Come riconoscere e curare i merletti d'epoca

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Se in un mercatino dell'antiquariato ci capita di vedere dei merletti d'epoca è importante saperli riconoscere e nel contempo essere in grado di eseguire delle riparazioni adeguate, in modo da poterli esporre in una cornice oppure su un tavolinetto o magari rivenderli al miglior offerente sul web. A tale proposito ecco una guida con alcuni consigli su come riconoscere e curare i suddetti merletti.

26

Occorrente

  • detersivo delicato
  • acqua distillata
  • spilli di ottone
  • fecola di patata
  • panno pulito
  • smalto trasparente
36

I merletti d'epoca come ad esempio quelli ricamati ad ago, a tombolo, o anche a filet vanno trattati con molta cautela: infatti non dobbiamo mai metterli in lavatrice ed evitiamo anche di portarli alle tintorie (a meno che non siano specializzate). Se invece sono piuttosto fragili, li stendiamo su una rete di nylon e li tamponiamo con acqua distillata e del detersivo delicato. Dopo il risciacquo li fissiamo su un panno con degli spilli di ottone, li tamponiamo con un straccio bianco e li asciughiamo per bene all'aria aperta oppure utilizzando un phon a bassa temperatura.

46

Stiriamo le nostre trine e merletti, interponendo un panno umido. Ricordiamo di non stirare mai il pizzo se non è perfettamente pulito: fisseremmo indelebilmente le proprie macchie. Un tipo di lavaggio alternativo è quello a secco: distribuiamo della fecola di patata tiepida sul capo in uno strato piuttosto spesso. Facciamola aderire bene e dopo una decina di minuti, rimuoviamo con una spazzola delicata il tutto. Usiamo dell' acqua salata e fredda per le macchie di sangue, succo di limone per la muffa e acquaragia sintetica per erba, olio e inchiostro. Per riparare dei merletti di pregio, possiamo anche affidarci ad un esperto che farà in modo di ricostruire le parti mancanti per non alterare l'originale. Se la trina è comune e abbiamo voglia di rammentarla personalmente, controlliamo con attenzione la tensione del filo, per non rischiare di produrre altri danni.

Continua la lettura
56

Per far assumere a dei pizzi moderni il tipico aspetto invecchiato, possiamo invece anche tingerli con del tè. Per eseguire questo lavoro dobbiamo quindi preparare un infuso forte ed al suo interno possiamo immergere il tutto, dopodiché il pizzo lo laviamo e sciacquiamo e nel caso ci piace una colorazione più intensa possiamo ripetere di nuovo l'operazione. Se invece abbiamo dei centrini tondi oppure ovali, prima li stiriamo, poi li inamidiamo ed infine appoggiamoli su dei vassoi d'argento o di peltro aspettiamo che si asciughino e nel contempo prendano la loro tipica e corretta forma.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come attaccare pizzi e merletti

È' possibile che sbirciando nell'armadio della nonna, tu abbia visto dispiegarsi davanti agli occhi un piccolo mondo antico: vestiti, camicie da notte, asciugamani, tovaglie di lino orlate e decorate con raffinati merletti lavorati a mano in fibre naturali....
Cucito

Come riconoscere dei ditali antichi

Sapevate che anche i ditali, quei piccoli oggetti che servono per proteggere il dito quando si cuce, possono rivelarsi bellissimi oggetti da collezione? Esistono alcuni modelli datati che sono particolarmente preziosi; si trovano in diverse forme e materiale...
Cucito

Come riconoscere il diritto di un tessuto

Non sempre è semplice riconoscere il diritto di alcuni tipi di tessuto, specialmente quando si è alle prime armi per la confezione di vestiti. È molto importante riconoscerlo, soprattutto al momento del taglio. Infatti per avere un buon risultato nella...
Cucito

Come riconoscere la seta

La seta è un tessuto composto da fibre naturali ed è costituita da proteine in quanto naturalmente prodotta dagli insetti, in particolare dal baco da seta. La qualità di questo pregiatissimo tessuto può variare a seconda dell'origine del prodotto...
Cucito

Come fare a casa un costume ottocentesco

Il look ottocentesco suscita ancora tantissimo fascino tra gli appassionati di sartoria. Creare abiti tipici di quest'epoca è possibile, ma si pensa che siano necessarie enormi competenze in materia. Nonostante sia generalmente vero, possiamo comunque...
Cucito

Come fare un costume da gentiluomo del Settecento

Se siete invitati ad un party in costume ed intendete presentarvi con un look particolare come ad esempio del settecento, potete realizzare un abito da gentiluomo che sicuramente susciterà attenzione ed apprezzamento. A tale proposito, ecco una guida...
Cucito

Come abbellire una zanzariera

Decorare una zanzariera in maniera originale e fantasiosa non è un'impresa impossibile. Se siete abili nell'arte del ricamo a punto croce, sarete certamente capaci di dar vita ad un bellissimo lavoro. Se siete alle prime armi, potete cimentarvi comunque,...
Cucito

Come chiudere un lavoro a chiacchierino

Il chiacchierino è un'antica tecnica mediante la quale è possibile realizzare pizzi e merletti. Negli ultimi anni sta ritornando in voga poiché tale arte, a differenza di quanto erroneamente supposto, è molto facile da imparare grazie anche alla presenza...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.