Come rinvasare la lavanda

Tramite: O2O 06/01/2016
Difficoltà: media
17

Introduzione

Se amate i profumi, i detersivi ed altri articoli simpatici al profumo di lavanda, potrebbe venirvi anche voglia di avere delle piante in casa di cui prendervi cura. La lavanda è una pianta rustica che si adatta a diversi climi e in Italia meridionale è possibile trovarla poiché cresce spontaneamente in terreni abbastanza aridi formando bellissimi cespugli. La sua cura tra l'altro, oltre alle operazioni di routine come innaffiature o concimazioni, prevede per la coltivazione il cosiddetto rinvaso. A tale scopo, in questa guida vedremo come fare per rinvasare la lavanda.

27

Occorrente

  • Pianta di lavanda
  • Vasi di torba
  • Attrezzi da giardinaggio
37

La lavanda dal punto di vista della coltivazione non richiede particolari concimazioni, se non un terreno di tipo argilloso o calcareo che ne favoriscono il drenaggio dell'acqua stagnante a seguito di piogge e di regolari innaffiature. Il rinvaso è invece l'elemento fondamentale per la corretta propagazione delle piantine di lavanda. L'operazione è necessaria per liberare l'apparato radicale che proporzionalmente cresce insieme alla piantina, per cui il vaso o la cassetta più grande diventano indispensabili.

47

Ci sono due metodi di travaso della lavanda, il primo consiste nel bagnare in primavera la piantina con abbondante acqua, attendere almeno un'ora in modo che il terreno si compatti, dopodiché se il vaso è di plastica va tagliato con una cesoia, mentre se di terracotta ridotto in cocci, preservando in entrambi i casi la loro sagoma con il terriccio che avvolge le radici.
Quest'accorgimento è fondamentale per evitare che queste ultime si possano spezzare o strozzare, pregiudicando la propagazione della lavanda.

Continua la lettura
57

Il secondo caso (quello maggiormente consigliato), prevede di acquistare o piantare la lavanda in vasetti di torba in modo che nel periodo primaverile, una volta raggiunta l'altezza di circa 20 centimetri, si può effettuare il travaso. L'utilizzo di un contenitore più grande già preparato con il terriccio adatto, è sufficiente per inserire la piantina con tutto il vasetto di torba, e compattarlo con un'immediata innaffiatura. Con questo metodo il rinvaso della lavanda avviene in modo pratico e nel contempo si arricchisce il terriccio con torba, che ai fini del drenaggio, è un elemento indispensabile per la propagazione di questa pianta.
Godetevi tutte le fasi di lavorazione ed approfittate del piacere ed il rilassamento che questi piccoli lavoretti di giardinaggio possono donarvi.

Non ci resta che augurarvi buon lavoro!

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Utilizzate vasetti di torba per un travaso più semplice
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come rinvasare un bonsai

Il giardinaggio è una una passione e come tale va coltivata. Non tutti possono permettersi di avere una casa con il giardino, anche se sarebbe bellissimo ritagliarsi uno spazio proprio, dove potersi rilassare e dimenticare le preoccupazioni e le delusioni...
Giardinaggio

Come rinvasare le orchidee

Le piante, la cui presenza riesce a rinnovare e rallegrare ogni ambiente, non sono soltanto piacevoli elementi di arredo, ma soprattutto esseri viventi che rispondono in modo positivo alle cure ricevute con uno sviluppo rigoglioso ed un sempre più gradevole...
Giardinaggio

Come rinvasare i ciclamini

L'hobby del giardinaggio, oggi, accomuna moltissime persone di ogni età, perché viene visto oltre che come un modo di abbellire le proprie abitazioni o giardini, come una soddisfazione nel pensare di creare una pianta con le proprie mani fin dall'inizio....
Giardinaggio

Come rinvasare un cactus

I cactus, si sa, sono delle piante davvero molto ricercate e scenografiche. Molto spesso accade che li compriamo ancora piccoli, in vasetti di dimensioni minime e dopo qualche anno, nonostante la crescita non sia quasi mai eccessiva, siamo costretti a...
Giardinaggio

Come rinvasare la plumeria

La plumeria è una pianta fragrante, bella e resistente, ragion per cui può crescere tranquillamente in giardino all'aperto o anche al chiuso in un contenitore. Ma in quest'ultimo caso, come ben sappiamo, quando le piante crescono dopo un certo periodo...
Giardinaggio

Come trapiantare le talee di lavanda

La lavanda è una delle piante più gradevoli e graziose, è molto amata per il suo dolce e delicato profumo, per il suo aspetto raffinato e per il suo elegante colore. Coltivare una pianta di lavanda in casa oppure in giardino può essere l'idea migliore...
Giardinaggio

Come rinvasare le piante correttamente

La rinvasatura delle piante è un'operazione che si rende necessaria quando queste crescendo, sviluppano radici più grandi; di conseguenza, occorre trasferirle in dei contenitori più spaziosi. Si tratta di un lavoro tutt'altro che difficile, anche per...
Giardinaggio

10 consigli per mettere a dimora la lavanda

Amate le atmosfere della Provenza francese, con quei meravigliosi campi di color violetto pieni di lavanda in fiore? La lavanda è una delle vostre piante preferite e vorreste tanto avere una parte del giardino che emani celestiali profumi? Sappiate allora...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.