Come riconoscere la pianta del mais

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Continui a chiederti come poter riconoscere la pianta del mais dalle diverse colture?
Molto spesso le piante in se delle diverse colture hanno ben poca somiglianza, se non nulla, con i prodotti che acquistiamo tutti i giorni al supermercato. Molto spesso, le persone in presenza di campi coltivati, si chiedono cosa può crescervi. Ci sono diversi modi per conoscere le diverse colture; ma essenziale per individuare il tipo di pianta è conoscerla.
In questa guida infatti vedremo di individuare e imparare le caratteristiche principali che una pianta del mais possiede.

25

Il mais è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Poaceae e, producendo semi ricchi di amido, il mais rientra a pieno tra i cereali proprio come il miglio, il sorgo, l'avena, il segale, il riso, l'orzo e il frumento.
La sua radice è di tipo fascicolato e può raggiungere un metro ed oltre di profondità anche se .
Questa pianta è una dei più importanti cereali, coltivato sia nelle regioni tropicali sia in quelle temperate e in quest'ultimo caso a ciclo primavera-estate in quanto la piante in sè ha bisogno di sole e calde temperature.
Il granturco, o più comunemente Mais, ama le regioni e zone in pieno sole e in particolare ama terreni leggeri, fertili e ben drenati e vengono solitamente piantati nel periodo tra Maggio e Giugno.

35

La pianta del Mais coltivata può raggiungere mediamente i 3 metri di altezza (alcune varietà selvatiche possono addirittura arrivare a 12 metri) ed il fusto (stelo), chiamato anche stocco, è spesso ed eretto, simile quasi ad una canna di bambù segmentata.
Le foglie sono generalmente lunghe e sottili anche se lo sviluppo di queste varia a seconda della loro posizione lungo lo stocco (fusto): troviamo infatti un massimo sviluppo nella parte centrale del fusto mentre verso il basso e verso l'alto si riduce.
Le spighe, che costituiscono le infiorescenze femminili, sono composte fa un tutolo fibroso legato al fusto e ricoperto di foglie.
All'apice della pianta invece si trovano le infiorescenze maschili: le pannocchie.

Continua la lettura
45

In Vicinanza del raccolto la barba diventa marrone e si possono scorgere le spighe marroni che sporgono; I chicchi del mais, ciò per cui tale pianta è conosciuta da tutti, non sono visibili inizialmente, in quanto sono ricoperti dalla buccia che è composta da numerose foglie modificate ma spesso, questa buccia, quando la pianta è pronta per il raccolto, si apre mostrando al suo interno la pannocchia.
Il granturco viene pianto quasi sempre in filari, spesso anche più volte durante una stagione di crescita.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come riconoscere la pianta della betulla

In questa guida, pratica e veloce, vogliamo aiutare tutti i nostri lettori ad imparare e capire come poter riconoscere la pianta della betulla, nella maniera più semplice e veloce possibile, senz arischiare di incorrere in errori e sbagli, a volte anche...
Giardinaggio

Come riconoscere la pianta del sughero

Il sughero è un materiale molto versatile, con il quale abbiamo a che fare tutti i giorni date le sue numerose proprietà che lo rendono utilizzabile in diversi campi. Il sughero ha delle caratteristiche importanti, in quanto è un materiale naturale,...
Giardinaggio

Come riconoscere la pianta del castagno

Il castagno è una bellissima pianta. I suoi frutti, le buonissime ed autunnali castagne, sono una gioia per il palato di molti. Un castagno è il simbolo dell'autunno, dei suoi colori caldi e dei suoi profumi accoglienti. Un castagno è una pianta davvero...
Giardinaggio

Come riconoscere la pianta del pioppo

Il pioppo, nome comune per Populus, appartiene alla famiglia delle Salicacee. È una pianta che cresce rapidamente e che può raggiungere un'altezza di 30 m. Il pioppo ha origine nell'emisfero settentrionale; in Italia è molto diffuso. Esso viene coltivato...
Giardinaggio

Come Riconoscere La Pianta Dell'Ambrosia

L'Ambrosia conosciuta secondo il codice botanico come "Ambrosia Artemisiifolia", è una pianta che appartiene al genere Spermatofite Dicoltiledoni; appartenente alla famiglia delle Asteraceae dall'aspetto di piccole erbacee annuali o perenni dalla tipica...
Giardinaggio

Come coltivare il mais

Il mais è una pianta annuale molto facile da coltivare in qualsiasi giardino. Inoltre, a differenza dei pomodori o della maggior parte degli altri ortaggi, che impiegano un lungo periodo di tempo per crescere, il mais cresce molto più rapidamente. La...
Giardinaggio

I migliori fertilizzanti per un campo di mais

Fare del giardinaggio è un hobby che richiede molta pazienza e tempo libero, e altrettanto dicasi se invece decidiamo di coltivare un campo di mais. Nello specifico si tratta infatti di un prodotto che deve essere adeguatamente arricchito di fertilizzanti,...
Giardinaggio

Pianta bio: consigli per riconoscerla

Una pianta, di qualunque specie sia, per crescere sana, forte e rigogliosa necessita della corretta cura e del giusto nutrimento, il tutto nel rispetto della pianta stessa e della natura. Questo significa che per mantenere in salute una pianta bisogna...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.