Come riconoscere il vetro temperato

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il vetro temperato, per la sua particolare robustezza, trova largo impiego nella realizzazione di elementi senza struttura portante. Inoltre, per le sue caratteristiche viene anche definito vetro di sicurezza, e molto spesso viene utilizzato nei finestrini delle automobili: infatti, nel caso in cui il vetro si rompa, esso non provocherebbe danni ai passeggeri, in quanto questo vetro ha la particolarità di frantumarsi in piccoli pezzi rotondi. Viene anche utilizzato nelle porte a vetro, nei tavoli e così via. Nei successivi passi, vi mostrerò come riconoscere il vetro temperato. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • Lenti poralizzate
  • Buono spirito di osservazione
  • Vetro temperato
36

Ispezionare lo spessore del vetro

Innanzitutto, non è cosa semplice riconoscere un vetro temperato da uno normale. Secondo la normativa vigente, ogni vetro temperato dovrebbe avere una sua etichetta di identificazione, un marchio, inciso a laser, o in altro modo purché ne sia garantita la non rimozione. Vi consiglio di ispezionare con molta attenzione i quattro angoli del vetro, alla ricerca del marchio d’identificazione apposto dal fabbricante. Esso dovrebbe riportare sia il codice di sicurezza che l’informazione di chi l’ha prodotto. Nel caso in cui non dovreste riscontrare alcun logo, continuate la vostra ispezione, volgendovi all'esame dello spessore. Sappiate che il vetro temperato è molto più spesso di un vetro standard, fino a 5 volte.

46

Individuare la presenza di imperfezioni

In esso, non vi troverete degli spigoli vivi, ma tutti risulteranno particolarmente smussati. Il vetro temperato, una volta colpito dalla luce, vi darà una distorsione delle immagini riflesse, diversamente dal vetro normale. Il processo di riscaldamento provoca in esso delle deformazioni, pur se di lieve entità, molto semplici da identificare. Vi basterà posizionare il vetro in orizzontale e osservarlo molto da vicino, in varie direzioni, per individuarne la presenza o meno, al suo interno, di segni di imperfezioni. Magari potranno essere delle piccole striature color biancastro oppure delle ondulazioni lievi della superficie, causate dall'uso dei rulli durante la fase di fabbricazione.

Continua la lettura
56

Sottoporre il vetro ad alte temperature

In quanto alla rilevazione d’imperfezioni, alcuni adottano il sistema degli occhiali con lenti polarizzate. Pare che queste siano in grado di individuare nei vari angoli, dove risulterebbero molto più nitide, delle striature bluastre, quasi nere, prodotte sempre in fase di riscaldamento dello stesso. Una prova certa la potrete avere sottoponendo il vetro ad un’alta temperatura. Se è vetro temperato, avrete modo di constatare la sua grande resistenza e tolleranza al calore, cosa che peraltro non riscontrerete nel vetro normale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come rimuovere il silicone dal vetro temperato

Il vetro temperato è una delle tipologie di vetro maggiormente usate, in quanto è particolarmente robusto e, in caso di rottura, viene frantumato in piccolissimi pezzi, riducendo il pericolo. Grazie a queste sue caratteristiche (che gli hanno fatto...
Materiali e Attrezzi

Consigli per levigare i bordi del vetro

Il vetro è uno dei materiali più usati nella quotidianità, basta pensare ai vari contenitori, bottiglie e vasi, e tanti altri oggetti o componenti di uso comune. Il vetro si ottiene per solidificazione dell'ossido di silicio, o dell'anidride borica...
Materiali e Attrezzi

Come sostituire il vetro di una finestra

Quando si rompe un vetro di una finestra, la prima cosa che si pensa di fare è portare il vetro rotto da un vetraio. Come tutti ben sappiamo i vetri non hanno un costo bassissimo. Ma con questa guida andrò a spiegarvi come sostituire un vetro di una...
Materiali e Attrezzi

Come modellare il vetro

Il vetro è un materiale usato già nei tempi antichissimi a scopo ornamentale; infatti, si narra che la sua invenzione sia avvenuta per caso ovvero quando alcuni mercanti fenici nel preparare un fuoco sulla sabbia servendosi di panni di nitro furono...
Materiali e Attrezzi

Come tagliare e smussare i bordi del vetro

Il vetro è un materiale la cui nascita risale addirittura al lontano III secolo a. C. Basti pensare che i primi oggetti in vetro sono stati rinvenuti in Fenicia ed in Egitto. Oggi il vetro è largamente diffuso nell'industria e nel commercio ed abbraccia...
Materiali e Attrezzi

Come opacizzare il vetro

Con il termine "vetro satinato", si intende quella lavorazione che rende la sua superficie opaca. Questo trattamento prende il nome di satinatura. Solitamente, i vetri opachi vengono utilizzati per le finestre dei bagni, per le vetrinette o semplicemente...
Materiali e Attrezzi

Come usare la vernice spray sul vetro

Il vetro è una superficie molto particolare e che per questo motivo deve essere trattata in un modo molto diverso rispetto ad altri tipi di superficie. Se si desidera, ad esempio, utilizzare della vernice spray sul vetro, occorre seguire degli accorgimenti...
Materiali e Attrezzi

Come rendere satinato un vetro

In questo articolo, abbiamo ben pensato di offrire una sorta di guida, pratica ed anche del tutto veloce, tramite il cui aiuto concreto, poter essere in grado d'imparare come rendere satinato un normale vetro. Potremo in questo modo essere finalmente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.