Come Riconoscere La Pianta Dell'Ambrosia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

L'Ambrosia conosciuta secondo il codice botanico come "Ambrosia Artemisiifolia", è una pianta che appartiene al genere Spermatofite Dicoltiledoni; appartenente alla famiglia delle Asteraceae dall'aspetto di piccole erbacee annuali o perenni dalla tipica infiorescenza a racemo; queste piante sono considerate infestanti (ne esistono più di trenta specie in tutto il mondo). Hanno una apparenza molto ordinaria e pur essendo molto diffuse, passano frequentemente inosservate. Quasi nessun erbivoro le cerca e non ospitano molti insetti. Molte si sono adattate a climi aridi del deserto. Si ritiene che questa pianta non sia originaria dell'Europa, ma sia stata importata forse dalle Americhe in un periodo non precisato. Nei passi a seguire troverete alcuni consigli su come riconoscere la pianta dell'ambrosia.

24

Questi tipi di piante possono raggiungere mediamente l'altezza di 1 - 2 metri e formano a seconda dei casi dei cespugli o degli arbusti. Le forme biologiche delle specie di questo genere (almeno per le specie spontanee europee) possono essere di due tipi a seconda del ciclo biologico delle piante: geofita rizomatosari (G rhiz) per le annuali e terofita scaposa (T scap) per le perenni. Sono inoltre, specie monoiche (i fiori maschili e femminili sono separati ma presenti sulla stessa pianta) e in genere si presentano cenerine-villose, ma possono essere anche glabrescenti.

34

Le radici sono secondarie da rizoma o da fittone. La parte sotterranea ha un asse che sprofonda verticalmente nel terreno (fittone) oppure forma dei rizomi intricati e striscianti. La parte epigea (la parte aerea) del fusto può essere: ascendente, decombente, fogliosa o ramosa con diversi racemi (fino a 40). Le diramazioni partono in genere alla base della pianta. Le foglie lungo il fusto sono disposte in modo opposto a quelle inferiori e sono alternate a quelle superiori; sono picciolate o sessili e sono divise in bi-pennatifide e palmate. La forma può essere: ellittica, filiforme, lanceolata, lineare, obovata, ovata o rombica. I lobi (o segmenti) a loro volta possono essere dentati. I piccioli in certe specie sono alati. La lamina superiore è colorata di verde scuro; mentre quella inferiore è simile ma più chiara (glauca o cenerina).

Continua la lettura
44

È possibile trovare l'ambrosia in grandi prati, lungo i corsi d'acqua, sugli argini delle strade ma anche nei terreni abbandonati. È una pianta talmente resistente che è riuscita ad adattarsi anche alle zone più aride del globo. Pare che il nome di questa pianta sia proprio dovuto alla sua robustezza, in quanto nell'antica Grecia l'Ambrosia era il nettare degli Dei ed era sinonimo di immortalità.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come riconoscere la pianta della genziana

Capito spesso di posizionare nella nostra casa o nelle nostre camere, delle piante. Le piante, oltre a ricreare un ambiente tropicale, hanno anche una funzione decorativa ma soprattutto, quella di profumare l'ambiente in cui le collochiamo. Vi sono tantissime...
Giardinaggio

Come riconoscere la pianta della betulla

In questa guida, pratica e veloce, vogliamo aiutare tutti i nostri lettori ad imparare e capire come poter riconoscere la pianta della betulla, nella maniera più semplice e veloce possibile, senz arischiare di incorrere in errori e sbagli, a volte anche...
Giardinaggio

Come riconoscere la pianta del sughero

Il sughero è un materiale molto versatile, con il quale abbiamo a che fare tutti i giorni date le sue numerose proprietà che lo rendono utilizzabile in diversi campi. Il sughero ha delle caratteristiche importanti, in quanto è un materiale naturale,...
Giardinaggio

Come riconoscere la pianta del castagno

Il castagno è una bellissima pianta. I suoi frutti, le buonissime ed autunnali castagne, sono una gioia per il palato di molti. Un castagno è il simbolo dell'autunno, dei suoi colori caldi e dei suoi profumi accoglienti. Un castagno è una pianta davvero...
Giardinaggio

Come riconoscere la pianta del pioppo

Il pioppo, nome comune per Populus, appartiene alla famiglia delle Salicacee. È una pianta che cresce rapidamente e che può raggiungere un'altezza di 30 m. Il pioppo ha origine nell'emisfero settentrionale; in Italia è molto diffuso. Esso viene coltivato...
Giardinaggio

Pianta bio: consigli per riconoscerla

Una pianta, di qualunque specie sia, per crescere sana, forte e rigogliosa necessita della corretta cura e del giusto nutrimento, il tutto nel rispetto della pianta stessa e della natura. Questo significa che per mantenere in salute una pianta bisogna...
Giardinaggio

Come verificare se una pianta ha mancanza di azoto

Le piante attingono dal terreno le sostanze nutritive necessario per vivere. L'azoto è sicuramente l'elemento più importante, perché partecipa alla sintesi proteica, alla costituzione degli acidi nucleici e di tutti gli altri costituenti cellulari....
Giardinaggio

Come prendersi cura della pianta di cicuta

La Cicuta è una pianta, o per meglio dire, un albero, d'origine americana, conosciuta in gran parte del mondo per il suo essere estremamente velenosa. Nonostante ciò, sono parecchie le persone che decidono di inserire nel proprio giardino un alberello...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.