Come rinnovare vecchi mobili con colori e cementite

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Con l'inevitabile passare del tempo molto elementi della nostra casa, come ad esempio quelli che compongo l'arredamento, possono, per via di danneggiamenti e dell'usura, essere messi da parte nei ripostigli o nei garage. Va comunque ricordato che esistono delle tecniche di rinnovamento che ci consentono di ridare vita nuova ai nostri vecchi mobili. Basta un po' di pazienza e un po' di creatività e fantasia per ottenere dei risultati sorprendenti. Bisogna a tal proposito munirsi di tutti gli attrezzi necessari al lavoro, comunque nulla che non si trovi facilmente nei punti vendita dediti al bricolage. In questa guida ci focalizzeremo sull'utilizzo di due prodotti in particolare. Vedremo per l'appunto come rinnovare vecchi mobili con colori e cementite.

25

Occorrente

  • Mobili di recupero
  • Cementite
  • Scotch di carta
  • Pennello medio e grande e rullo
  • Carta vetrata
  • Stencil
  • Colori acrilici all'acqua
35

Prima di tutto dobbiamo ripulire il mobile da rinnovare con un semplicissimo panno inumidito, per eliminare ogni traccia di polvere. A questo punto con l'ausilio della carta vetrata, possiamo passare all'eliminazione di eventuali schegge e dei possibili residui di vernice presenti su tutta la superficie. Qualora il nostro mobile presentasse anche dei fori, delle imperfezioni o dei buchi, possiamo prendere in considerazione l'idea di servirci dello stucco. Questo può essere applicato attraverso una spatola. Lo stucco, una volta applicato, va lasciato ad asciugare in maniera ottimale. Per eliminare del possibile stucco in eccesso, possiamo utilizzare una carta vetrata di grana molto fine, che ci consentirà di lisciare per bene tutta la superficie in questione.

45

Appena prima della stesura del colore dobbiamo predisporre la superficie del mobile così da facilitare la procedura, migliorando compattezza e omogeneità. Per cui stendiamo la cementite su tutta la superficie del mobile, in questo modo avremo l'opportunità di creare una sorta di protezione isolante. Lasciamo ad asciugare il prodotto per bene, per esserne sicuri possiamo toccare leggermente. In questa fase smontiamo eventuali pomelli o altri elementi. Se lo smontaggio presenta qualche difficoltà, possiamo proteggerli con della carta gommata.

Continua la lettura
55

In ultimo possiamo passare alla stesura dei colori acrilici a base di acqua. Scegliamo un colore che si adatti bene all'ambiente nel quale vogliamo collocare il nostro mobile rinnovato. Per dare stesura del colore più omogenea sarebbe il caso di utilizzare un piccolo rullo al posto del pennello. Possiamo anche applicare delle decorazioni, utilizzando dei semplici stencil. Lasciamo quindi asciugare il colore per bene e il nostro mobile è pronto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Consigli per rinnovare la cartapesta

La cartapesta è un materiale povero ottenuto riciclando comune carta di giornale opportunamente lavorata in acqua e colla vinilica. Con la carta pesta si possono realizzare i carri allegorici di carnevale, piccoli oggetti per la casa, vassoi, maschere,...
Materiali e Attrezzi

Consigli per rinnovare la resina

Tra i materiali più economici ed, al tempo stesso, resistenti e di buona qualità per costruire forniture o pavimenti nell'ambiente domestico, uno dei primi posti spetta senza dubbio alla resina. La resina rappresenta un materiale davvero perfetto per...
Materiali e Attrezzi

Come rinnovare un mobile laccato bianco

Se abbiamo un mobile che non ci piace più non dobbiamo buttarlo per forza. Cambiare colore o riverniciare un mobile gli da un nuovo aspetto. Con l'arte del fai date e pochissimi strumenti possiamo avere un mobile come nuovo. In questa guida vedremo come...
Materiali e Attrezzi

Come pulire i mobili di vimini

I mobili di vimini sono dei componenti d'arredo perfetti per l'ambiente esterno. In particolare, sono molto adatti per giardini o verande. Questa loro particolarità, li rende quindi molto soggetti allo sporco, umidità e polvere. Chi possiede mobili...
Materiali e Attrezzi

Come laccare i mobili di legno

Se possedete un mobile un po' vecchio al quale vorreste donare una nuova vita, continuate a leggere questa guida nella quale vi mostreremo passo dopo passo, come laccare i mobili di legno. Per farlo vi basterà avere un po' di tempo, pazienza nell'esecuzione...
Materiali e Attrezzi

Come dipingere i mobili in legno di betulla

Dipingere i mobili in legno di betulla è un progetto semplice che si può affrontare da soli, e che consente di risparmiare parecchio denaro e dare nuova vita al vostro mobilio. La betulla è considerato uno dei legni migliori da dipingere, poiché la...
Materiali e Attrezzi

Come rimuovere la finitura a olio dai mobili in legno

La finitura a olio è un'alternativa alla tradizionale in vernice. L'olio, in particolare quello di lino, crea una barriera protettiva nella fibra legnosa dei mobili. Penetra in profondità e ne aumenta la resistenza meccanica. È idrorepellente, resiste...
Materiali e Attrezzi

Come scegliere i migliori colori acrilici

L'arte pittorica è un mondo estremamente vasto, ricco di opportunità e possibilità. Ogni artista può rappresentare l'essenza di sé e del proprio pensiero in totale libertà. La creatività di ogni pittore trova massima espressione grazie alla varietà...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.