Come riparare il galleggiante del wc

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Ecco una scena che accade abbastanza spesso: avete appena usufruito del bagno e vedete scorrere acqua in continuazione dallo scarico. Lì per lì non ci fate caso ma poi, ponendo più attenzione, vi rendete conto che lo scroscio d'acqua è decisamente eccessivo. C'è assolutamente qualcosa che non va! Cosa è successo? La risposta è molto semplice: il galleggiante del vostro WC si è rotto. Anziché chiamare un idraulico, però, potete riparare il tutto con poche e semplici mosse. A tal riguardo, nei passi a seguire, vi descriverò come riparare il galleggiante del WC.

27

Occorrente

  • Chiavi inglesi
  • Teflon
  • Scala di media altezza
  • Bottiglia di plastica
37

Acquistare tutti i materiali necessari

Anzitutto, la prima operazione da compiere consiste nel recarvi alla ferramenta più vicina ed acquistare tutti i materiali necessari alla riparazione del galleggiante del WC. In realtà non vi serve moltissimo, solo alcuni attrezzi fondamentali per rimettere in sesto il vostro bagno: un paio di chiavi inglesi, del teflon ed una scala di media altezza. In seconda battuta, dovete compiere un gesto necessario ad ogni riparazione del WC: chiudere il rubinetto della vaschetta di raccolta e la chiave d'arresto dell'acqua.

47

Posizionare il piccolo tubo di gomma

Svolte queste attività preliminari, accingetevi a sostituire il rubinetto con il galleggiante rotto. Svitate il dado che lo tiene unito al rubinetto all'esterno della cassetta dell'acqua e rimuovete quel dado che lo mantiene solidale (sempre alla cassetta dell'acqua). Per rimontare il tutto, svolgete lo stesso procedimento all'inverso, ricordandovi, naturalmente, di inserire del teflon che si gonfierà al passaggio dell'acqua. Successivamente, posizionate il piccolo tubo di gomma sul beccuccio che si trova sotto al rubinetto. Questo piccolo tubo va inserito sull'asta portante del galleggiante, per cui svitate la pallina, svitate il tubicino, inseritelo sul beccuccio di sopra e, in seguito, riavvitate la pallina sulla piccola asta.

Continua la lettura
57

Riapire la chiave d'arresto dell'acqua

Adesso, occupatevi della parte finale. Dopo aver montato il rubinetto con il nuovo galleggiante, riaprite la chiave d'arresto dell'acqua e fate in modo di riempire completamente la cassetta: in questo modo, potrete controllare il livello dell'acqua. Se il livello è basso, piegate l'asticella del galleggiante verso l'alto, mentre se il livello è eccessivo, piegatela verso il basso. Infine, ecco un piccolo segreto: se volete risparmiare dell'acqua, inserite nella cassetta di raccolta (quando ovviamente è scarica) una bottiglia d'acqua chiusa in modo energico e, mi raccomando, ricordatevi di togliere la strisciolina di carta all'esterno. Buon lavoro!

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come regolare il galleggiante di un wc

Ci sarà sicuramente capitato di dover riparare o regolare alcuni elementi presenti nella nostra abitazione, come ad esempio gli impianti, o gli elettrodomestici, o ancora degli arredi, che con il tempo e l'utilizzo tendono a logorarsi.In questi casi...
Casa

Come sostituire il galleggiante nella vaschetta ad incasso per wc

Le cassette di risciacquo ad incasso rappresentano la versione più moderna tra gli ultimi ritrovati in fatto di impianti per bagno. Esse possono vantare moltissime installazioni in ormai ogni parte del mondo e si fanno preferire alle altre forme di impianti-bagno...
Casa

Come riparare una perdita d'acqua del WC

Se nel nostro bagno notiamo che ci sono delle perdite alle condutture ed in particolare al wc, possiamo intervenire in modo adeguato senza necessariamente chiamare un idraulico. Nello specifico, si tratta di adottare alcune tecniche atte a massimizzare...
Casa

Come riparare un WC che perde

Il momento in cui noti che il tuo WC perde acqua perhè ultimamente hai trovato pozzanghere sul pavimento del bagno, probabilmente la causa sarà che la congiunzione tra la tazza e il tubo di scarico è danneggiata o inutilizzabile. Tuttavia, sul mercato...
Casa

Come riparare il galleggiante dello sciacquone

Se il galleggiante dello sciacquone emana dei stani rumori ad ogni scarico, in genere ciò è dovuto ad un difetto strutturale da ricercare in questo elemento stesso. Una volta individuato possiamo intervenire e ripararlo in modo professionale. In riferimento...
Casa

Come sistemare la cassetta scarico wc

A volte può succedere che l'acqua scorre in continuazione dal wc; generalmente la causa del problema è una guarnizione della cassetta di scarico. Le cassette dello scarico si danneggiano spesso con il trascorrere del tempo per cui è estremamente importante...
Casa

Come sostituire un sifone danneggiato del wc

Il sifone del wc con il passare del tempo potrebbe danneggiarsi all'interno. Ovviamente le cause possono essere diverse, ad esempio potrebbe rompersi la membrana o allentarsi la giuntura. I sifoni generalmente vengono utilizzati nei bagni del continente...
Casa

Come Riparare La Valvola Dello Sciacquone

Lo sciacquone è un dispositivo che scarica un determinato quantitativo di acqua nel vaso sanitario. Una volta "tirato" si svuota del tutto per poi ricaricarsi. In commercio ne esistono svariati tipi, ma le parti che lo compongono sono uguali per tutti....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.