Come riconoscere e curare il Cornus florida

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Per tutti gli amanti di fiori e piante la Cornus florida è sicuramente una delle varietà più apprezzate, dall'origine lontana e dai colori delicatissimi. La Cornus florida infatti viene dal lontano Nord America ed è caratterizzata da grandi dimensioni e colori variopinti; ma con le giuste accortezza si possono mantenere grandezze più contenute da poter così adornare anche spazi più piccoli. Oltre alla sua bellezza però tale fiore ha molte insidie perché delicato, a causa di numerosi parassiti che possono minarne la salute. Vediamo quindi insieme come fare per riconoscere e curare al meglio il Cornus florida, con semplici ma utilissimi passaggi.

26

Guardare le infiorescenze

Nell'imparare a riconoscere il Cornus Florida, è necessario familiarizzare con le particolari infiorescenze che produce. Esse sono costituite da piccoli mazzetti di fiori dalle dimensioni molto ridotte e dal colore bianco-verdastro o rosa tenue. I singoli fiori sono grandi circa tre o quattro centimetri, sono molto abbondanti, e rimangono sulla pianta per moltissimo tempo.

36

Cercare le foglie cuoriforme

Un altro aspetto fondamentale nel riconoscimento del Cornus Florida sono le sue foglie. Esse presentano un aspetto allungato e cuoriforme, e dei bordi ondulati. La pagina superiore di ogni foglia ha una colorazione verde brillante, mentre la pagina inferiore risulta più chiara, tipicamente verde-biancastra. Sono foglie caduche e, con l'arrivo del clima freddo, prima di cadere, assumono una colorazione tendente al rosso.

Continua la lettura
46

Prevenire i parassiti

Nel complesso il Cornus Florida si presenta come un albero o un cespuglio di taglia medio-piccola, con un'altezza che, negli esemplari di molti anni, può raggiungere i dieci metri. Il fusto è relativamente corto e sottile, e la chioma è ampia, vistosa, tondeggiante e molto ramificata. Il Cornus Florida può venire attaccato da diversi parassiti e malattie, le più comuni sono le infezioni fungine. Queste ultime potrebbero o causare ingiallimenti fogliari, o provocare la cosiddetta "septoriosi del Cornus", che si manifesta sotto forma di macchie grigio-rossastre dislocate sull'intera pagina superiore di ogni foglia.
Inoltre questa pianta potrebbe essere colpita da svariati parassiti, tra cui la cocciniglia e i temutissimi ragnetti rossi.
Per riuscire a contrastare queste malattie e questi parassiti che possono colpire la pianta, è sufficiente utilizzare dei pesticidi specifici per piante da fiore e avere cura di concimare adeguatamente il terreno per evitare eventuali carenze di nutrienti.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come riconoscere le erbe aromatiche

Ecco pronta una guida, molto utile, tramite la quale, poter essere finalmente in grado d'imparare come riconoscere le erbe aromatiche, in modo tale da poterle utilizzare non solo in cucina, ma anche in altri ambiti, per curare malanni e non solo. Imparare...
Giardinaggio

Come curare le piante colpite da funghi

Le cattive condizioni di conservazione delle piante, soprattutto durante i diversi periodi vitali delle stesse, rappresentano una delle principali cause della diffusione dei parassiti, che a loro volta possono generare malattie anche gravi. Di queste,...
Giardinaggio

Come curare il vostro bonsai

L’arte del bonsai ha origini antichissime; essa si diffonde a partire dalla dinastia Tang (618/906). Il termine è di derivazione giapponese, ma la tecnica è originaria della Cina. Per facilitare la cura dei bonsai i maestri giapponesi hanno stabilito...
Giardinaggio

Come riconoscere la pianta della genziana

Capito spesso di posizionare nella nostra casa o nelle nostre camere, delle piante. Le piante, oltre a ricreare un ambiente tropicale, hanno anche una funzione decorativa ma soprattutto, quella di profumare l'ambiente in cui le collochiamo. Vi sono tantissime...
Giardinaggio

Come riconoscere le malattie delle piante

Avere il pollice verde significa conoscere approfonditamente le esigenze delle piante, la loro fragilità e la loro vulnerabilità. Saper prevenire ed eventualmente curare le malattie delle piante è fondamentale sia per eseguire un'adeguata opera di...
Giardinaggio

Come curare i fiori recisi

Curare i fiori recisi non richiede un grande impegno, ma è molto importante farlo con attenzione se desideriamo che durino a lungo e non emanino cattivo odore. Quindi, se ci piace abbellire la nostra casa con dei vasi pieni di fiori colorati e profumati,...
Giardinaggio

Come piantare e curare le zucche ornamentali

Le zucche ornamentali sono degli ortaggi molto apprezzati per il loro succulento sapore. Sebbene vengono utilizzate per preparare svariate ricette sono famose per la loro particolare forma. A questo proposito si adoperano anche per decorare. Queste, infatti,...
Giardinaggio

Come curare un bonsai ginseng

Sicuramente la tecnica orientale per coltivare i bonsai, ovvero piante e alberi in miniatura, è basata fondamentalmente su un processo periodico di potature, che gradualmente gli fanno assumere la forma e la dimensione desiderata. Se anche voi non...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.