Come rimuovere una vasca da bagno in acciaio

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quando si eseguono dei lavori di ristrutturazione del bagno, che si tratti di rinnovarlo o di adibire la stanza a un altro scopo, si ha la necessità di rimuovere i sanitari per fare spazio a quelli nuovi o per accedere agevolmente alle pareti o alle tubature. La rimozione di una vasca da bagno in acciaio è sicuramente l'operazione più complessa rispetto a quella degli altri sanitari, in quanto è generalmente incastrata in una struttura in muratura. Tuttavia, la procedura da seguire è piuttosto semplice e richiede solo di mettere in pratica una serie di accorgimenti per non danneggiare le strutture circostanti. Attraverso i passi seguenti andremo quindi a vedere come bisogna procedere per rimuoverla nel modo corretto.

27

Occorrente

  • Occhiali, mascherina, guanti e scarpe antinfortunistiche
  • Piccone e martello
  • Sacchi per eliminare i calcinacci
37

Il primo passo da compiere per rimuovere una vasca da bagno, è sicuramente quello di chiudere l'acqua centrale, così da evitare degli allagamenti durante l'operazione. Poiché le operazioni da svolgere prevedono l'utilizzo di attrezzi pericolosi e bisognerà rimuovere una struttura in muratura, sarà indispensabile proteggersi, indossando delle scarpe antinfortunistiche, dei guanti e degli occhiali protettivi e una mascherina. Solo a questo punto si potrà procedere con la rimozione di tutta la rubinetteria: lo scopo di questa fase è quello di evitare sia che queste strutture non si danneggino, ma anche che non ci intralcino durante le operazioni successive.

47

Ora comincia la fase di rimozione vera e propria. Per svolgere in maniera efficace questo lavoro avremmo bisogno di un piccone e di un martello, con i quali dovremmo andare a puntellare tutto il bordo della vasca che si trova attaccato alle mattonelle. Ovviamente, se la vasca è completamente murata, bisognerà provvedere a puntellare e a rimuovere anche le piastrelle e il cemento presenti nella parte anteriore. Durante questa operazione bisognerà procedere lentamente, in modo da non danneggiare la struttura e, soprattutto, le.tubature. Dopo aver picconato per bene tutto il bordo, cominciamo a cercare di muovere la vasca, così da indebolire la struttura. A mano a mano che i calcinaci cadono, dovremmo toglierli, così da lasciare lo spazio necessario alle operazioni successive.

Continua la lettura
57

Solamente quando avremmo rimosso tutti i calcinacci e saremmo riusciti a indebolire la struttura circostante, potremmo procedere con la rimozione della vasca. Durante questa fase dobbiamo esercitare un po' di forza per vincere le resistenze che tengono la vasca attaccata al muro e al pavimento e poterla così rimuovere. Dopo averla tolta, non ci resta altro da fare che continuare a picconare i calcinacci fino a eliminarli del tutto.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordatevi di indossare dell'abbigliamento antinfortunistico perchè la procedura è piuttosto pericolosa
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come utilizzare la lana d'acciaio

La lana d'acciaio è uno strumento molto utile e versatile. I campi di applicazione sono tantissimi ma viene principalmente utilizzata nel fai da te per lucidare mobili o levigare superfici. La lana d'acciaio, comunemente detta retina o anche paglietta,...
Materiali e Attrezzi

Come cromare l'acciaio

L'acciaio è una lega formata principalmente da ferro e carbonio e può presentare, nel corso del tempo, dei tratti di ruggine. Per evitare ciò è necessario cromare l'acciaio, ovvero creare una pellicola protettiva facendo reagire il cromo con l'ossigeno....
Materiali e Attrezzi

Come brunire l'acciaio

Oggi si vanno sempre più riscoprendo gli oggetti antichizzati, facilmente abbinabili a qualsiasi stile. Se in casa avete determinati oggetti in acciaio a cui preferite donare un nuovo aspetto, potrete provare direttamente a casa vostra ad eseguire il...
Materiali e Attrezzi

Come temprare l'acciaio laminato a freddo

Come sappiamo, l'acciaio è una lega di ferro e carbonio (sotto il 2,06%) utilizzata per la costruzione di svariati materiali. Dal momento che l'acciaio viene venduto dalle acciaierie in uno stato soffice, deve essere successivamente trattato con un particolare...
Materiali e Attrezzi

Come riparare i graffi sull'acciaio inossidabile

L'acciaio inossidabile è senza dubbio la scelta migliore quando bisogna rinnovare la cucina. Un lavabo realizzato in questo materiale, infatti, riesce a coniugare l'estetica moderna ed elegante con la praticità di un materiale facile da pulire e da...
Materiali e Attrezzi

Come dipingere i tubi in acciaio galvanizzato

La galvanizzazione è quel processo elettrolitico che permette di rivestire un manufatto di acciaio in zinco. In questo modo lo si protegge dalla corrosione. Per difendere ulteriormente l'acciaio galvanizzato dai segni del tempo, si procede con la verniciatura...
Materiali e Attrezzi

Come dipingere i tubi in acciaio flessibili

I motivi per decidere di dipingere un tubo in acciaio sono molti. Anzitutto alcuni tubi devono sopportare alte temperature per molto tempo, oppure quelli esterni sono soggetti alle intemperie. Più semplicemente vogliamo dipingere i tubi con lo stesso...
Materiali e Attrezzi

Consigli per aumentare la resistenza dell'acciaio inox

L' acciaio inox (ossia inossidabile) è una lega di ferro con particolare resistenza alla corrosione, all’abrasione, all’ossidazione e alle alte temperature. In questo articolo forniremo dei consigli per renderlo ancora più resistente. È possibile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.