Come rinforzare una scarpata

Tramite: O2O 08/02/2016
Difficoltà: media
16

Introduzione

Una scarpata, dal punto di vista geologico, rappresenta discontinuità nel terreno dovuta ad una rottura secondo un piano inclinato. Se possediamo un appezzamento di terra che possiede una scarpata, dovremo prestare molta attenzione perché questa potrebbe instabilizzarsi e quindi crollare. Per mettere in sicurezza quindi il nostro appezzamento potremo o rivolgerci ad un tecnico specializzato, spendendo però in alcuni casi cifre molto elevate, oppure, ricercare su internet fra le moltissime guide presenti, la soluzione che fa al caso nostro. In questa guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire a rinforzare correttamente una scarpata, in modo da evitare che questa possa franare.

26

Occorrente

  • Incanalare l'acqua con manufatti in calcestruzzo
  • costruire appositi fossi ricoprendoli di ciottoli
36

Per rinforzare una scarpata le tecniche possono essere diverse, prendiamo in considerazione di dover effettuare questo lavoro utilizzando piante adeguate. Se si vogliono ottenere buoni risultati di tenuta, sicuramente affidare questo compito alle radici delle piante è un'ottima soluzione. Esistono infatti piante che più delle altre, grazie proprio al loro apparato radicale ben sviluppato, sono in grado di trattenere il terreno in maniera perfetta. Vediamo nel dettaglio quale percorso seguire. Prima di tutto dobbiamo valutare attentamente se la scarpata in questione è soggetta ad erosione. Una volta effettuata questa verifica, cominciamo con il preparare adeguatamente il terreno, modellando la scarpata in maniera che l'acqua piovana possa defluire nella giusta maniera. I metodi a nostra disposizione sono vari, uno di questi è quello di creare un fossato, riempirlo con sassi, pietre o materiale edile di scarto. L'altra alternativa è quella di creare sempre un fosso ma in questo caso far convogliare le acque all'interno di strutture realizzate con materiale in calcestruzzo. Una volta terminato questo passaggio, possiamo dedicarci al prossimo ovvero quello di scegliere la tipologia delle piante che andremo ad adottare.

46

Come abbiamo già accennato nei passi precedenti, utilizzare le piante per rinforzare una scarpata è sicuramente la scelta migliore sia da un punto di vista di tenuta che da quello economico. La cosa più importante è quella di scegliere piante che sviluppino radici molto profonde e nello stesso tempo di largo raggio. Altra importante caratteristica che devono avere le piante che andiamo a scegliere, è quella di essere rustiche, resistenti e che necessitino di una manutenzione molto semplice.

Continua la lettura
56

Prima di recarci ad acquistarle, dobbiamo stilare una piccola lista di ciò che ci occorre, tenendo presente che per far defluire correttamente l'acqua piovana è opportuno sistemarle in modo sfalsato e abbastanza ravvicinate le une dalle altre in maniera che durante lo sviluppo possano creare un adeguato tappeto vegetale.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Utilizzare le piante per sorreggere un terreno impervio è il metodo migliore e più economico in assoluto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come stimolare la fioritura delle viole

Le viole sono uno dei fiori utilizzati soprattutto per abbellire le finestre, ma forniscono delle belledecorazioni anche per tavoli e mensole. La particolarità di questa pianta sta nel fatto che una singola foglia può produrre più fiori; ma per mantenere...
Giardinaggio

Come seminare le viole del pensiero

Le viole del pensiero sono fiori vellutati e coloratissimi. Appartengono alla famiglia delle Violaceae ed essendo delle piante perenni hanno un'ottima resistenza anche al gelo. Possiedono foglie ovali contornate da una forma dentata. Mentre i fiori vengono...
Giardinaggio

Come migliorare il suolo del giardino

Il terreno del giardino deve essere costantemente rifornito con additivi ricchi di nutrienti per mantenerlo fertile; ma se non si reintegrano i nutrienti, diventa povero e le piante si indeboliscono e e si ammalano. Applicare il fertilizzante a questo...
Giardinaggio

Come potare la rosa iceberg

La rosa iceberg è una pianta rampicante che produce fiori leggermente profumati di un colore bianco brillante con sfumature di rosa e bordeaux e steli con poche o senza spine. La potatura è un'operazione necessaria durante la stagione della crescita...
Giardinaggio

Come coltivare il pentas lanceolato

Il pentas lanceolato è una pianta proveniente dall'Africa che è chiamata anche stella egiziana. Essa è piuttosto diffusa e molto apprezzata soprattutto grazie alla particolarità dei suoi coloratissimi fiori che la rendono unica. Se siete degli appassionati...
Giardinaggio

10 consigli per potare le rose

Alcune persone ritengono che la potatura sia una azione poco logica e non necessaria in quanto pensano che le piante che vivono lontane dalle mani dell'uomo sono ugualmente vigorose e sane. In realtà è la natura stessa che provvede ad una continua potatura:...
Giardinaggio

Come e quando potare l'albicocco

L'albicocco o albero di albicocche ( Prunus Armeniaca) è un albero, della famiglia delle Rosacee.Una volta piantato, in giardino o in un vaso capiente, impiega un paio di anni per svilupparsi e per produrre i frutti. All'inizio le fioriture saranno modeste,...
Giardinaggio

Come realizzare un vaso utilizzando una vecchia scarpa

Anche se non si direbbe, nell'era del consumismo c'è ancora moltissima gente che ha voglia di ridare una seconda vita ai propri oggetti. È questo il caso delle scarpe. Chi di voi non si ritrova a casa delle scarpe vecchie, rotte, che non piacciono più...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.