Come riconoscere le caratteristiche del terreno e migliorarlo

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Chi possiede un piccolo o grande giardino sa bene quanto sia importante possedere le giuste conoscenze e competenze al fine di dare il giusto benessere alle piante che coltiva. L'elemento principale, senza il quale evidentemente le piante non potrebbero vivere in maniera ottimale, è il terreno sul quale esse sono state piantate. Lo scopo di questa guida verte proprio su questo aspetto fondamentale per chi possiede l'hobby e la passione del giardinaggio. Per cui vedremo in maniera chiara come poter riconoscere le caratteristiche del terreno e migliorarlo. Cosi da poter coltivare in tutta tranquillità le nostre piante, poiché arricchendo il terreno di sostanze nutritive garantiremo ai vegetali una certa vita florida.

27

Il terreno è composto da tre strati: suolo, sottosuolo e roccia madre. Per capire quali sostanze sono contenute nel primo strato dobbiamo prenderne in mano una manciata e osservare da vicino. Se la manciata di terra che abbiamo preso in mano, scivola via in granelli, abbiamo davanti un terreno sabbioso. L'acqua e i fertilizzanti diluiti scorrono via facilmente e sotto il suolo si scalda rapidamente. Se il terreno è di aspetto chiaro, se sono presenti sassi e si sbriciola facilmente, allora il terreno sarà di tipo calcareo.

37

Se quando è bagnato, si modella sotto la pressione delle dita e, quando è asciutto, è friabile e polveroso, allora possiamo stabilire che il terreno che abbiamo davanti è di tipo argilloso, detto anche terreno pesante. Questo tipo di terra, lascia passare poca acqua e poca aria.

Continua la lettura
47

Se è scuro e spugnoso, piuttosto elastico sotto la pressione delle dita, si tratta di terreno torboso. Il terreno lo possiamo correggere, cioè migliorare. Dobbiamo provvedere ad arricchire il primo strato di sostanza organica che fornisce sostanze nutrienti alle piante e permette al terreno di ottenere in modo ottimale l'acqua di irrigazione.

57

In base al tipo di terreno che abbiamo, possiamo fare dei trattamenti: per il terreno argilloso, dobbiamo provvedere in autunno, a frantumare le zolle e mettere dello stallatico. In primavera mettiamo della sabbia. Se il terreno è sabbioso, in autunno, spargiamo sulla superficie stallatico maturo, mentre in estate, copriamo la superficie con del materiale organico.

67

Per il terreno calcareo incorporiamo del materiale organico per contrastare la tendenza a diventare asciutto. Mentre possiamo correggere il terreno torboso con della sostanza organica associata a sabbia per trasformarlo in terreno florido, prevalentemente acido. Vi auguro a questo punto della guida un sincero buon lavoro nel riconoscimento e miglioramento di un terreno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come far crescere l'erba in un terreno argilloso

Per ottenere i migliori risultati, sia nell'orto sia i giardino, è necessario conoscere la situazione fisico-chimica del terreno. Vi sono, in natura, terreni più o meno spiccatamente acidi, neutri, alcalini; possono anche essere argillosi, sabbiosi,...
Giardinaggio

5 piante per un terreno argilloso

Se avete un giardino che si presenta con un terreno argilloso, è importante sapere che non tutte le piante sono adatte per questo tipo di suolo per cui la scelta deve essere oculata. Ci sono infatti alcune specie di tipo perenne che per proliferare nel...
Giardinaggio

Come Analizzare Un Terreno

Analizzare un terreno significa determinarne le sue caratteristiche biologiche, chimiche e fisiche; tali caratteristiche condizionano la coltivazione delle diverse specie di piante. Ma cos'è il terreno e com'è composto? Per conoscerne le caratteristiche...
Giardinaggio

Come ravvivare il terreno del nostro giardino

Chi ha la fortuna di possedere un giardino, si sarà accorto che con l'alternarsi delle stagioni e con il passare degli anni il terreno perde molte delle sostanze nutritive in esso contenute, che portano ad un minore resa dello stesso. In questa una guida,...
Giardinaggio

Tecniche per aumentare il livello di azoto nel terreno

La sfida di migliorare il terreno da coltivare è la prima cosa da affrontare per ottenere il risultato sperato. Ma non tutti i terreni sono adatti ad una particolare coltura. Gli agricoltori si basano su specifiche strategie per migliorare il suolo e...
Giardinaggio

Come arricchire un terreno sabbioso

Un terreno si definisce sabbioso quando la presenza di sabbia è superiore al 70%. Esistono diversi tipi di sabbia con granuli di diverse dimensioni. Solitamente la grandezza dei granelli va dai 50 micron ai 2 millimetri. La sabbia viene anche classificata...
Giardinaggio

Come preparare il terreno per un tappeto erboso

Volete ottenere il prato dei vostri sogni? Niente paura, questa guida fa certamente al caso vostro! Infatti, con pochi e semplici passaggi ma soprattutto con i miei infallibili consigli, vi spiegherò nella maniera più chiara e comprensibile possibile...
Giardinaggio

Come livellare il terreno

Prima di coltivare qualsiasi pianta in giardino, o se bisogna installare una piscina, è necessario il terreno sia ben livellato. Se si effettua questa operazione, il terreno degrada più lentamente e non occorre poi dover agire per pareggiare eventuali...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.