Come Rinnovare Un Carrello Portavivande

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

A tutti noi capita di avere in casa dei vecchi mobili, grandi o piccoli che siano. Esistono poi quegli oggetti ormai entrati in disuso, ma che si trovano ancora in determinati ambienti e case, soprattutto di persone facoltose e che ancora vivono di alcune tradizioni. Stiamo parlando del carrello portavivande, ossia quei carrellini a due piani che servono principalmente a trasportare piatti e vivande dalla cucina fino alla sala da pranzo. Se anche voi avete trovato in soffitta un vecchio portavivande ormai destinato al riciclo, ma non volete buttarlo via, seguite la mia guida e riporterete ad nuovo splendore questo piccolo mobile sempre utile e di arredo. Infatti, con pochi e semplici passaggi, potrete rinnovare questo utile oggetto, magari decorandolo con qualche motivo che lo renderà ancora più bello. Vediamo dunque come fare.

26

Occorrente

  • Carrello di riciclo
  • carta abrasiva
  • Primer isolante
  • Colori acrilici: rosso mattone, bianco e beige
  • Carta grafite
  • Carta da lucido
  • Pennelli: piatto, angolare e liner
  • pistola per colla a caldo
  • Vernice finale spray opaca a solvente
36

Come prima cosa, iniziate col carteggiare il carrello per eliminare tutte le imperfezioni presenti. Dopo aver fatto ciò, stendete con un pennello piatto del primer isolante trasparente su tutto il carrello, quindi lasciate asciugare. Adesso stendete, sempre con un pennello piatto, il colore acrilico rosso mattone su tutta la superficie e lasciate asciugare molto bene; eseguite questa operazione una seconda volta e lasciate asciugare nuovamente. Nel secondo passaggio, stendete due mani di colore acrilico bianco su tutta la superficie del carrello, dopodiché stendete il primer trasparente sulla parte alta del carrello.

46

Successivamente, passate la lana d'acciaio bagnata sulle parti dove intendete creare l'effetto usurato: in questo modo, affiorerà il colore di base. Con un pennello piatto, stendete il colore acrilico beige nel quadrato del piano superiore, dopodiché lasciate asciugare. In seguito, posizionate la carta grafite sul piano superiore del carrello, per trasferire il disegno che avrete scelto. Utilizzate un pennello liner per creare i tralci ed i contorni, e continua così fino al termine della vostra realizzazione, con i colori acrilici adatti al disegno che avrete scelto.

Continua la lettura
56

A questo punto, terminate spruzzando la vernice spray opaca a solvente per proteggere il lavoro. Come avrete potuto vedere, riportare al suo antico splendore un portavivande non è poi così difficile. Oltre a restituirgli la sua funzione originale, potrete donargli anche un'aspetto più accattivante, decorandolo come meglio preferite. Non mi resta quindi che augurarvi buon lavoro e buon divertimento!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come sistemare il carrello delle macchine da scrivere

La macchina per scrivere è un pratico strumento da scrivania che ci permette di scrivere su un foglio di carta mediante impressione di caratteri simili a quelli della stampa tipografica. Attualmente utilizziamo il computer per svolgere la medesima azione...
Bricolage

5 idee per rinnovare vecchie finestre

Le finestre sono la cornice del panorama visto dalla nostra casa e, in base alla scelta del materiale con cui è formata e del colore, danno prestigio e carattere alle pareti che la ospitano. Per questo motivo è importante che abbiano un bell'aspetto....
Bricolage

10 idee per rinnovare un vecchio comodino

Volete dare un tocco di colore e originalità a un vecchio comodino presente nella vostra stanza? Sappiate che non serve comprarne uno nuovo, basta solo ingegnarsi con la fantasia e con piccoli interventi fai da te. Non ci credete? Allora proseguite nella...
Bricolage

Come rinnovare vecchi mobili

Spesso con il passare del tempo, alcuni oggetti di uso domestico come i mobili, vengono accantonati in garage o in soffitta, perché mal si adattano ai rinnovamenti di arredo. Ma c'è da dire che, i mobili vecchi, con un po' di pazienza e un pizzico di...
Bricolage

Come Rinnovare Una Vecchia Cassettiera

La cassettiera è un complemento d'arredo indispensabile. Di vari stili e tendenze, mantiene in ordine gli indumenti intimi ed i capi d'abbigliamento. Con gli anni, la struttura si deteriora inevitabilmente. Può presentare crepe e difficoltà nell'apertura....
Bricolage

Come rinnovare una vecchia scarpiera

I nostri mobili, specialmente quelli classici in legno poco robusti, tendono a rovinarsi col tempo. A volte i segni d'usura sono lievi, di scarsa entità. Altre volte i danni sono più evidenti, e molto dipende dalle condizioni in cui si trovano. Oltre...
Bricolage

Come rinnovare un vaso in terracotta

Capita sovente che oggetti a cui teniamo molto possano rovinarsi, con il passare del tempo. Anzicchè buttare questi oggetti possiamo trovare delle soluzioni alternative e artistiche per farle tornare al loro vecchio splendore. Questa guida, in particolare,...
Bricolage

Come rinnovare e decorare una vecchia valigia

Le valigie sono uno degli accessori indispensabili per realizzare i propri viaggi. Se sistemando la vostra soffitta avete trovato una vecchia valigia dal modello un po' vintage, non buttatela né archiviatela perché, con qualche piccolo accorgimento,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.