come riconoscere e prevenire la tristezza degli agrumi

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La tristezza è una sintomatologia dell'essere umano che, lungo il corso della vita, qualche volta fa capolino in ognuno di noi: anche nel mondo vegetale però esiste la tristezza, ma non come la intendiamo noi. Molti di voi hanno sicuramente storto il naso nel vedere associata la parola tristezza accanto alla parola agrumi. In realtà la tristezza degli agrumi è differente dal modo nel quale, convenzionalmente, la intendiamo nel mondo umano e si tratta di una malattia che può portare alla morte gli alberi di agrumi colpiti da questo male. Vediamo dunque come riconoscere e prevenire la tristezza degli agrumi nei prossimi passi di questa guida.

25

La tristezza degli agrumi è, fra le varie patologie che colpiscono questo genere di alberi, sicuramente la più grave, in quanto determina prima il deperimento e successivamente la morte del vegetale. Originaria del Sud-est asiatico, questa malattia si è diffusa anche nel bacino del Mediterraneo, ivi compresa l'Italia: il motivo è da rintracciare nell'importazione di materiale infetto, in particolare di un agente eziologico, tecnicamente denominato Citrus Tristezza Virus.

35

Le piante non vengono infettate tutte allo stesso modo dal virus: si riscontrano infatti significative divergenze in base al tipo di pianta. Per esempio l'albero più esposto e vulnerabile risulta essere l'arancio. Gli indizi per riconoscere la presenza della malattia sulla pianta sono diversi e spesso sottovalutati perché associati ad altre patologie; il più importante sintomo è il disseccamento dell'albero e la conseguente defogliazione (vedi immagine), ma anche il nanismo ed il progressivo deperimento possono essere un sintomo -soprattutto negli alberi più giovani e realizzati per innesto. La sintomatologia più caratteristica, e direi anche curiosa, è data dalla presenza di estroflessioni sulla superficie del legno.

Continua la lettura
45

La malattia è riconoscibile anche dai frutti che produce la pianta: questi infatti si presentano più piccoli, numerosi, deformi e di un giallo piuttosto sospetto. La diffusione di detta malattia si può combattere innanzitutto nei vivai, facendo controlli accurati e mettendo in quarantena il materiale vegetale proveniente dall'estero: il vettore di propagazione più veloce e comune è infatti costituito dagli afidi, ed è altresì opportuna l'eliminazione degli stessi con idonei metodi preventivi. Assolutamente consigliato è, infatti, utilizzare soluzioni disinfettanti quali, ad esempio, la candeggina o l'alcool diluiti in acqua che sono utili per igienizzare gli attrezzi di potatura.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come preparare il terriccio per gli agrumi

Avere il pollice verde non è cosa da tutti, ma per chi ha la fortuna di sapersi occupare di una pianta, si tratta di un piacevole hobby. Tra le tante tipologie di piante che potreste scegliere di coltivare ci sono le piante da agrumi: tipiche del periodo...
Giardinaggio

Come coltivare agrumi sul terrazzo o in giardino

Originari dell'India e dell'Estremo Oriente, gli agrumi sono oggi ampiamente coltivati in tutta la fascia subtropicale del mondo. Attraverso piccole cure sarà possibile coltivare facilmente gli agrumi, sia sul terrazzo di casa che in giardino, dove,...
Giardinaggio

Come curare il mal della cenere e la fumaggine degli agrumi

Gli agrumi sono un genere di piante che vivono nelle regione a clima mite e che si affacciano sul mare. Il loro fusto è relativamente piccolo e la chioma tondeggiante, mentre la loro corteccia è liscia, di colore marrone tendente al grigio. Le foglie...
Giardinaggio

Come difendere gli agrumi dalla carenza di potassio in modo naturale

Gli agrumi non sono mai semplici da coltivare, è necessaria molta attenzione e pazienza per poterli far crescere al meglio e senza troppi problemi. A volte inoltre è necessario effettuare delle operazioni per poterle rinvigorire e curarle da possibili...
Giardinaggio

Come potare le piante di agrumi

Quando il gelido inverno lascia spazio alla primavera, si ha il bisogno di dare un tocco di freschezza generale. Per chi possiede un orto pieno di alberi da frutto ad esempio, può tranquillamente dedicare questo periodo di intermezzo alla potatura. Ogni...
Giardinaggio

Come prevenire la proliferazione di erbe infestanti in modo ecologico

Le erbe infestanti, o malerbe, sono invasive e dannose. Crescono spontaneamente e non sono utili all'uomo. Si distinguono in annuali o perenni, e deturpano le aiuole, i giardini, gli orti come i prati. Solitamente, si utilizzano rimedi chimici per prevenire...
Giardinaggio

Come prevenire le infestazioni di afidi

Se abbiamo un giardino, è importante sapere che le piante sono soggette agli attacchi di afidi che nella maggior parte dei casi tendono a distruggerle, vanificando le nostre quotidiane operazioni di cura e manutenzione. A tale proposito, ecco una guida...
Giardinaggio

Come prevenire la clorosi ferrica nelle piante

La clorosi ferrica è una malattia in grado di colpire qualsiasi pianta e si manifesta con l'ingiallimento delle foglie, con conseguente caduta delle stesse. La principale causa è da attribuirsi ad una carenza più o meno consistente di ferro, che è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.