Come riconoscere le foglie degli alberi

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Molte persone amano la natura e studiarne ogni aspetto, sia che si tratti di animali, sia che si tratti di piante. Conoscere le diverse specie è un po' il pallino di molte persone.
La natura va senza ombra di dubbio rispettata, e per farlo in maniera ottimale occorre conoscerla in maniera approfondita e soprattutto appropriata. Gli alberi rappresentano un po' il simbolo della natura, per cui è fondamentale rispettarli al meglio. Lo scopo di questa guida è quello di poter vedere come fare in maniera efficace a distinguere le tantissime tipologie di alberi che popolano il nostro pianeta. Vediamo quindi, attraverso passi efficaci e molto semplici, come poter riconoscere le foglie degli alberi. In questo modo potremo davvero in maniera rapida e sicura capire con che tipo di albero abbiamo a che fare. Attraverso pochi e semplici passaggi daremo utili suggerimenti che vi aiuteranno a studiare meglio gli alberi.

24

Tipologia di foglia

La foglia può essere semplice o composta. Le caratteristiche principali della foglia, che ci permettono di identificare un albero, sono: forma, colore, consistenza e dimensione. Forma: la prima differenziazione che ci permette questa caratteristica è quella di separare gli alberi in due macro-categorie. Conifere: le foglie hanno forma regolare, sono aghiformi o a squame, in genere sono sempreverdi. Latifoglie: le foglie sono larghe e piatte e spesso hanno i bordi irregolari, sono quelle che si trovano più spesso per terra perché di solito appartengono ad alberi stagionali.

34

Disegno della foglia

Possono essere seghettati, dentati, interi o lobati (quercia). Le nervature: osservabili in controluce, possono essere parallele, reticolate o divise. Colore: le foglie cambiano colore a seconda dell'età, della stagione dell'albero. Quindi è sicuramente la caratteristica che rende più difficile l'identificazione. Dal colore possiamo identificare se l'albero è o non è sempreverde e monitorarne il benessere. Un albero sempreverde che tende al giallo o manifesta delle macchioline scure non sta bene. Il colore ci può aiutare a raccogliere altre informazioni sull'albero che stiamo osservando, ma non è identificativo della specie a meno che non sia caratterizzata da colorazioni particolari (come il prunus o l'acero dalle foglie rosse).

Continua la lettura
44

Tipologia di ruvidezza

Le foglie al tatto possono risultare lisce, ruvide, vellutate, sottili o spesse. Affidandoci anche al tatto, sarà più facile imparare a riconoscere gli alberi da cui provengono. Dimensione: le dimensioni sono così varie che non possono essere classificate semplicemente in piccole, medie e grandi. Le piante comuni di solito si mantengono entro la grandezza media di una mano, quelle tropicali sono le più grandi e le foglie delle piante da fiori risultano essere spesso le più piccole. Non rimane a questo punto che provare quanto esposto in questa guida, e soprattutto di vivere una giornata a contatto con gli alberi e la natura.
Se si è dei buoni studiosi e soprattutto osservatori, si riesce a prima vista a riconoscere le foglie delle varie specie di alberi che popolano la nostra terra. Se invece siete alle prime armi e ancora non sapete bene come orientarvi, non vi preoccupate, i suggerimenti di questa guida faranno esattamente al caso vostro, e in poco tempo diventerete degli esperti. Vi auguro quindi buono studio.
A presto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come propagare gli alberi sempreverdi

Olivi, tassi, magnolie, conifere, corbezzoli ed eucalipti, sono solo alcune delle tante specie di piante sempreverdi che ingentiliscono i giardini delle nostre città. Piuttosto esigenti in fatto di terreno ed esposizione alla luce diretta, questi alberi...
Giardinaggio

Come scegliere le piante sempreverdi per appartamento

La disponibilità di tempo per prenderci cura delle piante e mantenerle nel nostro ambiente di vita e di lavoro è tremendamente poca. Un pianta però è una silenziosa compagna di cui è bello potersi prender cura. Tuttavia, è bene valutare per un momento...
Giardinaggio

10 piante ideali per un giardino giapponese

Un vero giardino giapponese deve essere sempre curato in ogni minimo particolare al fine di trasmettere pace ed equilibrio a chi vi passa del tempo al suo interno. I tre elementi che non possono assolutamente mancare all'interno di un giardino giapponese...
Giardinaggio

Cura dell'oleandro: 5 errori comuni da evitare

L'oleandro è una bellissima e fantastica pianta. Essa è conosciuta anche per essere un arbusto sempreverde, cioè per arbusto si intende un vegetale che è simile ad un albero e i propri rami si separano dal tronco principale quando sono posizionati...
Giardinaggio

Le migliori piante da siepe

Se abbiamo il pollice verde ed un bello spazio verde, non possiamo non desiderare una siepe perimetrale. Spesso, si usano per isolare l'interno, per creare un minimo di riserbo o per semplice abbellimento. Una siepe richiede anche cura e dedizione, ma...
Bricolage

Trucco per Halloween: le idee più spaventose

Halloween è un'antica tradizione celtica. Originariamente, ogni 31 ottobre, i druidi festeggiavano la vigilia del nuovo anno (nel calendario celtico), in onore di Samhain. Secondo la leggenda, la festa veniva organizzata per placare le anime tormentate...
Altri Hobby

Come restaurare un'icona

Il legno è uno dei materiale che maggiormente veniva utilizzato per dipingere le cosiddette icone. Questa tipologia di pittura, ha conosciuto momenti di splendore nel Medioevo, e tra i suoi maggiori interpreti, non possiamo esimerci dal nominare Giotto...
Giardinaggio

Come eliminare il muschio nell'erba

Il muschio è uno dei nemici principali dei manti erbosi. Infatti, può compromettere notevolmente la salute e l'aspetto dell'erba. Combatterlo non è sempre facile, tanto che occorre identificare prima la causa che ne genera lo sviluppo. Esso si presenta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.