Come riparare le perdite sul tetto

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se notiamo delle macchie d'acqua che si estendono lungo il soffitto o sulle pareti, la causa è probabilmente una perdita sul tetto. Individuarla è la parte più difficile, mentre la riparazione è di solito abbastanza facile da eseguire. La fonte della maggior parte delle perdite del tetto, infatti, nasce lontano da dove si presenta la macchia. La cosa più importante è risolvere il problema immediatamente perché, anche nell'arco di un breve periodo di tempo, le piccole perdite possono portare a grandi problemi come la muffa e il marciume. Vediamo allora come riparare le perdite sul tetto.

25

Occorrente

  • Vetroresina in pasta
  • Stucco epossidico
  • Guaina bituminosa
  • Asfalto a freddo
  • Spatola e pennello
  • Silicone con pistola
35

Se il tetto si compone delle tradizionali tegole, in base alla qualità di queste ultime ci possiamo regolare utilizzando il materiale adatto alla riparazione e alla sigillatura tre le giunture. Se le tegole sono in terracotta, allora la soluzione ideale consiste nell'applicazione del bitume liquido utilizzando un pennello; a lavoro ultimato, il risultato sarà una guaina protettiva a prova di pioggia e di infiltrazioni d'acqua, proteggendo di fatto il solaio e le pareti dell'appartamento sottostante.

45

Se invece le tegole sono in vetroresina o in metallo, allora in entrambi i casi occorre una pasta specifica, ovvero rispettivamente la stessa vetroresina e lo stucco epossidico. La prima si applica attraverso una piccola striscetta di guaina bituminosa, la quale, una volta indurita diventa impenetrabile. Lo stucco epossidico, invece, può entrare direttamente a contatto con le tegole in metallo, in quanto ad essiccazione avvenuta diventa un tutt'uno con esse. Se il tetto si presenta abbastanza liscio, e quindi ricoperto di guaina bituminosa o piastrelle, in entrambi i casi possiamo intervenire con due materiali ed altrettante tecniche molto efficaci.

Continua la lettura
55

Se il tetto è un terrazzo, e quindi la superficie è piastrellata, interveniamo con dello stucco epossidico per riempire le fughe che eventualmente ne sono prive, oppure con del silicone, quest'ultimo particolarmente indicato per sigillare i vuoti tra la pavimentazione e le pareti adiacenti. L'applicazione del primo avviene con una spatola e successivamente si provvede alla pulizia asportandone quello in eccesso, mentre il silicone va applicato mediante l'apposita pistola. In questo modo, si crea un cordolo che, una volta indurito, diventa trasparente e garantisce una perfetta impermeabilizzazione del tetto, prevenendo quindi le perdite d'acqua sottostanti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come riparare una piscina in vetroresina

Le piscine in vetroresina sono molto resistenti e perciò durano per molti anni se ci si prende cura di esse. In caso contrario saranno più suscettibili a danneggiamenti e richiederanno molto tempo per la loro riparazione. Se possedete una piscina in...
Materiali e Attrezzi

Come riparare un condizionatore a finestra

Il condizionatore a finestra, o monoblocco, viene comunemente impiegato nei negozi, nelle aziende, come nelle abitazioni. Dal design elegante, costa poco ed offre grandi prestazioni. Per mantenerlo in efficienza, bastano alcuni semplici interventi di...
Materiali e Attrezzi

Come riparare l'asta degli occhiali

Quando gli occhiali si danneggiano nella zona della lente, è opportuno farli riparare da un professionista, possibilmente un ottico specializzato. Se a rompersi, invece, è l'asta che li sorregge, potete adoperare un tentativo di riparazione d'emergenza,...
Materiali e Attrezzi

Come riparare i graffi sull'acciaio inossidabile

L'acciaio inossidabile è senza dubbio la scelta migliore quando bisogna rinnovare la cucina. Un lavabo realizzato in questo materiale, infatti, riesce a coniugare l'estetica moderna ed elegante con la praticità di un materiale facile da pulire e da...
Materiali e Attrezzi

Come riparare il laminato plastico

Il laminato plastico è composto da alcuni strati di carta che vengono sottoposti ad un trattamento termico tramite le resine. Per mezzo di questo tipo di processo, si realizza una maggiore resistenza, stabilità ed isolamento acustico. Questo genere...
Materiali e Attrezzi

Come riparare i tacchi delle scarpe rovinate

In questa guida vi spiegherò in maniera semplice e veloce come riparare i tacchi delle scarpe rovinate. Quindi, donne, non abbiate più paura. Se vi si spezza un tacco non ne fate un drama. Ci sono qui io a spiegarvi come risolvere tutti i vostri problemi...
Materiali e Attrezzi

Come riparare un tubo in PVC flessibile rotto

Uno dei problemi più fastidiosi che potrebbe colpire un'abitazione è la rottura di una tubatura. Nello specifico, il tubo in PVC (polivinilcloruro), disponibile sia nella versione liscia che corrugata, è uno dei materiali che risente maggiormente di...
Materiali e Attrezzi

Come riparare un generatore di funzioni

Il generatore di funzioni, detto anche generatore di forme d'onda, è un dispositivo in grado di trasmettere linee d'onda di diversa tipologia. Esso viene usato soprattutto nei circuiti elettrici ed elettronici ed è in grado di agire su parametri come...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.