Come rinnovare un mobile danneggiato

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Se possedete un mobile danneggiato in casa e pensate di non aver nessuna possibilità di poterlo restaurarlo, tenete ferme le mani e non buttatelo. Ci sarà sempre qualcosa da fare per poter "rinnovare" le sue condizioni. Diciamo rinnovare, e non restaurare, perché così facendo avrete la possibilità di sfoggiare un mobile del tutto diverso da quello che era prima, a un costo praticamente nullo. In questa guida, vi illustrerò come rinnovare un mobile danneggiato. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • tendine ricamate
  • merletti
  • carta vetrata fine
  • smalto all'acqua
  • cementite
  • pittura
  • immagini da incollare
36

Innanzitutto, se la superficie di un mobile è in pessime condizioni, è inutile perdere tempo cercando di riparala con cere e prodotti vari, meglio realizzare un restyling completo. Ad esempio, se le ante della vostra cucina cadono a pezzi, toglietele e appendetevi delle tendine ricamate che richiamano i colori della stanza. In seguito, se un tavolo o un comò sono troppo vecchi e non si adattano più all'ambiente, togliete i cassetti e tagliate le parti danneggiate, potrebbero diventare degli originali porta TV. E ancora, i bordi degli scaffali della vostra credenza sono consumati dal tempo? Applicate dei graziosi merletti sui bordi, così non si vedranno più.

46

Successivamente, se ritenete che il vostro mobile sia recuperabile, probabilmente la cosa più facile da fare sarà cambiargli il colore. Iniziate realizzando una carteggiatura con una carta vetrata fine: questa rimuoverà gli strati precedenti di stucco, creerà una superficie ben levigata, e predisporrà l'oggetto a una nuova verniciatura. Per dipingere, sarà sufficiente un comune ed economico smalto all'acqua (anche se è meglio spendere un po' in più e comprarne uno buono, che non ingiallisca) e della cementite. La cementite farà da fondo e permetterà di far aderire meglio la pittura e, in più, proteggerà il vostro oggetto.

Continua la lettura
56

Tutto quello che adesso dovete fare, è dare qualche mano di pittura, con pennellate quanto più uniformi possibili, e aspettare che lo smalto si asciughi completamente. Una volta finito il lavoro, la differenza sarà innegabile. Se invece vi ritrovate una scrivania o una cassettiera dalle superfici macchiate, una buona idea potrebbe essere quella di stampare tante immagini e incollarle creando un vero e proprio collage. Per esempio, potreste prendere alcune foto delle vostre città preferite, delle marche di abbigliamento, dei cantanti o degli attori. Avrete solo bisogno di un fondo e di qualche prodotto che, ricoprendole, protegga le immagini dall'usura del tempo. Buon lavoro!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come riparare un tappeto danneggiato da una bruciatura

In una casa è bello completare l'arredamento con dei tappeti. In commercio ne troviamo di tutti i tipi, dai più ai meno pregiati, ma in ogni caso ci sono stanze, come la camera da letto, il soggiorno e l'ingresso, in cui il tappeto dà rilievo e pregio...
Casa

Come Sostituire Un Pezzo Di Legno Saltato In Un Mobile

Talvolta, i mobili che abbiamo in casa subiscono danni di diverse entità. Per ovviare a questo problema, esistono vari tipi di riparazione. Se poi non si riesce a sistemare il pezzo danneggiato, allora bisogna sostituirlo. In base a problema riscontrato,...
Casa

Come sostituire un sifone danneggiato del wc

Il sifone del wc con il passare del tempo potrebbe danneggiarsi all'interno. Ovviamente le cause possono essere diverse, ad esempio potrebbe rompersi la membrana o allentarsi la giuntura. I sifoni generalmente vengono utilizzati nei bagni del continente...
Casa

Come ricolorare un mobile

Ricolorare un mobile è un'operazione davvero molto semplice e divertente che consentire di dare nuova vita ad un vecchio mobile ormai inutilizzato. Ricolorando un mobile, infatti, si può adattare lo stesso allo stile della stanza in cui verrà inserito...
Casa

Come aggiustare un mobile ammaccato

La casa è il luogo dove si riunisce tutta la famiglia e, avendo dei bambini inevitabilmente la rottura di oggetti mobili e quant'altro può succedere con più facilità. Come aggiustare un mobile ammaccato richiede capacità artigianali, manuali e conoscenza...
Casa

Come sistemare un mobile graffiato

I mobili delle nostre abitazioni possono subire processi deleteri di invecchiamento o danneggiamento. I motivi che provocano la rovina dei nostri mobili possono essere dovuti ad agenti atmosferici, all'azione di parassiti noti come tarli o addirittura...
Casa

Come riparare un cavo di corrente danneggiato

Svolgere semplici ma utilissimi lavori all'interno della propria casa e non solo è davvero una cosa molto importante. Fondamentale è infatti saper porre rimedio a piccoli e grandi imprevisti che possono presentarsi nella vita di tutti i giorni. Una...
Casa

Come decorare una vecchio mobile in formica

La formica è un materiale che, ormai, viene utilizzato raramente per la realizzazione di mobili. Si tratta di un laminato plastico che con il legno ha davvero poco a che fare. Chi possiede un vecchio mobile di questo tipo in casa e intende dargli nuova...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.