Come riconoscere la selce

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'utilizzo della selce risale all'epoca preistorica. Già nell'età età paleolitica e neolitica, questo minerale veniva impiegato per la lavorazione di manufatti. Grazie alla sua caratteristica principale, cioè la resistenza e la robustezza, era utilizzata anche per la realizzazione di armi. Nel corso dei secoli, la selce è sempre stata sfruttata per la creazione di manufatti via via più complessi, con metodi di lavorazione che permettevano una lavorazione più complessa. La selce è largamente presente in natura ed ha caratteristiche particolari ed inconfondibili che permettono, anche ai meno esperti, di riconoscere questo minerale piuttosto facilmente. Nella guida che segue, saranno approfondite tutte le caratteristiche principali della selce e sarà spiegato inoltre come oggi viene utilizzata.

26

Occorrente

  • Selce
36

La selce è una roccia sedimentaria la cui origine può essere sia chimica che organica. Nel primo caso la sua formazione deriva dall'influenza di episodi geologici come i geyser o sorgenti termali. In questi ambienti difatti il PH dell'acqua è piuttosto variabile e la silice si forma in modo naturale. Nel secondo caso, di gran lunga più comune, la selce di forma grazie a depositi organici come gusci silicei provenienti da organismi come ad esempio la spugne silicee o le diatomee. La selce è una pietra abbastanza dura e resistente e possiede un aspetto piuttosto compatto.

46

La selce può presentarsi in diverse colorazioni che vanno dal giallo chiaro al rosso bruno, fino ad arrivare alla variante più scura del nero. Altra caratteristica che salta subito all'occhio è l'immancabile frattura concoide. I giacimenti possono presentarsi in forma stratificata, oppure possono presentarsi dei noduli dalle forme e dimensioni più svariate. È bene sapere inoltre che la selce, di solito, si accentra in lenti piuttosto compatte e particolarmente resistenti agli agenti atmosferici.

Continua la lettura
56

Adesso che avete conosciuto un po' meglio le caratteristiche della selce, analizzatene l'uso al giorno d'oggi. Se infatti nel passato la selce era molto utilizzata per la realizzazione di armi ed utensili, appare evidente che oggi l'utilizzo sarà ben diverso. La selce infatti, viene impiegata nella realizzazione di pavimentazioni dall'aspetto un po' rustico. Sono utilizzati principalmente nella lastricatura di viali in giardini particolarmente curati, ma anche nel rivestimento di strade nel centro storico di città storiche, il cosiddetto selciato.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • È bene sapere inoltre che la selce, di solito, si accentra in lenti piuttosto compatte e particolarmente resistenti agli agenti atmosferici.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come riconoscere la pianta del sughero

Il sughero è un materiale molto versatile, con il quale abbiamo a che fare tutti i giorni date le sue numerose proprietà che lo rendono utilizzabile in diversi campi. Il sughero ha delle caratteristiche importanti, in quanto è un materiale naturale,...
Giardinaggio

Come Riconoscere La Tipuana Tipu

La Tipuana Tipu è un albero decisamente maestoso molto adatto come decorazione di giardini. Tuttavia lo si apprezza anche per la sua bellissima e rigogliosa fioritura, il che lo rende un esemplare molto ricercato. A tale proposito ecco una guida in cui...
Giardinaggio

Come riconoscere il bellium crassifolium

Le margherite che vediamo abbellire i nostri prati in primavera, non sono tutte uguali. A volte ne riconosciamo l'identità attraverso il colore o il profumo. In Italia nascono spontanee soprattutto nelle regioni del sud, come: Calabria, Puglia e Sicilia....
Giardinaggio

Come Riconoscere La Phoenix Dactylifera

Chi ha la passione per il giardinaggio sa bene quanto sia importante saper riconoscere le diverse tipologie di piante. In questo possiamo dare le giuste e appropriate attenzione al fine di garantirgli una vita florida e rigogliosa. Infatti ogni pianta...
Giardinaggio

Come riconoscere gli alberi

Chi ama stare a stretto contatto con la natura, di certo sarà curioso di osservare la vegetazione e la fauna locale, magari imparando a riconoscere le specie caratteristiche della zona esplorata. Esistono così tante specie di alberi, che riuscire a...
Giardinaggio

Come riconoscere la pianta della genziana

Capito spesso di posizionare nella nostra casa o nelle nostre camere, delle piante. Le piante, oltre a ricreare un ambiente tropicale, hanno anche una funzione decorativa ma soprattutto, quella di profumare l'ambiente in cui le collochiamo. Vi sono tantissime...
Giardinaggio

Come Riconoscere La Quercia

La quercia, albero maestoso, appartiene alla famiglia delle Fagacee. Il nome proviene dalla lingua latina "Quercus". In Europa le due specie più diffuse sono la "Quercus robur" e la "Quercus petraea". La seconda è presente anche in Italia, tranne che...
Giardinaggio

Come Riconoscere L'Aloe Vera

Appartenente alla famiglia delle Liliaceae, l'Aloe Vera, è una pianta "succulenta" che predilige climi secchi e caldi. Ha una tendenza cosiddetta arbustiva; il suo arbusto, può raggiungere fino al metro di altezza. Le foglie sono dispose a ciuffo e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.