Come rinnovare un vecchio tavolino con il mosaico

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

È possibile rinnovare i vecchi tavolini donandogli una nuova vita con delle decorazioni composte da vari disegni colorati utilizzando solamente piastrelle in ceramica e del stucco. Stiamo parlando della tecnica del mosaico, che oltre a decorare, andrà a proteggere le superfici dei tavoli senza troppe spese e con un livello di realizzazione accessibile a quasi tutti. Infatti la sua realizzazione richiede materiali facili da reperire sia in casa o in un negozio di ferramenta, e un po' di manualità.
Vediamo quindi di seguito passo dopo passo come rinnovare un vecchio tavolino con la tecnica del mosaico.

27

Occorrente

  • Piastrelline colorate
  • Colla per le piastrelle
  • Stucco per le fughe
37

La prima operazione da effettuare è ripulire bene la superficie del tavolino. Perciò se è presente della polvere andrà rimossa per fare in modo che la colla possa aderire bene, e andrà rimosso anche l'eventuale smalto presente con una levigatrice o carta vetrata. Una volta che la superficie del tavolino è ben pulita e asciutta, disegnate sulla sua superficie con una matita il soggetto che volete riprodurre con il mosaico. Iniziate stendendo con una spatola dentellata uno strato di colla sulla superficie del tavolino per piastrelle facendo attenzione al disegno sottostante. In alternativa se vi riesce seguirlo meglio, potete metterla direttamente sulle piastrelle. Le piastrelle tra di loro non devono toccarsi, ma non devono neanche essere troppo distanti in quanto creerebbero un disegno antiestetico. Per capire la giusta distanza si consiglia di posarne qualcuna e poi allontanarsi dal tavolino e osservare come rende.

47

Ora dovete attendere che la colla si asciughi, normalmente bastano circa 24 ore. Successivamente preparate dello stucco per le fughe e iniziate a inserirlo tra le piastrelle del mosaico. Per agevolare la posa servitevi di una spatola di gomma o silicone per evitare di danneggiare le piastrelle, oltre che sporcarle. Lo stucco per asciugare ci mette un giorno, ma già dopo alcune ore è bene iniziare a pulire la superficie del tavolino altrimenti in seguito sarebbe troppo dura e secca. Per farlo usate una spugna inumidita. Eventuali sbavature rimaste potrete rimuoverle anche nei giorni successivi con della carta vetrata a grana fine.

Continua la lettura
57

Il tavolo una volta asciugato il tutto è pronto all'uso. È utile, elegante alla vista, funzionale, e può tranquillamente diventare un complemento d'arredo, sia per l'interno della casa che l'esterno. Il procedimento usato può essere riutilizzato anche per altri mobili.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Scegliete il soggetto da riprodurre in base ai vostri gusti, tenendo a mente che più complicato è e più difficile sarà realizzarlo

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come ottenere l'effetto mosaico su un tavolino

Spesso capita di avere un tavolino già segnato da tempo del quale vorremo soltanto sbarazzarci in quanto ormai antiestetico. Ma perché invece di cestinarlo non cercate di rimodernarlo? Potreste usare la tecnica del mosaico, con la quale andreste a decorare...
Bricolage

Come realizzare l'effetto mosaico su un tavolino

Spesso capita di ritrovarci tra le mani qualche tavolino segnato dal tempo del quale non vediamo l'ora di sbarazzarci in quanto ormai antiestetici. Ma perché invece di rottamarlo non provate a rimodernarlo in qualche modo? Un'ottima idea potrebbe essere...
Bricolage

Come rinnovare un tavolino con le piastrelle

Le piastrelle, che siano esse di ceramica o di cemento, sono in grado di creare una nuova superficie vibrante su tavoli e tavolini, se correttamente installate. Questo tipo di piastrelle sono disponibili in una vasta gamma di colori, forme, dimensioni...
Bricolage

10 idee per rinnovare un vecchio comodino

Volete dare un tocco di colore e originalità a un vecchio comodino presente nella vostra stanza? Sappiate che non serve comprarne uno nuovo, basta solo ingegnarsi con la fantasia e con piccoli interventi fai da te. Non ci credete? Allora proseguite nella...
Bricolage

Come rinnovare un vecchio comodino

Sarà capitato a tutti di avere, in cantina o anche in garage, un vecchio comodino, che non viene più impiegato in casa, o perché non piace o perché si è rovinato. Proprio per questo motivo, abbiamo pensato di proporre una guida, molto semplice da...
Bricolage

Come rinnovare un vecchio tavolo con il Découpage

Il découpage è una tecnica decorativa che consiste nel ritagliare svariati pezzi di carta per abbellire gli oggetti. Oggi viene utilizzata per rinnovare oggetti in legno, vetro, tessuto e metallo. È accessibile a tutti perché è molto semplice e...
Bricolage

Come Rinnovare Un Vecchio Bauletto Di Legno Con Carta Di Riso

Ogni casa al suo interno conserva, nascosti in qualche meandro, oggetti antichi e di un certo valore. Alcuni magari rovinati dal tempo e tenuti in un angolo buio della propria abitazione e finiti nel dimenticatoio, fino a quando ritornano fuori all'improvviso,...
Bricolage

Come rinnovare un vecchio specchio

Gli specchi hanno l'importantissima funzione di permettere di guardare se stessi prima di uscire, al fine di correggere eventuali imperfezioni ed essere impeccabili. Oggi, invece, oltre a questo gli specchi rappresentano dei veri e propri elementi di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.