Come riconoscere la vera ambra

Tramite: O2O 18/05/2016
Difficoltà: media
17

Introduzione

Siete appassionati di antiche rocce, minerali, resine esistenti sulla terra fin dai tempi dei dinosauri? Se questa è la vostra passione, all'interno di questa guida, vi verrà spiegato come riconoscere la vera ambra. L'ambra si divide in due tipi, che si differenziano a seconda del colore e della loro provenienza: esiste, infatti, l'ambra gialla e l'ambra grigia, ma quest'ultima ha un'origine completamente diversa, essendo una sostanza proveniente dalla secrezione dell'intestino dei capodogli, normalmente utilizzata in profumeria. Vediamo quindi come procedere.

27

Occorrente

  • un panno di lana
  • un accendino
  • un bicchiere d'acqua
  • 5 cucchiaini di sale
  • olfatto
37

Tipologie

Come prima cosa, la vera ambra invece è di origine vegetale ed è quella comunemente utilizzata in campo orafo, corrispondente a diverse sfumature di colori: gialla, verde, blu, bianca, rossa e bruna. I tipi più conosciuti sono quella gialla e quella rossa. L'ambra gialla si estrae in Messico e rappresenta il 15% dell'estrazione totale del paese sud americano, in quanto ne vengono prodotti circa 150 kg l'anno, l'ambra rossa invece proviene dal Mar Baltico e ne vengono estratte ben 600 tonnellate all'anno. I metodi per riconoscerla, sono davvero tanti, ma il più comune è quello di prendere un panno di lana e strofinarlo energicamente: se l'ambra è vera, attirerà a sé qualsiasi oggetto grazie all'energia elettrostatica.

47

Prova di autenticità

Tuttavia, bisogna fare attenzione a non confondere l'ambra con il copale, pur essendo molto simile. Il copale è una resina vegetale sub-fossile, e si tratta di una resina che non è ancora diventata ambra, praticamente una sorta di ambra che non ha raggiunto il suo grado di maturazione. Un altro metodo per riconoscerla, è la prova di galleggiamento. L'ambra, infatti, immersa in un bicchiere d'acqua galleggia, a differenza di ambra contraffatta (sintetica) che affonderebbe. In ogni caso, i metodi più efficaci per riconoscere un'ambra senza ombra di dubbio sono: la prova del calore, la prova della solubilità e la prova della luce UV.

Continua la lettura
57

Gradevole profumo

Se scaldate l'ambra con una fiamma viva, non annerirà, ma diventerà rovente e sprigionerà un gradevole profumo, mentre se la inumidite con un po' d'acetone, non avrà alcuna reazione, a differenza invece del copale che diventerebbe viscoso. Infine, se esposta a luce UV, l'ambra assume un aspetto fluorescente tipico dell'ambra autentica. Purtroppo, in campo orafo, è molto facile contraffarla con materiali solitamente sintetici che visivamente si avvicinano molto all'originale, ma con gli accorgimenti appena citati la si può riconoscere molto facilmente.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come realizzare una vera pignatta messicana

Secondo un’ipotesi abbastanza diffusa, sarebbero stati i cinesi i primi ad utilizzare qualcosa di simile alla pignatta durante la celebrazione del loro capodanno, che coincideva con l’inizio della stagione primaverile. In pratica realizzavano delle...
Bricolage

Come riconoscere i tipi di fili elettrici

Non sempre si è a conoscenza degli elementi che costituiscono le condutture elettriche. In modo particolare, risulta essere molto difficile, agli inesperti, riuscire ad identificare il filo neutro, quello di fase oppure di messa a terra. Questi sono...
Bricolage

Come utilizzare i barattoli di vetro

I barattoli di vetro possono essere utilizzati per vari scopi, non solo in cucina, per la conservazione dei cibi, ma anche per l'arredo, adattandoli al proprio gusto con un pizzico di fai da te. Se i progetti realizzabili sono molteplici, lungo questa...
Bricolage

Come creare la culla di Gesù Bambino con la cera

Il Natale è un giorno molto particolare ed importante per tutti i Cristiani, perché è il giorno in cui è nato Gesù. Durante il periodo natalizio, è tradizione addobbare la propria abitazione con tipici decori tipici del Natale, come l'albero di...
Bricolage

Come creare decorazioni natalizie con le perline

Cosa sarebbe l'albero di Natale senza le sfavillanti perline che lo addobbano come da tradizione? Le decorazioni natalizie si sa, piacciono sempre. In commercio è possibile trovarne di mille forme e di molteplici colori, ma senza dubbio le più belle...
Bricolage

Come decorare l'alluminio

Tra i materiali che potete utilizzare solitamente in cucina, l'alluminio assume spesso un ruolo di primo piano. Se volete, potete farne un utilizzo molto creativo e particolare. Infatti, in molti non sanno che si può decorare l'alluminio, con un effetto...
Bricolage

Come Realizzare Un Intarsio Geometrico Con Il Piallaccio Per Decorare Un Mobile

La maggior parte dei mobili che oggi vengono realizzati, hanno rivestimenti di piallaccio più o meno elegante, dando al mobile stesso una vera e propria identità. Il piallaccio, inoltre, si può modellare con varie metodologie. Basta poco per rendere...
Bricolage

Come restaurare un'oleografia

La riproduzione oleografica di un dipinto rappresenta una tecnica molto utilizzata nella seconda metà dell'ottocento. Questa si tratta di una vera e propria stampa di un quadro, in modo da risultare particolarmente simile all'originale, dal momento che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.