Come riconoscere la pianta della genziana

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Capito spesso di posizionare nella nostra casa o nelle nostre camere, delle piante. Le piante, oltre a ricreare un ambiente tropicale, hanno anche una funzione decorativa ma soprattutto, quella di profumare l'ambiente in cui le collochiamo. Vi sono tantissime piante che, si tengono in casa, soprattutto per profumare l'ambiente e renderlo più bello. Per esempio, possiamo trovare la menta, il rosmarino, la salvia, il prezzemolo, il basilico e molte altre. Di seguito, vi mostreremo come riconoscere la pianta della genziana in modo semplice e veloce.

27

Occorrente

  • Libro sulle piante
  • sito internet che parla di piante
37

La pianta della genziana

La pianta della genziana, appartiene alla famiglia delle Gentianacee. In Italia la pianta della genziana si trova sulle Alpi, ma anche negli Appennini. Questa pianta, è molto bella poiché ha un colore blu oltremare intenso dei fiori simili a delle stelle. La pianta genziana, presenta cinque petali a forma di elica ed una gola bianca. Lo sviluppo di questi ultimi, avviene da gemme a forma di piramide da fine di aprile per tutto il mese di maggio. Sono una delle piante più adatte per allestire un giardino in stile alpino. Creare tale giardino richiede molta praticità, e un'attenzione specifica.

47

Le varietà

Queste piante sono molto facili da riconoscere poiché nascono sopra a dei ciuffi di erba verde. Inoltre hanno foglie lanceolate che si raccolgono principalmente sulla base, anche se alcune si propagano lungo il sottile stelo. La genziana, tuttavia, si contraddistingue per diverse varietà: la Verna, per esempio, si trova spesso in vendita nei vivai e viene scelta per la sua robustezza. Ne esiste, poi, una sottospecie di origine balcanica, caratterizzata da foglie a forma di uovo, fiori decisamente più grandi ed ali del calice più ampie rispetto al tipo standard.

Continua la lettura
57

Come coltivarla

Questa pianta è amante del terreno calcareo e richiede un pH di 6,5 o superiore. Tale pianta, necessita di un ottimo drenaggio, quindi, è necessario coltivarla in un giardino roccioso, in grado di garantire permeabilità al suolo. Le sue dimensioni sono davvero ridotte e la bellezza dei fiori, la rendono particolarmente adatta per vasi o cassette. Il periodo migliore per piantarla, va dalla primavera all'autunno. Per piantarla, scegliete un mix di argilla, terriccio di foglie, torba e scaglie di calcare. Il secondo è un materiale organico adatto a mantenere l'umidità attorno alle radici nel periodo estivo. Non fatele mai mancare innaffiature quotidiane. Quindi avete visto come riconoscere e come curare in modo semplice e veloce la pianta della genziana.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Va coltivata in un giardino roccioso in grado di garantire permeabilità al suolo
  • Scegliete un mix di argilla, terriccio di foglie, torba e scaglie di calcare.
  • Ricordatevi di annaffiare spesso la pianta della genziana
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come riconoscere la pianta della betulla

In questa guida, pratica e veloce, vogliamo aiutare tutti i nostri lettori ad imparare e capire come poter riconoscere la pianta della betulla, nella maniera più semplice e veloce possibile, senz arischiare di incorrere in errori e sbagli, a volte anche...
Giardinaggio

Come riconoscere la pianta del sughero

Il sughero è un materiale molto versatile, con il quale abbiamo a che fare tutti i giorni date le sue numerose proprietà che lo rendono utilizzabile in diversi campi. Il sughero ha delle caratteristiche importanti, in quanto è un materiale naturale,...
Giardinaggio

Come riconoscere la pianta del castagno

Il castagno è una bellissima pianta. I suoi frutti, le buonissime ed autunnali castagne, sono una gioia per il palato di molti. Un castagno è il simbolo dell'autunno, dei suoi colori caldi e dei suoi profumi accoglienti. Un castagno è una pianta davvero...
Giardinaggio

Come riconoscere la pianta del pioppo

Il pioppo, nome comune per Populus, appartiene alla famiglia delle Salicacee. È una pianta che cresce rapidamente e che può raggiungere un'altezza di 30 m. Il pioppo ha origine nell'emisfero settentrionale; in Italia è molto diffuso. Esso viene coltivato...
Giardinaggio

Come Riconoscere La Pianta Dell'Ambrosia

L'Ambrosia conosciuta secondo il codice botanico come "Ambrosia Artemisiifolia", è una pianta che appartiene al genere Spermatofite Dicoltiledoni; appartenente alla famiglia delle Asteraceae dall'aspetto di piccole erbacee annuali o perenni dalla tipica...
Giardinaggio

Pianta bio: consigli per riconoscerla

Una pianta, di qualunque specie sia, per crescere sana, forte e rigogliosa necessita della corretta cura e del giusto nutrimento, il tutto nel rispetto della pianta stessa e della natura. Questo significa che per mantenere in salute una pianta bisogna...
Giardinaggio

Come verificare se una pianta ha mancanza di azoto

Le piante attingono dal terreno le sostanze nutritive necessario per vivere. L'azoto è sicuramente l'elemento più importante, perché partecipa alla sintesi proteica, alla costituzione degli acidi nucleici e di tutti gli altri costituenti cellulari....
Giardinaggio

Come prendersi cura della pianta di cicuta

La Cicuta è una pianta, o per meglio dire, un albero, d'origine americana, conosciuta in gran parte del mondo per il suo essere estremamente velenosa. Nonostante ciò, sono parecchie le persone che decidono di inserire nel proprio giardino un alberello...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.