Come riparare la canna fumaria di un camino

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Ai fortunati possessori di un camino, l'inverno non fa di certo paura. Il calore che un caminetto è in grado di regalare, infatti, non è solo una questione di "temperatura", ma anche e soprattutto di atmosfera. Passare una piacevole serata con gli amici intorno ad camino, bere una cioccolata calda o leggere un libro con lo scoppiettio della legna che arde è una sensazione che può far addirittura amare l'inverno e il freddo. Tuttavia, come in tutte le belle cose ci sono degli aspetti meno piacevoli da tenere in considerazione, come il deterioramento o il danneggiamento del camino, e in particolar modo della sua canna fumaria, e la sua relativa riparazione e manutenzione. Questi interventi, infatti, possono costare davvero parecchio oltre al fastidio di dover trovare un professionista per la riparazione in tempi brevi che non ci faccia patire il freddo nell'attesa, specie se il camino è l'unica fonte di riscaldamento della camera. Dunque, poter intervenire direttamente, da soli e in totale autonomia, può farci risparmiare un bel po' ed agire molto più in fretta. Vediamo, dunque, come riparare una canna fumaria, a patto di avere un minimo di pratica di lavoretti e riparazioni fai da te, oltre ad un po' di attrezzatura specifica che si renderà assolutamente necessaria. Se non la possedete, potreste pensare di affittarla oppure di rivolgervi direttamente a ditte specializzate per l'operazione, fermo restando la vostra migliore comprensione del problema e della procedura che andranno ad utilizzare: in questo modo sarà più difficile imbrogliarvi giocando sulla vostra inesperienza nel settore. La conoscenza è sempre la migliore delle armi, ricordatelo!

27

Occorrente

  • tubo in acciaio inox - oppure -
  • manichetta in fibra di vetro o resina termoindurente
  • generatore di vapore ad alta pressione e temperatura
37

Individuare il problema

Innanzitutto, bisognerà individuare precisamente il problema. Un malfunzionamento, infatti, può essere causato da diversi fattori come un cattivo tiraggio, l'uso prolungato di un combustibile non adatto, la presenza di condensa nella struttura e persino una canna fumaria vecchia e deteriorata oppure costruita con materiali scadenti e poco resistenti. Bisognerà, pertanto, provvedere alla sostituzione, parziale o completa, degli elementi che hanno generato il malfunzionamento e di tutti quelli vecchi e deteriorati, preferendo ovviamente modelli e materiali di ultima generazione, di qualità migliore e molto più resistenti. Quando parliamo di resistenza, quindi, dovremo fare riferimento non solo alla semplice durata nel tempo, ma alla resistenza a fattori esterni, come le componenti chimiche prodotte nel processo di combustione, alle varie sollecitazioni, sia di tipo termico che meccanico, ed infine anche alla capacità di sopportare gli interventi di manutenzione e pulizia che andranno effettuate nel corso del tempo.

47

Sostituire il tubo

Le tecniche di intervento possono essere diverse, la più diffusa è senza dubbio la sostituzione del tubo interno alla canna fumaria utilizzandone uno nuovo in acciaio inox. Questo tipo di intervento è particolarmente indicato in caso di condotti verticali oppure irregolari, vista la capacità del tubo in acciaio di adattarsi perfettamente alle pareti della canna fumaria, curvandosi in base al suo andamento e rivestendola perfettamente.

Continua la lettura
57

Rinforzare la canna

Un altro sistema a cui potremo ricorrere consiste non necessariamente nella sostituzione dei tubi, ma anche nella loro semplice riparazione e rafforzamento (fermo restando che si potrà utilizzare questa tecnica anche in sostituzione del vecchio tubo). Dovremo utilizzare, in questo caso, delle speciali manichette realizzate in composti moderni ed innovativi, come la fibra di vetro o la resina termoindurente. Le manichette in questione, infatti, sono facilmente inseribili, grazie alle loro ridotte dimensioni, nella canna fumaria del camino. Dopo averle inserite, bisognerà far passare al loro interno del vapore ad alta temperatura e a forte pressione, in modo che si espandano e aderiscano completamente alle pareti della canna fumaria del camino. Il loro successivo raffreddamento garantirà un'ottima resistenza nel tempo grazie al processo di vetrificazione propria della loro composizione.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Attenzione alla potenza del proprio camino: in caso il nostro impianto superi i 35KW di potenza, non sarà possibile optare con le manichette termoindurenti.
  • Se scegliete di utilizzare le manichette termoindurenti, tenete presente che la fase di indurimento richiede circa 1-2 ore ed è un processo irreversibile.
  • Fate attenzione ad utilizzare solo prodotti a norma CE. Inoltre, dopo il vostro intervento, dovrete richiedere un'ispezione di sicurezza da parte di ditte autorizzate che verifichino la perfetta funzionalità della canna e che non ci siano pericoli di alcun genere.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come realizzare un camino d'arredo in truciolato

Da sempre i camini esercitano un fascino particolare all'interno di un'abitazione, e durante i secoli ne sono stati costruiti un numero spropositato di ogni forma e fattura. Rappresentava il modo migliore per riscaldare la casa e anche per cucinare, prima...
Bricolage

Come fare un finto camino

Il camino ha rappresentato fin dall'antichità uno degli elementi più importanti di una casa, diventando con il tempo anche un bellissimo complemento d'arredo. Anche se molte case moderne non ne sono provviste, è possibile decidere di realizzarne uno...
Bricolage

Come costruire una canna da pesca con un bastoncino

Possedere una canna da pesca al giorno d'oggi è davvero semplice, se ne trovano di ogni tipo, e non solo nei negozi specializzati, ma anche nei supermercati più forniti, trovando anche tutto l'occorrente per pescare come ami, fili, galleggianti e lenze....
Bricolage

Come rifinire un camino

Il camino è il migliore amico durante l'inverno. Riscalda casa ed ha un design molto particolare, che da sempre conferisce all'appartamento un tocco di classe. Cosa c'è di meglio che sedersi sul divano, davanti al camino, leggendo un buon libro? Dovete...
Bricolage

Come installare un caminetto elettrico

Chi non ha il desiderio di avere in casa un caratteristico caminetto che, oltre a dare il giusto calore, crea anche quell'atmosfera unica che solo un caminetto sa dare? A tal proposito, in questa guida, vi mostrerò come installare nella maniera corretta...
Bricolage

10 regole fondamentali per il funzionamento del caminetto

Con le temperature che scendono mano a mano sempre di più, la voglia di uscire di casa viene a mancare, soprattutto quando ad ospitarti c'è un bel focolare caldo che tiene lontano il freddo; per un risultato ottimale, però, avrai bisogno di alcune...
Bricolage

Come Utilizzare Il Giornale Per Il Camino

I camini aperti hanno in generale maggiori difficoltà di tiraggio, specialmente se si tratta di strutture di grandi dimensioni. Una delle modalità migliori per garantire massima efficienza al proprio camino è quella di utilizzare la carta di giornale...
Bricolage

Come realizzare una cappa in cartongesso

I caminetti di casa sono un utile strumento per riscaldare l'ambiente in maniera omogenea. Se avete intenzione di installare un camino nel vostro nuovo appartamento e avete già provveduto al montaggio della canna fumaria, del basamento e della veletta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.