Come Riconoscere I Vari Tipi Di Vetri E Cristalli Per Bicchieri D'Epoca

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Vi è mai capitato che mentre passeggiate per mercatini dell’antiquariato vi addentraste nella parte in cui ci sono i venditori di bicchieri d'epoca? E bene, a questo punto vi sorgerà un problema se non siete esperti nel campo dei bicchieri, infatti sicuramente non riuscirete a capire a prima vista se d’avanti a voi vi trovate vari tipi di bicchieri di che tipi di cristalli, di vetri. Per aiutarvi a riconoscere di che materiale si tratta e a non commettere più alcun errore sul vostro acquisto non vi resta altro che seguire questi tre semplici passi della guida qui di seguito.

26

Occorrente

  • Un cucchiaino o un orecchino
36

Una volta che vi troverete di fronte ai bicchieri fate le vostre valutazioni prendendovi tutto il tempo che volete in modo tale da non essere ingannati dal venditore per quanto riguarda il prezzo e sul materiale di cui è composto il bicchiere. Per prima cosa dovete stare molto attenti al loro spessore infatti per avere un bicchiere di buon vetro deve rientrare tra 1 e 3mm, mentre per quelli in mezzo cristallo il loro spessore è maggiore di 5 mm e ancora per il cristallo che è più pregiato rispetto agli altri due materiale supera gli 1cm. Questo è il passo per quanto riguarda il riconoscimento di un buon bicchiere dal suo spessore.

46

Per verificare che si tratti di un bicchiere in cristallo procuratevi un cucchiaino o un orecchino perché in questo modo potrete vedere il suono del bicchiere, prendete appunto un cucchiaino e fatelo rimbalzare delicatamente al bicchiere ovviamente senza farlo spaccare e vedete se ha un suono ben definito che è quello predefinito del cristallo. Un altro metodo ancora che potete usare per vedere il tipo di materiale del bicchiere che avete avanti a voi è quello di appoggiarci le vostre labbra sopra perché se sentirete che al tatto vi risulta freddo allora si tratta di vero cristallo. Non dimenticate che il metodo più efficace per vedere di che materiale si tratta è quello di verificare sempre lo spessore.

Continua la lettura
56

L’ultimo modo per vedere di che materiale si tratta è quello riguardante il peso. Se prendete due tipi di bicchieri uno in vetro e uno in cristallo vi accorgerete immediatamente che quello di cristallo pesa come minimo 4 volte rispetto a quello di vetro. Mentre un bicchiere in cristallo molato lo riconoscerete dalla lavorazione molto particolare e accurata che ci sta ai bordi e alle cornici di bicchieri. È un lavoro che risulta molto simile alla punta di un diamante, infatti crea un effetto molto decorativo ed è fatto in modo da non far tagliare colui che ne usufruisce.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Siate sempre prudenti e non vi fate ingannare dal venditore

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come pulire i cristalli di quarzo

Il quarzo è uno dei minerali più abbondantemente presenti sulla crosta terrestre. Si tratta di un cristallo molto apprezzato per il suo aspetto, che va dal trasparente fino ad arrivare all'opaco, e che esiste in una miriade di colori, oltre a quella...
Materiali e Attrezzi

Vetri refrattari: classificazione e usi

Molte persone, quando sentono parlare di vetro, hanno in mente il classico vetro che viene utilizzato per le finestre pensando, erroneamente, che tutti i vetri esistenti presentino la medesima composizione e le stesse caratteristiche. In realtà a seconda...
Materiali e Attrezzi

Come usare mastice da vetri o stucco

Il mastice da vetri chiamato anche stucco, è una sorta di collante molto forte che può essere usato per vetri, finestre o anche parabrezza. Ha molte caratteristiche comuni con i collanti comuni, sia per la composizione chimica, che per la funzione che...
Materiali e Attrezzi

Guida ai diversi tipi di carta

All'apparenza la carta può sembrare un materiale estremamente semplice e povero, ma in passato non era così. Per fabbricarla si utilizzavano i vecchi stracci, che venivano acquistati porta a porta dagli operai delle prime cartiere, che si spostavano...
Materiali e Attrezzi

I tipi di legno più comuni nell'arredamento

Il legno possiede un fascino che non sembra temere il trascorrere del tempo. Un materiale "vivo", capace di riscaldare l'ambiente domestico rendendolo accogliente e famigliare. Ovviamente non tutti i tipi di legno sono uguali. Ognuno possiede infatti...
Materiali e Attrezzi

Legno d'acero: caratteristiche, tipi e utilizzi

La guida che andremo a sviluppare all'interno dei tre passi che seguiranno, andrà a concentrarsi sul legno d'acero. Infatti, come abbiamo avuto l'occasione di chiarire subito attraverso il titolo della nostra guida, ora andremo a parlare delle caratteristiche,...
Materiali e Attrezzi

Come riconoscere un lucchetto di qualità

Quando abbiamo l'esigenza di acquistare un lucchetto da apporre ad una porta, un cancello o ad un bagaglio da imbarcare sull'aereo, possiamo scegliere tra diversi modelli, da quello semplice ai sofisticati, questi ultimi veri e propri capolavori tecnologici....
Materiali e Attrezzi

Come riconoscere le funzioni dei fili elettrici colorati

Come ben sappiamo ogni circuito elettrico per poter funzionare ha bisogno di cavi; questi ultimi sono indispensabili per far arrivare la corrente dal generatore all'utilizzatore. Leggendo questo tutorial si potranno avere delle corrette informazioni su...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.