Come rimuovere la muffa nera sulle piante

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La muffa nera non è un agente patogeno per le piante, ma questo fungo ottiene il suo nutrimento dalla melata degli insetti, che è una sostanza chiara e appiccicosa che si deposita su foglie e rametti. Le spore della muffa vengono soffiate dal vento verso le piante e si attaccano alla melata, dando loro un mezzo adatto per la proliferazione. Una volta che queste spore germogliano, emettono funghi neri che coprono il tessuto vegetale e causano lo scolorimento; ciò si traduce in uno spesso strato di muffa nera che può accumularsi su foglie e rami. La muffa nera sulle foglie delle piante funge da scudo contro la luce del sole, diminuendo la capacità della pianta a produrre frutti. Per questo motivo, la muffa nera dovrebbe essere immediatamente rimossa per garantire il nutrimento continuo della pianta. Vediamo allora come rimuovere la muffa nera dalle piante.

26

Occorrente

  • Sapone insetticida
  • Spruzzatore da giardino
  • Repellente per insetti
36

Reazione della soluzione spray

Prima di iniziare, indossare un paio di guanti da giardino e preparare la soluzione spray diluendo il sapone insetticida secondo le istruzioni riportate sulla confezione, assicurandosi che quest'ultimo sia adatto per il tipo di pianta in questione. Sebbene la maggior parte dei saponi insetticidi sia sicuro per la maggior parte delle piante, è sempre bene controllare. Versare dunque la soluzione in uno spruzzatore da giardino pulito, la cui quantità necessaria dipende da quante piante devono essere trattate; normalmente, un litro di soluzione può coprire un giardino di dimensioni medie. Per questo tipo di tratttamento, scegliere una giornata mite e nuvolosa in modo che le piante non siano bruciate dai raggi solari.

46

Applicazione della soluzione spray

Spruzzare delicatamente la soluzione sulle foglie e sui rami interessati dalla muffa e lasciarla agire per alcuni minuti, facendo però attenzione che non si asciughi. Trascorso il tempo necessario, rimuovere delicatamente il sapone utilizzando semplicemente dell'acqua pulita. È possibile che non tutta la muffa nera si stacchi completamente, ma sicuramente la maggior parte di essa sarà rimossa.

Continua la lettura
56

Rimozione dei residui di muffa

Usando l'asciugamani bagnato, rimuovere ogni residuo di muffa nera e lasciare asciugare le piante. A questo punto, spruzzare le piante con un repellente a lunga durata per allontanare gli insetti che producono la melata. Anche se il sapone insetticida aiuta sia a rimuovere la muffa che a prevenire la presenza degli insetti, potrebbe essere necessario utilizzare il repellente onde evitare che la muffa si ripresenti nel giro di poco tempo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Leggere bene le indicazioni riportate sui prodotti
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come Debellare Clorosi, Muffa Bianca E Lumache

Esistono diversi metodi, più o meni naturali per debellare diversi malanni che colpiscono le vostre piante, in particolare nella presente guida, verranno elencati i rimedi più efficaci per combattere la clorosi, la muffa bianca e le lumache, si tratta...
Giardinaggio

Le malattie delle piante da appartamento

Prendersi cura delle piante non è affatto un lavoro da prendere alla leggere. Queste, essendo degli esseri viventi, necessitano di cure e attenzioni particolari, anche quelle che restano all'interno delle nostre mura domestiche. Infatti queste ultime...
Giardinaggio

Come curare le piante carnivore in inverno

Le piante carnivore sono piante erbacee che si nutrono di insetti e piccoli artropodi. Il motivo di questo comportamento è dovuto all'adattamento agli ambienti ostili in cui si sviluppano quali paludi o rocce. Questi risultano poveri di azoto ed altri...
Giardinaggio

I rimedi più comuni per le malattie delle piante

Le piante vengono spesso attaccate da parassiti e funghi di vario genere. La prevenzione a tal riguardo è fondamentale. In questi casi non è necessario utilizzare prodotti chimici, basterà adoperare qualche rimedio naturale. In questa lista vi spiegherò...
Giardinaggio

Come riconoscere le malattie delle piante

Avere il pollice verde significa conoscere approfonditamente le esigenze delle piante, la loro fragilità e la loro vulnerabilità. Saper prevenire ed eventualmente curare le malattie delle piante è fondamentale sia per eseguire un'adeguata opera di...
Giardinaggio

5 regole essenziali per curare le piante grasse

Le piante grasse sono le piante d'appartamento più diffuse. Non solo per le loro forme un po' particolari, ma anche per i colori vivaci e, soprattutto, riescono a sopravvivere anche in ambienti molto caldi. Inoltre, per curare le piante grasse non è...
Giardinaggio

Come piantare le piante in un acquario

Avere un acquario in casa è una grande responsabilità. Poche persone ci pensano eppure l'hobby per eccellenza è, prima di tutto, un oggetto di arredamento le cui piante interne devono avere un "senso" logico, in relazione anche ai pesci che vi spaziano....
Giardinaggio

Come Mantenere Le Piante Tropicali In Appartamento

Le piante da appartamento sono indubbiamente meravigliose e affascinanti. Questi vegetali andranno comunque gestiti in modo davvero perfetto, affinché possano durare nel tempo e mantenersi sempre in ottimo stato. Qualora acquistiamo delle piante tropicali...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.