Come riparare l'impagliatura di una sedia

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Tutte le sedie sono delicate e quando sono rotte, vengono buttate nella spazzatura comune e ne vengono acquistate delle nuove invece di riparate. Ormai di sedie antiche non esistono più, se non nei musei etnologici, oppure nei soggiorni impolverati dei anziani o nelle cantine di chissà quale casolare abbandonato. Ma se vi capita di possedere una sedia impagliata, sarebbe meglio non buttarla, ma ripararla per due ovvie ragioni: sono dei testimoni importanti di un'era passata e poi ripararle è molto più facile di quello che sembra. Alla fine dopo che le avete riparate potete anche decorarle, rendendole più belle di prima. Nella seguente guida, passo dopo passo, vedremo come riparare l'impagliatura di una sedia.

26

Carteggiatura

Bisogna ricordate che esistono due metodi: il primo consiste nel carteggiate la sedia con carta vetrata sottile e, se necessario, passare anche un antitarlo. Fatto questo potete benissimo avvolgere la sedie con della pellicola per 10-15 giorni. Il secondo modo richiede però molto più tempo. Consiste nell'utilizzare il gasolio come sostituto dell'antitarlo e chiudere il tutto con una grande busta di plastica; dopo potete riaprirla in 20 giorni. A questo punto potete utilizzare l'antitarlo, iniettandolo nei buchi della sedia, richiudendola nel "bustone" per altri venti giorni.

36

Pulitura

Ci sono tre modi per procedere alla pulitura. Potete stendere un colore acrilico (lo scegliete voi ovviamente) sull'intera superficie della sedia, fate asciugare e lucidate il tutto con un semplice panno di lana. In alternativa, potete comprare uno sverniciatore e una retina per pulire i residui della vecchia vernice, utilizzando un poco di impregnante dello stesso colore della sedia e un poco di vernice trasparente. Infine è possibile utilizzare della ceralacca.

Continua la lettura
46

Decorazione

Per decorarle infine dovete stendere una quantità di missione e, attendendo il tempo necessario. Applicate delle foglie di oro finto chiamate "orone". Fatto ciò, potete passarvi sopra con un batuffolo di cotone (o magari usando solo le vostre mani) per eliminare tutte le bolle d'aria presenti. Infine prendete un pennello asciutto e, con esso, togliete via le eccedenze. Ci sono numerose tipologie di impagliature, andiamo da quella più classica a quella più moderna. Sicuramente una delle più importanti è quella a "spicchi" realizzata specialmente nella zona Toscana. Molto utilizzata dai contadini costruita con foglie di mais. A scacchi quella sicuramente più conosciuta, realizzata sempre con foglie naturali intrecciata a scacchi.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come creare un set di sedie antiche

Al giorno d'oggi, è piuttosto difficile trovare nei negozi set di sedie antiche, magari realizzate mediante la tecnica dell'impagliatura; questo perché non esiste ancora un macchinario capace di intrecciare la tradizionale funicella di paglia di segale....
Bricolage

Come impagliare una sedia rotta

Nell'epoca moderna del consumismo sfrenato, ogni qual volta qualcosa si rompe, si corre subito al primo negozio sotto casa per ricomprarla. Un tempo non era così: ogni oggetto aveva una lunghissima vita, perché si tentava di ripararlo all'infinito....
Casa

Come sostiruire la paglia in una sedia di Vienna

Le sedie antiche, fatte di paglia e legno suscitano ancora oggi un certo fascino in chi le possiede. Capita però che con l'andar del tempo queste sedie si rovinino e si debbano riparare, sostituendone la paglia, un lavoro delicatissimo e che richiede...
Bricolage

Come sostituire una seduta con dei cintini

In questo manuale ti aiuterò a realizzare una magnifica seduta su una sedia che disponeva di impagliatura, sostituendola utilizzando i cintini grazie alla loro robustezza che quindi si prestano ottimamente a fornire una comoda seduta alla sedia. In questo...
Bricolage

Come Sostituire La Paglia Di Vienna

La tecnica dell'impagliatura comprende vari metodi, che si basano essenzialmente sull'intreccio e le allacciature, eseguite a seconda del luogo e dello scopo finale, in maniera diversa. Sul mercato però oggi sono reperibili dei prodotti industriali già...
Casa

Come realizzare un coprisedia in paglia

Le sedie dal fondo impagliato appartengono a un tipo di arredamento che esiste da secoli: queste venivano costruite da artigiani specializzati, che si occupavano anche della loro manutenzione e di aggiustarle qualora fosse necessario. Attualmente questa...
Bricolage

Come Restaurare Una Sedia In Stile Luigi Filippo

In ogni casa, soprattutto di quelle più vecchie o che appartenevano ai nostri nonni, sono presenti mobili antichi, sedie e quant'altro facente parte dell'antiquariato di famigli. Per non dover buttare un oggetto che potrebbe valere moltissimo, il più...
Bricolage

Come foderare una sedia con la carta dei fumetti

Spesso in una casa capita di dover rinnovare una stanza, come ad esempio la cucina o il salone. Nel cambiare il mobilio può succedere di non poter riutilizzare gli accessori già presenti perché ormai passati di moda ed inappropriati per la nuova idea...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.