Come Riconoscere La Vera Ambra

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Siete appassionati di antiche rocce, minerali, resine esistenti sulla terra fin dai tempi dei dinosauri? Se questa è la vostra passione, all'interno di questa guida, vi verrà spiegato come riconoscere la vera ambra. L'ambra si divide in due tipi, che si differenziano a seconda del colore e della loro provenienza: esiste, infatti, l'ambra gialla e l'ambra grigia, ma quest'ultima ha un'origine completamente diversa, essendo una sostanza proveniente dalla secrezione dell'intestino dei capodogli, normalmente utilizzata in profumeria. Vediamo quindi come procedere.

27

Occorrente

  • un panno di lana
  • un accendino
  • un bicchiere d'acqua
  • 5 cucchiaini di sale
  • olfatto
37

Come prima cosa, la vera ambra invece è di origine vegetale ed è quella comunemente utilizzata in campo orafo, corrispondente a diverse sfumature di colori: gialla, verde, blu, bianca, rossa e bruna. I tipi più conosciuti sono quella gialla e quella rossa. L'ambra gialla si estrae in Messico e rappresenta il 15% dell'estrazione totale del paese sud americano, in quanto ne vengono prodotti circa 150 kg l'anno, l'ambra rossa invece proviene dal Mar Baltico e ne vengono estratte ben 600 tonnellate all'anno. I metodi per riconoscerla, sono davvero tanti, ma il più comune è quello di prendere un panno di lana e strofinarlo energicamente: se l'ambra è vera, attirerà a sé qualsiasi oggetto grazie all'energia elettrostatica.

47

Tuttavia, bisogna fare attenzione a non confondere l'ambra con il copale, pur essendo molto simile. Il copale è una resina vegetale sub-fossile, e si tratta di una resina che non è ancora diventata ambra, praticamente una sorta di ambra che non ha raggiunto il suo grado di maturazione. Un altro metodo per riconoscerla, è la prova di galleggiamento. L'ambra, infatti, immersa in un bicchiere d'acqua galleggia, a differenza di ambra contraffatta (sintetica) che affonderebbe. In ogni caso, i metodi più efficaci per riconoscere un'ambra senza ombra di dubbio sono: la prova del calore, la prova della solubilità e la prova della luce UV.

Continua la lettura
57

Se scaldate l'ambra con una fiamma viva, non annerirà, ma diventerà rovente e sprigionerà un gradevole profumo, mentre se la inumidite con un po' d'acetone, non avrà alcuna reazione, a differenza invece del copale che diventerebbe viscoso. Infine, se esposta a luce UV, l'ambra assume un aspetto fluorescente tipico dell'ambra autentica. Purtroppo, in campo orafo, è molto facile contraffarla con materiali solitamente sintetici che visivamente si avvicinano molto all'originale, ma con gli accorgimenti appena citati la si può riconoscere molto facilmente.

67

Guarda il video

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come realizzare una vera pignatta messicana

Secondo un’ipotesi abbastanza diffusa, sarebbero stati i cinesi i primi ad utilizzare qualcosa di simile alla pignatta durante la celebrazione del loro capodanno, che coincideva con l’inizio della stagione primaverile. In pratica realizzavano delle...
Bricolage

Come riconoscere un trenino di latta antico autentico

I trenini di latta, sono oggetti di notevole interesse per i collezionisti più esigenti, alcuni modelli particolarmente rari, hanno un costo superiore alle diecimila euro. Nel caso si tratti di un modello tanto antico il prezzo sale, sfiorando cifre...
Bricolage

Come riconoscere un orologio da carrozza autentico

L'orologio da carrozza rappresenta forse la tipologia di orologio tra i più sofisticati e raffinati nel panorama dell'orologeria mondiale. Costruiti per la prima volta in Germania nel seicento, si svilupparono ben presto in tutta Europa, fino a diventare,...
Bricolage

Come Riconoscere Un Meridienne Autentico

In questa guida ci soffermeremo sulla descrizione dei particolari e dei dettagli che fanno in modo di riconoscere un vero mobile antico, in questo caso un meridienne antico. Saper riconoscere un mobile di valore e di antiquariato è molto importante per...
Bricolage

Come riconoscere l'Apodemus

Sapevate che diverse regioni del mondo sono popolate di Apodemus? A molti la notizia, di fatto per nulla sorprendente, non farà affatto piacere. Già, perché Apodemus altro non è che il nome scientifico di un genere di piccoli roditori, comunemente...
Bricolage

Come riconoscere il pomodoro di mare

Il mare tra le tante specie di pesci, ci regala dei sorprendenti esemplari di attinie che a volte vengono definiti con un appellativo comune; infatti, è importante sapere che esiste un anemone che prende il nome di pomodoro di mare. Il nome gli è...
Bricolage

Come riconoscere i tipi di fili elettrici

Non sempre si è a conoscenza degli elementi che costituiscono le condutture elettriche. In modo particolare, risulta essere molto difficile, agli inesperti, riuscire ad identificare il filo neutro, quello di fase oppure di messa a terra. Questi sono...
Bricolage

Come riconoscere le chiocciole tramite le caratteristiche fisiche

Tutti gli amanti degli animali sono esperti conoscitori delle specie che popolano la nostra terra. Spesso però si tende a trascurare gli animaletti che più frequentemente troviamo nel nostro territorio. È importante invece conoscerli in maniera approfondita...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.