Come riconoscere le scie chimiche

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Un argomento piuttosto spinoso degli ultimi vent'anni in tema di danni ambientali causati dall'uomo è quello delle scie chimiche. Sempre più spesso capita di sentirne parlare o leggere un articolo a riguardo, ma occhio alla disinformazione! Ciò che conta intanto è come saper riconoscere una scia chimica dalle scie rilasciate comunemente dagli aerei. Per scoprire come riconoscere le scie chimiche continua a leggere!

26

Condizioni a contorno

Un aspetto che è bene mettere in chiaro per riconoscere le scie chimiche dalle normali scie di condensazione è capire quali sono i fattori che permettono il verificarsi delle uno o delle altre. Le scie di condensazione, anche chiamate contrail, tendono a verificarsi solo in presenza di determinate condizioni, ossia: una temperatura inferiore ai -40°C; una percentuale di umidità non inferiore ai 60°/70° C; una quota compresa tra 8.000 e 12.000 metri.
Dunque, se ci si trova al di fuori di un contesto simile è molto probabile che si abbia a che fare con delle scie chimiche. Tuttavia è bene tenere presente altri fattori in modo da essere il più certi possibile. Continua a leggere per scoprire quali!

36

Differenze di forma visibili

Le scie chimiche (o chemtrail) sono facilmente distinguibili dalle contrail di cui abbiamo appena parlato soprattuto per fattori visibili anche ad occhio nudo. Vediamo le caratteristiche rappresentate dall'una e l'altra categoria.
Innanzi tutto le scie di condensazione appaiono sottili e poco dense alla vista, avendo lunghezza breve (compresa tra i 9 e i 28 km); inoltre, non rimangono visibili per più di qualche minuti. Al contrario le scie chimiche si presentano come molto dense e possono sfaldarsi fino a creare nubi artificiali; coprono tratti decisamente più lunghi delle contrail e possono permanere per delle ore.

Con queste poche osservazioni diventa più facile tentare di riconoscere una scia chimica nel caso dovessimo vederne una formarsi proprio sopra di noi!

Continua la lettura
46

Disposizioni diverse

Ultima cosa importante da considerare per tentare di riconoscere le scie chimiche è sapere che anche la disposizione in cielo le contraddistingue. Le comuni scia di condensa che si formano dalle code degli aerei di linea o commerciali seguono, come già detto, un breve tratto assumendo per cui un forma lineare che svanisce dopo pochi tempo. Nel caso delle scie chimiche è più probabile avere a che fare con un'immagine molto diversa: queste vengono causate da un traffico aereo che potremmo definire 'anomalo' perché le scie, intersecandosi tra di esse, vengono a formare una rete, o delle linee circolari a primo impatto confusionarie.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • È sempre bene, soprattutto in merito a certi argomenti, prendere con le pinze ciò che si legge senza aver personalmente verificato. È necessario inoltre consultare quante più fonti attendibili in modo da ampliare la proprio idea a riguardo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come riconoscere un vero diamante da un falso

Quando regaliamo un anello, una collana o qualsiasi tipo di gioiello che contiene diamanti incastonati, è di fondamentale importanza saper riconoscer la qualità e la purezza del diamante stesso. Infatti, ci sono dei metodi standard che servono proprio...
Altri Hobby

Come riconoscere il vetro di Murano

Il vetro di Murano è un'opera d'arte, non importa se piccola come un anello o grande come un vaso o un lampadario. Ogni oggetto si compone di sabbia bianca e di una grande esperienza. I maestri vetrai plasmano la materia con assoluta fantasia. Essa si...
Altri Hobby

Come riconoscere i falsi d’antiquariato

Chi lavora nel settore, o chi semplicemente è appassionato, lo sa bene: nel grandissimo mondo dell'arte, riconoscere i falsi d'antiquariato non è un'impresa di poco conto. Non è difficile, infatti, imbattersi in uno di questi e rischiare di fare un...
Altri Hobby

Come riconoscere i diversi tagli di diamante

I diamanti sono di diversi tipi e tagli, ma molti sembrano così simili che è difficile distinguerli, anche se tuttavia esistono delle tecniche professionali specifiche, che ci permettono di stabilire e riconoscere la caratura. In questa guida nel dettaglio,...
Altri Hobby

Come riconoscere le perle vere

Le perle, vero e proprio miracolo della natura, eleganti e raffinate, sono la firma indiscussa dello charme femminile. Se ne trovano in commercio di varie forme e misure, ma soprattutto vere, coltivate e finte. Come fare quindi a capire a quale tipo siamo...
Altri Hobby

Come riconoscere le foglie degli alberi

Molte persone amano la natura e studiarne ogni aspetto, sia che si tratti di animali, sia che si tratti di piante. Conoscere le diverse specie è un po' il pallino di molte persone.La natura va senza ombra di dubbio rispettata, e per farlo in maniera...
Altri Hobby

Come riconoscere i francobolli di valore

In Italia la moda del collezionismo è ampiamente sviluppata e, tra queste collezioni, spicca sicuramente quella dei francobolli. Nella guida che vi proporremo, lungo i tre passi che la comporranno, andremo a spiegarvi alcuni criteri di base per comprendere...
Altri Hobby

Come riconoscere le antiche monete arabe

Le monete, così come i francobolli e le bandiere, possono rivelare sia agli storici che ai collezionisti molto sulla storia del mondo. In passato, però, i collezionisti nel mondo occidentale in genere evitavano di prendere in considerazione le monete...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.