Come riconoscere e coltivare la Feijoa

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La Feijoa, chiamata anche Acca sellowiana, è un arbusto originario del Sudamerica. Essa è coltivata nell'Italia meridionale e nelle regioni dal clima temperato come la Toscana e la Liguria. È una specie sempreverde, arbustiva, cespugliosa a crescita lenta che può raggiungere fino a 8 metri di altezza. Se si è amanti del pollice verde questo tutorial è molto indicato in quanto dà degli utili consigli su come è possibile riconoscere e coltivare la splendida Feijoa.

26

La specie più diffusa è la Feijoa Sellowiana; da essa derivano varie sottospecie quali: "Unique"; "Mammoth", "Smith" e "Gemiti". Esse si differenziano tra loro soprattutto per l'altezza dell'albero e la fioritura. Invece, non c'è nessuna differenza sulla durata in vita e sul sistema di potatura. Quest'ultima nei primi anni deve essere fatta di rado; successivamente va eseguita in maniera drastica e sistematica.

36

L'habitat ideale della Feijoa è per lo più simile a quello richiesto per la coltivazione dell'ulivo. Essa si deve piantare in un terreno ricco e ben drenato, ma leggermente acido. Se si dispone di piccoli spazi è opportuno piantare un solo esemplare. Bisogna tener presente che questo arbusto non sopporta le basse temperature, mentre si adatta sia ai terreni compatti che a quelli sciolti che non hanno ristagni idrici.

Continua la lettura
46

Le sue foglie sono scure, lucide e spesse; hanno una forma ellittica e sono lunghe circa 5 cm. Dalla Feijoa si ha un frutto dietetico che ha una buccia dal colore verde scuro ed una polpa acquosa, con piccoli semi dal sapore dolce. I frutti sono grandi come le prugne e la polpa bianca traslucida oppure giallastra ha un sapore che sta a metà strada tra l'ananas e la fragola. La maturazione del frutto avviene tra settembre ed ottobre.

56

Quando sono maturi i frutti si staccano dall'albero e cadono. Questo è il modo più comune per procedere alla raccolta. Se si preferisce raccogliere il frutto dall'albero è opportuno cogliere solo quelli che hanno un leggero rammollimento della polpa ed un leggerissimo schiarimento di colore della buccia. I frutti raccolti hanno breve durata, cioè durano circa cinque giorni; essi vanno conservati in un luogo fresco.

66

Anche i fiori della Feijoa sono commestibili, ma devono essere consumati subito dopo la raccolta. La pianta viene attaccata dai parassiti, quali: la cocciniglia degli agrumi e la mosca mediterranea. La Feijoa è anche soggetta a marciumi radicali per le eccessive annaffiature ed alla maculatura delle foglie. Per evitare questi inconvenienti bisogna fornire alla pianta la giusta quantità di concime nel periodo che va dalla primavera all'inizio dell'autunno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

come riconoscere e coltivare il carrubo

Il carrubo, albero sempreverde diffusamente presente soprattutto in Sicilia e Sardegna, appartiene alla famiglia delle Caesalpiniaceae. È una pianta dioica, ovvero che produce fiori solo maschili o solo femminili. In rarissimi casi entrambi i sessi si...
Giardinaggio

Come Riconoscere E Coltivare Hylocereus Undatus

Vogliamo proporre ai nostri lettori, una guida pratica e veloce, da mettere in pratica, nel mondo delle piante ed in particolar modo cercheremo di imparare insieme come e cosa fare per poter riconoscere e coltivare il Hylocereus Undatus, nel modo corretto...
Giardinaggio

Come riconoscere e come coltivare l'albero dei fazzoletti

In un giardino quello che fa la differenza, che lo rende particolare, unico e diverso dagli altri, è senza dubbio la presenza di piante rare, inusuali, ma di notevole impatto visivo. Tra le tante varietà di piante particolari c'è l'albero del fazzoletto,...
Giardinaggio

Come riconoscere e coltivare il Tricyrtis

La natura ci ha fornito una vastissima scelta di piante verdi, e tra esse troviamo quelle fiorifere, quelle a foglia caduca, le stagionali insieme alle sempreverdi, e ancora arbusti, piante grasse e molte altre tipologie. Tra le tante specie ne troviamo...
Giardinaggio

Come Riconoscere E Coltivare L'Ananas Bracteatus

L'Ananas è una pianta erbacea che forma ampie rosette di lunghe foglie coriacee e spinose, tra le quali si erge, nel periodo estivo, un fusto carnoso che porta un'infiorescenza a pannocchia, destinata a trasformarsi in un'infruttescenza dal caratteristico...
Giardinaggio

Come Riconoscere Il Chamaerops Humilis

Per ''Chamaerops humilis'' si intende una pianta piuttosto antica appartenente alla famiglia delle Arecaceae, chiamata solitamente ''palma nana''. Si tratta di un esemplare davvero molto bello e raffinato. Riconoscerlo non è affatto facile, per cui...
Giardinaggio

Come Riconoscere La Yucca Filifera

La Yucca Filifera viene comunemente chiamata in italiano soltanto come Yucca. Questa pianta è un membro delle Asparagaceae e fa parte della sottofamiglia delle Agavaceae. Quest'ultima è un vegetale che proviene dal bellissimo Messico.Nella presente...
Giardinaggio

Come riconoscere le erbe aromatiche

Ecco pronta una guida, molto utile, tramite la quale, poter essere finalmente in grado d'imparare come riconoscere le erbe aromatiche, in modo tale da poterle utilizzare non solo in cucina, ma anche in altri ambiti, per curare malanni e non solo. Imparare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.