Come riconoscere il letame maturo

Tramite: O2O 17/06/2016
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Gli animali come i cavalli, le pecore, le galline, le mucche, le capre e i conigli sono dei grandi alleati della natura: attraverso gli escrementi di questi esseri viventi, sarà possibile ricavare una sostanza organica capace di fornire, alle radici delle piante, una riserva davvero sostanziosa di nutrimento basilare, con un'elevata quantità di azoto, potassio e fosforo.
Gli escrementi di tali meravigliosi animali, infatti, vengono denominati "oro dei giardinieri": nella presente dettagliata e speciale guida che potrete leggere nei passaggi successivi, vi spiegherò come bisogna riconoscere correttamente il letame maturo.

26

Occorrente

  • Letame
  • Diversi tempi di maturazione
  • Decomposizione
  • Colore scuro
  • Odore da sgradevole a neutro
  • Concimaia
  • Recipiente
  • Acqua
36

Innanzitutto, dovete sapere che esistono svariate tipologie di concime, a ragione degli escrementi di ciascun animale: il migliore è indubbiamente lo sterco equino, che sfortunatamente è parecchio costoso e complicato da trovare.
Anche gli altri concimi presentano delle buone qualità e bastano ad assicurare delle abbondanti produzioni di ortaggi: la cosa importanza sta nel loro compimento, ovvero nell'invecchiamento di ogni escremento.
Se prendete una piccola concimaia e preparate il blocco, bisognerà mantenerlo distante dai raggi solari, dal freddo e dalle abitazioni, allo scopo di evitarne i cattivi odori: fate attenzione a non utilizzarlo prima dei 3 mesi di invecchiamento, perché il letame poco stagionato incenerisce le piante e si otterrebbero dei risultati negativi sui vegetali.

46

I tempi di maturazione sono abbastanza problematici, in quanto ciascun escremento della bestia presenta un grado di maturazione differente: precisamente, ciò dipenderà dalla tipologia di animale e dalla sua grandezza fisica.
Nella media, una discreta ha bisogno di un periodo che va dai 3 mesi fino ai 6 mesi: quando verrà acquistato il letame, non sarà complicato riconoscerne il buon sviluppo, perché basterà osservare attentamente sia la tinta (che deve essere parecchio scura) che l'omogeneità della quantità (che non deve presentare nessuna distinzione tra le escrezioni e la paglia, e non deve emanare un cattivo odore).

Continua la lettura
56

Quando il letame è in fase di completamento dal cumulo, esce molto vapore liberato dalla materia organica in corruzione: qualora proviate a toccarlo, vi accorgerete benissimo che è caldo, perché ogni fermentazione riscalda la sostanza ed emette calore.
Per capire quando i processi fermentativi sono terminati e il letame è giunto ad un ottimo perfezionamento, basterà toccare e sentire se è caldo oppure a temperatura ambiente.
Valutarlo è abbastanza semplice, in quanto potrà risultare da una facile prova consistente nel prendere una pochino di letame, metterlo dentro un recipiente con dell'acqua e osservarne la reazione: dovrà comportarsi come un normale terriccio, senza nessun odore o alcuna scomposizione della massa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

come riconoscere e coltivare il carrubo

Il carrubo, albero sempreverde diffusamente presente soprattutto in Sicilia e Sardegna, appartiene alla famiglia delle Caesalpiniaceae. È una pianta dioica, ovvero che produce fiori solo maschili o solo femminili. In rarissimi casi entrambi i sessi si...
Giardinaggio

Come riconoscere le erbe aromatiche

Ecco pronta una guida, molto utile, tramite la quale, poter essere finalmente in grado d'imparare come riconoscere le erbe aromatiche, in modo tale da poterle utilizzare non solo in cucina, ma anche in altri ambiti, per curare malanni e non solo. Imparare...
Giardinaggio

Come riconoscere l'aloe vera

Appartenente alla famiglia delle Liliaceae, l'Aloe vera è una pianta "succulenta" che predilige climi secchi e caldi. Ha una tendenza cosiddetta arbustiva poiché può raggiungere fino al metro di altezza. Le foglie sono dispose a ciuffo e sono lanceolate...
Giardinaggio

Come riconoscere gli alberi

Chi ama stare a stretto contatto con la natura, di certo sarà curioso di osservare la vegetazione e la fauna locale, magari imparando a riconoscere le specie caratteristiche della zona esplorata. Esistono così tante specie di alberi, che riuscire a...
Giardinaggio

Come Riconoscere La Quercia

La quercia, albero maestoso, appartiene alla famiglia delle Fagacee. Il nome proviene dalla lingua latina "Quercus". In Europa le due specie più diffuse sono la "Quercus robur" e la "Quercus petraea". La seconda è presente anche in Italia, tranne che...
Giardinaggio

Come riconoscere la pianta della genziana

Capito spesso di posizionare nella nostra casa o nelle nostre camere, delle piante. Le piante, oltre a ricreare un ambiente tropicale, hanno anche una funzione decorativa ma soprattutto, quella di profumare l'ambiente in cui le collochiamo. Vi sono tantissime...
Giardinaggio

Come riconoscere le caratteristiche del terreno e migliorarlo

Chi possiede un piccolo o grande giardino sa bene quanto sia importante possedere le giuste conoscenze e competenze al fine di dare il giusto benessere alle piante che coltiva. L'elemento principale, senza il quale evidentemente le piante non potrebbero...
Giardinaggio

Come riconoscere il momento giusto per raccogliere le patate

La coltivazione delle patate è una delle colture più facili. Infatti, non prevede grandi cure e crescono in maniera naturale. Pertanto, si possono anche coltivare sul balcone utilizzano vasi e terriccio universale. L'importante è sistemare e riporre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.