Come rinvasare i geranei

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

In primavera gli alberi ed i campi si riempiono di fiori di tutti i colori e si pensa anche a come abbellire le terrazze, i balconi e i giardini. Tra tutti i fiori che si utilizzano, il geranio è quello più indicato per la sua bellezza e le sue riconosciute proprietà insetto-repellenti. Nelle zone caratterizzate da un clima mite, il periodo migliore per rinvasare i geranei è tra febbraio e aprile. Questo permette un rigoglio di foglie e fiori per tutta la primavera e l'estate. Le piante che vengono rinvasate o rabboccate in autunno hanno bisogno di nuovo terriccio per nutrirsi e poter riprendere una fioritura rigogliosa. Questa guida, a tal proposito, vi fornirà degli utili consigli su come fare il rinvaso.

25

Inumidite il terreno

All'inizio si deve tagliare tutta la vegetazione ad un’altezza di 15/20 cm dal terreno. Le piante che hanno trascorso l'inverno all'aperto o in condizioni difficili si devono ripulire di tutte le parti secche e ammuffite e dagli steli rotti. È opportuno inumidire il terreno per poter estrarre facilmente la pianta dal vaso. Prendete quindi un contenitore e preparate del terriccio fresco e leggero, che va mischiato con del concime granulare per gerani oppure con dello stallatico. A questo punto dovete afferrare la pianta dal colletto per sradicarla delicatamente dalla terra.

35

Togliete eventuali radici morte

Sul fondo del vaso dovete porre uno strato di argilla espansa che va ricoperto con del terriccio. I geranei si devono pulire della terra con le mani. Per togliere le eventuali radici morte, ammuffite o danneggiate durante l'estrazione della pianta dal vaso si devono utilizzare delle forbici ben affilate. Successivamente dovete appoggiare il geranio dentro il vaso e aggiungere del nuovo terriccio. Durante questa operazione bisogna far scivolare il terreno intorno alla pianta per riempire bene anche i lati. A questo punto ricoprite lo stelo e le radici del geranio con 1/2 dita di terriccio e lasciate uno spazio di almeno 2 cm dal bordo per consentire le annaffiature.

Continua la lettura
45

Innaffiate la pianta

Successivamente bisogna innaffiare la pianta e riporre il vaso in un luogo luminoso al riparo dalle gelate che possono danneggiarla, almeno fino ad aprile. I gerani sono dei fiori bellissimi che consentono di dare un tocco speciale alle proprie abitazioni; cioè danno quell'immagine da casetta delle favole che piace tanto sia ai grandi che ai piccoli. Inoltre, questa pianta tiene lontano le zanzare. È un motivo in più per coltivare i gerani nei giardini, alle finestre e sulle terrazze. Buon lavoro.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Lasciate uno spazio di almeno 2 cm dal bordo per consentire le annaffiature.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come rinvasare un bonsai

Il giardinaggio è una una passione e come tale va coltivata. Non tutti possono permettersi di avere una casa con il giardino, anche se sarebbe bellissimo ritagliarsi uno spazio proprio, dove potersi rilassare e dimenticare le preoccupazioni e le delusioni...
Giardinaggio

Come moltiplicare i geranei

Se si vuole provare a riempire un giardino o un balcone di colorati gerani, senza necessariamente comprare molte piante, o seminarle e aspettare che crescano, si può procedere possedendo un'unica pianta e realizzando una talea. In questa guida si potrà...
Giardinaggio

Come rinvasare le orchidee

Le piante, la cui presenza riesce a rinnovare e rallegrare ogni ambiente, non sono soltanto piacevoli elementi di arredo, ma soprattutto esseri viventi che rispondono in modo positivo alle cure ricevute con uno sviluppo rigoglioso ed un sempre più gradevole...
Giardinaggio

Come rinvasare i ciclamini

L'hobby del giardinaggio, oggi, accomuna moltissime persone di ogni età, perché viene visto oltre che come un modo di abbellire le proprie abitazioni o giardini, come una soddisfazione nel pensare di creare una pianta con le proprie mani fin dall'inizio....
Giardinaggio

Come rinvasare un cactus

I cactus, si sa, sono delle piante davvero molto ricercate e scenografiche. Molto spesso accade che li compriamo ancora piccoli, in vasetti di dimensioni minime e dopo qualche anno, nonostante la crescita non sia quasi mai eccessiva, siamo costretti a...
Giardinaggio

Come rinvasare la plumeria

La plumeria è una pianta fragrante, bella e resistente, ragion per cui può crescere tranquillamente in giardino all'aperto o anche al chiuso in un contenitore. Ma in quest'ultimo caso, come ben sappiamo, quando le piante crescono dopo un certo periodo...
Giardinaggio

Come rinvasare le piante correttamente

La rinvasatura delle piante è un'operazione che si rende necessaria quando queste crescendo, sviluppano radici più grandi; di conseguenza, occorre trasferirle in dei contenitori più spaziosi. Si tratta di un lavoro tutt'altro che difficile, anche per...
Giardinaggio

Come rinvasare una pianta di aloe

L'aloe, o aloe vera, è una pianta grassa perenne che viene utilizzata per diversi scopi, come il trattamento delle ustioni, le punture di insetti e piccoli tagli superficiali. Inoltre, può anche essere consumata sotto forma di tè grazie ai suoi benefici...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.