Come Riconoscere E Curare La Carie Del Legno

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
112

Introduzione

La carie del legno è un processo di disgregazione dei tessuti legnosi che interessa le piante arboree, ornamentali e forestali, soprattutto quando raggiungono una certa età. Si tratta di una patologia estremamente pericolosa, in quanto non si rende immediatamente evidente: quando si creano i cosiddetti corpi fruttiferi alla base o lungo i tronchi, gli alberi sono ormai malati. Per combattere questo fastidioso problema è necessario riuscire a riconoscerlo per tempo. A tale proposito, nei passaggi seguenti, andremo proprio a vedere come è possibile riconoscere e curare nel modo corretto la carie del legno.

212

Occorrente

  • Potatura
  • Prodotti a base di rame
312

Innanzitutto bisogna specificare che i funghi responsabili dell'insorgenza di questa alterazione sono per lo più parassiti da ferita, che si insidiano nella pianta attraverso errati tagli di potatura, lesioni meccaniche (a livello di radici, colletto, tronco), rotture prodotte da avversità atmosferiche, erosioni causate da insetti. In particolare, sono soprattutto certi coleotteri, gli scolitidi, a diffondere nel tronco le spore fungine, trasportandole lungo le gallerie che scavano nel legno.

412

La corteccia che ricopre tronco e rami, può essere considerata come una sorta di pelle che, lesionandosi, provoca non solo l'ingresso di funghi dannosi, ma anche dell'acqua, elemento che contribuisce a creare le condizioni ottimali per lo sviluppo dei funghi stessi. Una volta all'interno dei tessuti legnosi, il micelio del fungo si può diffondere anche seguendo il flusso della linfa che scorre all'interno dei vasi, i quali collegano le diverse parti della pianta.

Continua la lettura
512

Questi patogeni fungini provocano un degrado totale del tessuto legnoso, la conseguente distruzione dei vasi conduttori e, pertanto, l'arresto dei flussi di acqua e di linfa. Sezionando un tronco o un ramo colpiti da carie, l'alterazione risulterà facilmente visibile: il legno cariato, infatti, si distingue nettamente da quello sano, sia per il diverso colore sia per la differente consistenza.

612

Più in dettaglio, si possono distinguere varie tipologie di carie: alcune specie di funghi distruggono solo la cellulosa (carie "bruna") e il legno diventa una massa friabile e nerastra; in altri casi, invece, viene distrutta solo la lignina (carie "bianca) e il legno assume una tonalità biancastra e una consistenza molle. Diversamente, nelle carie "alveolare", i funghi degradano entrambe le sostanze e così danno origine a delle vaste cavità nelle zone infette.

712

I sintomi sono purtroppo tardivi: le cavità si rendono evidenti dopo molto tempo dall'insediamento del fungo e, spesso, quando ormai la struttura della pianta è pressoché totalmente compromessa. I sintomi principali, che possono evolvere in modo acuto o cronico, sono: generale e progressivo indebolimento della pianta; defogliazioni e disseccamenti più o meno improvvisi, specialmente in concomitanza di periodi climatici sfavorevoli; parziale o totale svuotamento del tronco e dei rami, con conseguente possibile rottura o caduta, specialmente in presenza di eventi atmosferici particolari.

812

È importante riuscire a prevenire l'insorgenza della carie evitando lesioni di qualsiasi tipo alla pianta: anche quelle causate da errati interventi di potatura, infatti, possono essere determinanti. I tagli devono interessare rami dal diametro di 8 - 10 cm, poiché quanto più estesa è la zona di taglio, tanto maggiore sarà la superficie esposta all'ingresso delle spore del fungo. I tagli su rami più grandi devono essere eseguiti, se necessario, da personale qualificato, che sia in grado di svolgere correttamente la potatura.

912

Quando l'infezione è ormai in atto, occorre provvedere all'asportazione della parte legnosa marcescente, fino a raggiungere il tessuto sano sottostante, ma senza intaccarlo. Dopo la ripulitura, sarà necessario disinfettare accuratamente le ferite della pianta con l'utilizzo di prodotti a base di rame (poltiglia bordolese, ossicloruro di rame) ed eventualmente, solo dopo aver interpellato un esperto, ricoprirle con mastici cicatrizzanti-disinfettanti, che variano come composizione a seconda del caso specifico.

1012

È fondamentale evitare assolutamente di riempire le grandi cavità con dei materiali quali cemento, ghiaia o terra. Quando la prospettiva di vita dell'albero è gravemente compromessa da profondi e non risolvibili difetti strutturali, sarà purtroppo indispensabile procedere all'abbattimento, in maniera tale da evitare che si possa andare incontro a seri pericoli, conseguenti a cadute improvvise.

1112

Guarda il video

1212

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Qualora si avessero dei dubbi, o in presenza di lesioni importanti, è fondamentale rivolgersi a un giardiniere esperto
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come curare le piante colpite da funghi

Le cattive condizioni di conservazione delle piante, soprattutto durante i diversi periodi vitali delle stesse, rappresentano una delle principali cause della diffusione dei parassiti, che a loro volta possono generare malattie anche gravi. Di queste,...
Giardinaggio

Come riconoscere le erbe aromatiche

Ecco pronta una guida, molto utile, tramite la quale, poter essere finalmente in grado d'imparare come riconoscere le erbe aromatiche, in modo tale da poterle utilizzare non solo in cucina, ma anche in altri ambiti, per curare malanni e non solo. Imparare...
Giardinaggio

Come curare i fiori recisi

Curare i fiori recisi non richiede un grande impegno, ma è molto importante farlo con attenzione se desideriamo che durino a lungo e non emanino cattivo odore. Quindi, se ci piace abbellire la nostra casa con dei vasi pieni di fiori colorati e profumati,...
Giardinaggio

Come curare il vostro bonsai

L’arte del bonsai ha origini antichissime; essa si diffonde a partire dalla dinastia Tang (618/906). Il termine è di derivazione giapponese, ma la tecnica è originaria della Cina. Per facilitare la cura dei bonsai i maestri giapponesi hanno stabilito...
Giardinaggio

Come riconoscere la pianta della genziana

Capito spesso di posizionare nella nostra casa o nelle nostre camere, delle piante. Le piante, oltre a ricreare un ambiente tropicale, hanno anche una funzione decorativa ma soprattutto, quella di profumare l'ambiente in cui le collochiamo. Vi sono tantissime...
Giardinaggio

Come riconoscere le malattie delle piante

Avere il pollice verde significa conoscere approfonditamente le esigenze delle piante, la loro fragilità e la loro vulnerabilità. Saper prevenire ed eventualmente curare le malattie delle piante è fondamentale sia per eseguire un'adeguata opera di...
Giardinaggio

Come riconoscere gli alberi

Chi ama stare a stretto contatto con la natura, di certo sarà curioso di osservare la vegetazione e la fauna locale, magari imparando a riconoscere le specie caratteristiche della zona esplorata. Esistono così tante specie di alberi, che riuscire a...
Giardinaggio

Come Riconoscere La Quercia

La quercia, albero maestoso, appartiene alla famiglia delle Fagacee. Il nome proviene dalla lingua latina "Quercus". In Europa le due specie più diffuse sono la "Quercus robur" e la "Quercus petraea". La seconda è presente anche in Italia, tranne che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.