Come Riconoscere Il Chamaerops Humilis

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Per ''Chamaerops humilis'' si intende una pianta piuttosto antica appartenente alla famiglia delle Arecaceae, chiamata solitamente ''palma nana''. Si tratta di un esemplare davvero molto bello e raffinato. Riconoscerlo non è affatto facile, per cui è necessario apprendere alcune importanti nozioni per meglio identificarlo. A tale proposito, nella guida che segue vi sarà spiegato proprio come riconoscere questa antica pianta.

25

E' una pianta sempreverde

È importante sapere che il Chamaerops humilis è una pianta sempreverde, e che in natura raggiunge un'altezza di circa 2 metri, mentre se coltivata in giardino può arrivare sino a 8 metri. Il suo fusto è di tipo eretto, con all'apice foglie che si promulgano a ventaglio e che appaiono molto rigide. La parte centrale è inoltre costellata di circa 20 segmenti lanceolati. A parte queste principali caratteristiche strutturali di fusto e foglie che saltano facilmente all'occhio, un altro indizio che può aiutare a riconoscere il Chamaerops humilis è il picciolo che si trova alla base caratterizzato da un reticolo di fibre.

35

Si trova nelle zone calde e aride

Le infiorescenze sono tra l'altro molto fitte e ramificate e di un colore giallo acceso. Il Chamaerops humilis produce inoltre dei frutti di forma ellittica dal diametro di circa 4 cm e con all'interno una polpa ricca di fibre e zuccheri, ma tuttavia per quanto ricchi di tannino è sconsigliato consumarli, poiché tendenzialmente inibiscono l'assorbimento del ferro e di alcune vitamine. L'habitat ideale del Chamaerops humilis è rappresentato dalle zone più calde e aride delle aree costiere, quindi si tratta di un altro utile indizio per riconoscerlo. Non per questo è una pianta molto diffusa soprattutto lungo le coste del Mediterraneo occidentale e su quelle atlantiche del Marocco e della Spagna meridionale.

Continua la lettura
45

Viene utilizzata a scopo ornamentale

Solitamente la pianta viene utilizzata a scopo ornamentale e per lavori di artigianato, grazie alle sue foglie fibrose, che opportunamente intrecciate servono per realizzare oggetti vari. È importante sottolineare che per trovarla in maniera piuttosto semplice, e studiarla nei dettagli, constatando conseguentemente da vicino quanto sin qui descritto, basta recarsi nell'orto botanico di Padova, dove l'esemplare fu piantato nel 1585, ed ancora oggi è conosciuto come "palma di Goethe" poiché il poeta di cui porta il nome la notò durante un viaggio in Italia e ne rimase colpito dalla sua bellezza, tanto da citarla in uno dei suoi famosi saggi di letteratura.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Solitamente la pianta viene utilizzata a scopo ornamentale e per lavori di artigianato, grazie alle sue foglie fibrose, che opportunamente intrecciate servono per realizzare oggetti vari.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come potare una palma

La palma è una pianta subtropicale della famiglia delle Arecaceae, con alcune specie diffuse anche nell'area mediterranea. Le palme hanno gambi senza rami e foglie verdi disposte a ventaglio. Questa specie è molto comune perché abbellisce senza richiedere...
Giardinaggio

Come coltivare la palma reale

Le palme reali sono piante sempreverdi, caratterizzate da fronde lunghe ed arcuate e dotate di un fusto mediamente eretto. Il colore del fogliame anche durante l' inverno è verde. La palma reale può crescere tanto da raggiungere i 7,5 m di altezza....
Giardinaggio

Come coltivare la palma da cocco

La Cocos nucifera, più conosciuta come palma di cocco, è una pianta tipica delle coste di regioni tropicali. Essa infatti è ampiamente coltivata in Asia, Africa e America meridionale. Con le dovute accortezze, tuttavia, è possibile coltivare questa...
Giardinaggio

Come Coltivare La Trachycarpus Fortunei

La trachycarpus fortunei è una pianta sempreverde; la sua corteccia è ricoperta da residui fibrosi di foglie vecchie. Essa presenta un lungo fusto sottile ed eretto con foglie di colore verde scuro. Le foglie sono a forma di ventaglio e sono caratterizzate...
Giardinaggio

Come coltivare la palmetta del madagascar

Volete dare un tocco esotico alla vostra casa e non sapete come fare? Se amate il giardinaggio, questa è la guida giusta che fa per voi. Oggi voglio proporvi qualcosa di veramente originale: coltivare la palmetta del Madagascar in casa. Questa pianta...
Giardinaggio

Le 10 migliori piante per ufficio

Se nel nostro ufficio intendiamo posizionare delle piante, affinché servano come complemento di arredo e nel contempo svolgano una funzione disinfettante dell'aria, possiamo optare per alcune specie che sono adatte per essere coltivate in ambienti chiusi...
Giardinaggio

Come Riconoscere La Cyathea Cooperi

Il mondo vegetale è senza dubbio uno dei mondi più affascinanti, e oggi vogliamo parlarvi di una specie molto particolare, la cyathea cooperi. Si tratta di una felce arborea tipica dell'Australia orientale che nel tempo fu importata e diffusa anche...
Casa

Pellet di qualità: come riconoscerlo

Il pellet è un particolare tipo di combustibile, ricavato dalla segatura e successivamente compattato in elementi dalla forma cilindrica. Questo combustibile viene venduto a un costo molto inferiore rispetto alla classica legna, proprio perché viene...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.