Come ridurre il voltaggio in un alternatore

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Ridurre la tensione (voltaggio) di uscita di un alternatore è molto importante al fine di salvaguardare la batteria dell'automobile. Questa, infatti, può incorrere in un sovraccarico e, in questo caso, si renderebbe necessariamente fondamentale sostituita. Ci sono, tuttavia, due modi per ridurre il voltaggio in un alternatore: il primo consiste nel regolarlo, andando ad agire su un tasto specifico (denominato regolatore), mente il secondo metodo comporta l'inserimento di un componente elettrico (chiamato resistenza). Vediamo ora come possiamo procedere, in sicurezza, applicando questi metodi.

25

Occorrente

  • Multimetro
  • Pinze e cacciaviti
  • Diodo
  • Saldatore a stagno
35

I regolatori sono elementi presenti nell'alternatore che ci consentono di effettuare, come dice il nome stesso, la regolazione senza dover aggiungere ulteriori componenti elettrici. In questo caso, la prima cosa da fare è andare a verificare la quantità di tensione in uscita del nostro alternatore, collegando un multimetro ai terminali del cablaggio. Una batteria per auto, in genere, richiede da 13,5 -14,5 Volt per caricare correttamente. Qualora si verificassero abbassamenti o aumenti di tensione significa che l'alimentazione non sta funzionando nella maniera corretto.

45

In questo caso è opportuno sostituire il regolatore di tensione, che serve proprio per stabilizzare l'intensità di corrente. In un motore di un'automobile è generalmente fissato tramite una coppia di bulloni ed è collegato all'alternatore e all'interruttore di accensione. Dopo che abbiamo effettuato la sostituzione prendiamo di nuovo il multimetro e controlliamo se adesso il tutto funziona alla perfezione. Se il problema persiste, e notiamo che il voltaggio è ancora ballerino, allora possiamo intervenire in un modo ancora più accurato e che richiede, sicuramente, una maggior precisione. In questo caso abbiamo bisogno di andare a installare nel circuito un diodo. Lo scopo è di ridurre la resistenza, quindi abbassare i rapporti tra l'intensità di corrente e il voltaggio (legge di Volt). Per questa operazione bisogna rimuovere il cavo negativo della batteria, procedere poi con lo spellare i fili al centro (per almeno tre centimetri) e andare a collegare il diodo con le rispettive zampette di metallo.

Continua la lettura
55

Adesso bisogna intervenire con un saldatore a stagno in modo tale da bloccarlo definitivamente, dopodiché ricopriamo il tutto utilizzando abbondantemente del nastro isolante. Una volta che il collegamento del diodo è avvenuto va controllata la caduta di tensione attraverso il multimetro. Se il voltaggio si attesta su valori accettabili, allora possiamo stare tranquilli, non avere più problemi di sovraccarico, e quindi possiamo utilizzare tutti gli optional dell'auto, senza incorrere in alcun problema, come il rischio di dover sostituire la batteria o, addirittura, l'alternatore. Ovviamente, per qualsiasi ulteriore problema o perplessità è sempre meglio rivolgersi all'elettrauto di fiducia, piuttosto che cercare di risparmiare con il fai da te rischiando, però, di danneggiare l'intero sistema.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come costruire un inverter

In elettronica, un inverter è un dispositivo che permette il passaggio da una corrente continua (DC) in entrata a una corrente alternata (AC) in uscita. Nonostante ve ne siano diversi sul mercato, non sempre si ha a disposizione un budget adatto. In...
Materiali e Attrezzi

Come verificare una termocoppia con il multimetro

In casa possono verificarsi diverse situazioni in cui può essere utile misurare una termocoppia con il multimetro. Per fare questa operazione, se non siete esperti, potete chiamare un tecnico, ma con un po' di sano fai da te ed i consigli giusti è possibile...
Materiali e Attrezzi

Come misurare un condensatore elettrolitico

L'elettronica tra i suoi svariati rami oltre a diversi tipi di circuiti misurati in Volt o in Ampere, ci propone anche alcuni particolari elementi come ad esempio il condensatore elettrolitico. Si tratta nello specifico di un'armatura metallica, che agisce...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare una pinza digitale

Qualora abbiate bisogno di uno strumento che vi consenta di misurare la corrente elettrica evitando alcune difficoltà inutili e/o dei possibili incidenti, questa rappresenta la soluzione che fa apposta per voi.Nella presente elementare e veloce guida...
Materiali e Attrezzi

Come calcolare il consumo elettrico di un motore

Qualsiasi motore elettrico ha sia un consumo che un costo. Per poter conoscere in maniera approfondita e dettagliata le caratteristiche tecniche dei motori elettrici, e andare a stabilire il consumo a chilometro dei veicoli quali motocicli, scooter, automobili,...
Materiali e Attrezzi

Come costruire una saldatrice a punti

A volte i propri hobby sono fare degli interventi di riparazione in casa, nel garage oppure in giardino. In molti casi occorre un attrezzo per saldare il ferro: la saldatrice a punti. Quest'ultima è composta da due chiodi che posti uno sull'altro generano...
Materiali e Attrezzi

Come sincronizzare i generatori paralleli

Quando si devono sincronizzare dei generatori paralleli, è indispensabile avvalersi del sincronoscopio. Tale strumento è utile per evitare che si generino guasti sia nelle parti elettriche che in quelle meccaniche in caso di mancanza di concordanza...
Materiali e Attrezzi

Faretti led da incasso: come sceglierli e perché

Ultimamente chiunque inizi a costruire una casa secondo i suoi gusti preferisce scegliere degli stili particolari, sempre più moderni. Uno stile che dà un senso di modernità è dato da molti elementi in una casa. Uno di questi elementi sono i colori....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.