Come rimuovere i ceppi degli alberi

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Eliminare i ceppi degli alberi è un tema molto sentito dopo aver potato un albero, riordinato un giardino ma anche dopo le giornate ventose. Le possibili soluzioni sono diverse e a secondo dell’entità dei ceppi da eliminare si possono rilevare impegnative e veloci o più lente e meno pesanti. Nella guida che segue verranno esposte diverse tecniche, tutte valide ed efficaci che spiegheranno come rimuovere un ceppo, ma che si diversificano per strumenti impiegati ma anche per tempistiche e fatica richiesta. Attenzione: questa è una guida redatta a solo scopo informativo, pertanto non mi assumo alcuna responsabilità dell'uso che se ne farà.

25

Estirpare il ceppo

Una possibile soluzione potrebbe essere quella di procedere con lo sradicare il ceppo, tattica che sicuramente si rivelerà veloce ma allo stesso tempo molto faticosa. Questa soluzione si rivela essere quella migliore e più adatta specialmente nei casi in cui si sia in presenza di ceppi di alberi dal tronco piccolo, caratterizzati da radici deboli, come per esempio quelle dell’abete rosso. Inoltre se i ceppi di questo tipo sono anche alti mediamente un metro l’operazione sarà più facile ed agevole. Tuttavia nel caso in cui si voglia fare meno sforzo fisico si potrà usare anche una vanga, per scavare intorno al ceppo e quindi successivamente riuscire ad estrarlo più facilmente con le mani.

35

Bruciare il ceppo

Un alternativa alla soluzione sopra proposta è quella di procedere con il bruciare il ceppo. Questa alternativa si rivela non solo semplice ma anche veloce, sebbene richieda molta attenzione e deve essere effettuata in estrema sicurezza. Per cui come prima cosa bisogna evitare le giornate ventose ed eliminare foglie ed erba secca che si possono trovare nelle vicinanze del ceppo da accendere. Effettuate queste operazioni impieghiamo della legna secca per effettuare una piramide intorno al ceppo, fino a ricoprirlo completamente. Subito dopo procediamo con accendere la piramide di legno ed alimentiamo il fuoco fino a quando il ceppo non si sia completamente bruciato. Successivamente bisogna assicurarsi che ogni possibile tizzone sia spento.

Continua la lettura
45

Compostare il ceppo

Un ultima soluzione, facile e naturale, ma tutta via lenta potrebbe essere quella di compostare il ceppo. Per cui con una sega si possono creare delle scanalature sul ceppo da ricoprire eventualmente del compost arricchito anche da un acceleratore di compostaggio. I microorganismi presenti consumeranno in maniera naturale il ceppo che sarà consumato nel tempo. Tale tecnica rimane valida e consigliata sopratutto nel caso di ceppi robusti e dalle grandi dimensioni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come piantare degli alberi d'ulivo in giardino

Gli alberi d'ulivo sono particolarmente diffusi nell'area mediterranea dove, grazie ai suoi frutti, viene prodotto un olio tra i migliori dell'intera Europa. L'ulivo è una pianta molto longeva, che necessita di spazio dal momento che raggiunge dimensioni...
Giardinaggio

5 ragioni per piantare degli alberi frangivento

I parchi, le tenute e la campagna devono essere luoghi ordinati. Il verde è il primo elemento che ci aiuta a dare un tono ad un possedimento. A parte il semplice fattore estetico, non si può trascurare l'utilità intrinseca dei filari di alberi. Vediamo...
Giardinaggio

Come identificare e curare le malattie degli alberi

Gli alberi e le piante del nostro giardino possono essere affette da molteplici malattie. Determinate condizioni ambientali, facilitano la diffusione delle malattie degli alberi e il loro contagio. Inoltre anche la carenza di alcuni nutrienti minerali...
Giardinaggio

5 alberi mediterranei da piantare in giardino

Un giardino ben allestito è sempre quello dove crescono alberi e fiori di ogni genere. In natura le specie si classificano per ordine, tra cui quella delle zone dove crescono. Appartengono a questa lista anche gli alberi mediterranei. Questi sono un...
Giardinaggio

Come potare gli alberi di acero

Uno degli alberi più belli che può essere coltivato è sicuramente l'acero, il quale può produrre enormi foglie delicate e colorate nella stagione autunnale, fornendo grandi zone d'ombra in estate. Si tratta, dunque, di un albero molto elegante in...
Giardinaggio

Come riconoscere gli alberi

Chi ama stare a stretto contatto con la natura, di certo sarà curioso di osservare la vegetazione e la fauna locale, magari imparando a riconoscere le specie caratteristiche della zona esplorata. Esistono così tante specie di alberi, che riuscire a...
Giardinaggio

Come potare gli alberi di melo

Il melo è uno degli alberi da frutto più diffusi in Italia, soprattutto nelle regioni settentrionali. Robusto e vigoroso, ha una crescita piuttosto lenta rispetto ad altri alberi da frutto. Una volta raggiunta l'età adulta, il melo offre una produzione...
Giardinaggio

5 alberi da frutto da mettere in giardino

Chi possiede un giardino ha una grande fortuna, specialmente se vive in una grande città: un giardino, infatti, anche se piccolo ed intimo, può rivelarsi una fonte molto preziosa di vegetazione e di frutta fresca, sana e gustosa, dalla provenienza sicura...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.