pratica, nel mondo delle piante ed in particolar modo cercheremo di imparare insieme come e cosa fare per poter riconoscere e coltivare il Hylocereus Undatus, nel modo corretto...
Giardinaggio

Come riconoscere e come coltivare l'albero dei fazzoletti

In un giardino quello che fa la differenza, che lo rende particolare, unico e diverso dagli altri, è senza dubbio la presenza di piante rare, inusuali, ma di notevole impatto visivo. Tra le tante varietà di piante particolari c'è l'albero del fazzoletto,...
Giardinaggio

Come riconoscere e coltivare la Feijoa

La Feijoa, chiamata anche Acca sellowiana, è un arbusto originario del Sudamerica. Essa è coltivata nell'Italia meridionale e nelle regioni dal clima temperato come la Toscana e la Liguria. È una specie sempreverde, arbustiva, cespugliosa a crescita...
Giardinaggio

Come Riconoscere E Coltivare L'Ananas Bracteatus

L'Ananas è una pianta erbacea che forma ampie rosette di lunghe foglie coriacee e spinose, tra le quali si erge, nel periodo estivo, un fusto carnoso che porta un'infiorescenza a pannocchia, destinata a trasformarsi in un'infruttescenza dal caratteristico...
Giardinaggio

Come Riconoscere Il Chamaerops Humilis

Per ''Chamaerops humilis'' si intende una pianta piuttosto antica appartenente alla famiglia delle Arecaceae, chiamata solitamente ''palma nana''. Si tratta di un esemplare davvero molto bello e raffinato. Riconoscerlo non è affatto facile, per cui...
Giardinaggio

Come Riconoscere La Yucca Filifera

La Yucca Filifera viene comunemente chiamata in italiano soltanto come Yucca. Questa pianta è un membro delle Asparagaceae e fa parte della sottofamiglia delle Agavaceae. Quest'ultima è un vegetale che proviene dal bellissimo Messico.Nella presente...
Giardinaggio

Come riconoscere le erbe aromatiche

Ecco pronta una guida, molto utile, tramite la quale, poter essere finalmente in grado d'imparare come riconoscere le erbe aromatiche, in modo tale da poterle utilizzare non solo in cucina, ma anche in altri ambiti, per curare malanni e non solo. Imparare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.