Come Riconoscere Il Boletus Comptus

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I funghi rappresentano uno degli alimenti più apprezzati in campo culinario, il loro sapore infatti oltre a soddisfare anche il gusto dei palati più esigenti, si associa benissimo a numerose pietanze molto gettonate. Per queste loro caratteristiche, i funghi sono parecchio ricercati e i più appassionati, si divertono a fare delle vere e proprie escursioni nei boschi alla ricerca dei più pregiati. L'esperienza però ci ricorda che l'attività presenta molti rischi, in quanto andare per funghi, presuppone ottime conoscenze nel settore ed improvvisare può essere estremamente pericoloso. Il Boletus Comptus è un fungo appartenente alla categoria dei Boletus, si presenta bello da vedere in quanto molto colorato e virante al blu appena lo si tocca, ma questa sua bellezza fisica è ingannevole infatti non è commestibile. Nasce quindi l'esigenza di essere capaci di riconoscere le innumerevoli specie ed in questa breve guida, ci occuperemo illustrare come riconoscere il Boletus Comptus.

25

Come abbiamo già accennato, questa specie si presenta esteticamente molto bello e questa sua bellezza attira sicuramente le attenzioni di chi se lo trova per la sua strada. Il corpo fruttifero del Boletus comptus, vira al blu scuro e possiede una caratteristica particolare, cioè quella di intensificare il colore non appena lo si tocca. Ha un cappello di una circonferenza molto larga che può raggiungere i 10-12 centimetri, e risulta molto carnoso. Difficilmente è espanso e varia da emisferico a convesso. Può essere anche screpolato, tendente al grigio, con svariate sfumature che vanno dal bruno, al colore verde oliva, rosate e anche più colorate nei toni dell'ocra, dei rossi e con il margine più chiaro. Tutte queste sfumature, sono difficili da distinguere dalle persone poco competenti, quindi il consiglio è sempre quello di raccogliere funghi solo se si è sicura della loro natura.

35

I tubuli sono adnati, di colore giallo. La superficie del cappello è poroide e può variare dal rosso-arancio al rosso-bruno, più chiara sui bordi. I pori si presentano tondeggianti e di piccole dimensioni. Il gambo è alto circa 8-10 centimetri, può essere giallo o tendente all'arancio, ma comunque sempre di un colore sgargiante rispetto ai comuni funghi. Può essere panciuto e carnoso o cilindrico e la base è sempre a punta, radicante e di colore rosso intenso.

Continua la lettura
45

La polpa si presenta di colore giallo ma non appena lo si tocca o lo si taglia, tende ad assumere un colore blu-violaceo. L'odore ed il sapore di questo fungo non si discostano molto dalle altre specie, quindi queste caratteristiche, non possono essere indicative per distinguerlo. Il Boletus comptus, in fine cresce generalmente sotto le querce ed il periodo di maggiore fioritura è l'estate-autunno ed è un fungo molto comune. La sua commestibilità non è accertata ed è quindi fortemente consigliabile ingerirlo. In Europa è stato ritrovato solo nel Mediterraneo, in particolare in Italia.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Evitate sempre di mangiare funghi che non conoscete!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come riconoscere la pianta del sughero

Il sughero è un materiale molto versatile, con il quale abbiamo a che fare tutti i giorni date le sue numerose proprietà che lo rendono utilizzabile in diversi campi. Il sughero ha delle caratteristiche importanti, in quanto è un materiale naturale,...
Giardinaggio

Come riconoscere il bellium crassifolium

Le margherite che vediamo abbellire i nostri prati in primavera, non sono tutte uguali. A volte ne riconosciamo l'identità attraverso il colore o il profumo. In Italia nascono spontanee soprattutto nelle regioni del sud, come: Calabria, Puglia e Sicilia....
Giardinaggio

Come Riconoscere La Tipuana Tipu

La Tipuana Tipu è un albero decisamente maestoso molto adatto come decorazione di giardini. Tuttavia lo si apprezza anche per la sua bellissima e rigogliosa fioritura, il che lo rende un esemplare molto ricercato. A tale proposito ecco una guida in cui...
Giardinaggio

Come Riconoscere La Phoenix Dactylifera

Chi ha la passione per il giardinaggio sa bene quanto sia importante saper riconoscere le diverse tipologie di piante. In questo possiamo dare le giuste e appropriate attenzione al fine di garantirgli una vita florida e rigogliosa. Infatti ogni pianta...
Giardinaggio

Come riconoscere gli alberi

Chi ama stare a stretto contatto con la natura, di certo sarà curioso di osservare la vegetazione e la fauna locale, magari imparando a riconoscere le specie caratteristiche della zona esplorata. Esistono così tante specie di alberi, che riuscire a...
Giardinaggio

Come riconoscere la pianta della genziana

Capito spesso di posizionare nella nostra casa o nelle nostre camere, delle piante. Le piante, oltre a ricreare un ambiente tropicale, hanno anche una funzione decorativa ma soprattutto, quella di profumare l'ambiente in cui le collochiamo. Vi sono tantissime...
Giardinaggio

Come Riconoscere La Quercia

La quercia, albero maestoso, appartiene alla famiglia delle Fagacee. Il nome proviene dalla lingua latina "Quercus". In Europa le due specie più diffuse sono la "Quercus robur" e la "Quercus petraea". La seconda è presente anche in Italia, tranne che...
Giardinaggio

Come Riconoscere L'Aloe Vera

Appartenente alla famiglia delle Liliaceae, l'Aloe Vera, è una pianta "succulenta" che predilige climi secchi e caldi. Ha una tendenza cosiddetta arbustiva; il suo arbusto, può raggiungere fino al metro di altezza. Le foglie sono dispose a ciuffo e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.