Come riparare un gruppo continuità

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Spesso si sente parlare di gruppo di continuità, ma cosa sono realmente? In pratica, i gruppi di continuità, sono delle macchine indispensabili in una casa, in un edificio di pubblico servizio come ospedali ecc., per sopperire alle mancanze di energia elettrica. Attraverso il supporto del gruppo di continuità, sarà possibile quindi garantire il corretto funzionamento di luci o di strumenti di cui non possiamo fare a meno. Si tratta, quindi, di un piano d'emergenza davvero utile e fondamentale, per tutti i tipi di utilizzi e di esigenze. Un altro utilizzo importantissimo, è quello di salvaguardare elettrodomestici e apparecchi come computer ecc., anche in caso di abbassamento dell'energia elettrica. Questo tipo di disagio, infatti, può recare gravissimi danni ai vari dispositivi in corrente. Se, tuttavia un gruppo di continuità si guasta, occorre intervenire per ripararle, per cui nei passi successivi, illustreremo la giusta tecnica, il modo, per come riparare un gruppo di continuità.

24

I gruppi di continuità, rimanendo continuamente accesi, praticamente 24 ore su 24, sono messi sotto sforzo e, per questo motivo, possono incorrere in guasti e malfunzionamenti. Quando avviene un guasto, esiste una tecnica specifica per ripararli e, nella maggior parte dei casi, vede facile rimedio nella sostituzione delle batterie. I gruppi di continuità, infatti, sono alimentati da accumulatori disposti in serie e collegati ad un caricabatterie.

34

Per riparare il nostro gruppo di continuità, come prima cosa, prendiamo un cacciavite e smontiamo la parte esterna dopodiché, sempre con il medesimo attrezzo, svitiamo le viti di sostegno della scatola di contenimento, prestando attenzione a ricordare la giusta posizione di ognuna. A questo punto, bisogna riporre le viti e i componenti delle batterie, nonché i connettori specifici per alimentarle. A questo punto, eliminiamo i connettori collegati con dei morsetti a vite in modo da avere la batteria libera da intralci e pronta ad essere provata. Dopo aver controllato che non ci sia più la resistenza necessaria, provvediamo a metterla da parte e verificare, con lo stesso procedimento, anche le altre batterie.

Continua la lettura
44

Una volta acquistate le batterie nuove possiamo quindi procedere con il processo inverso, ossia riposizionando ognuna di esse nel proprio alloggio, applicare i morsetti con i singoli connettori, ed infine chiudere il gruppo riposizionandolo nella sua calettatura, Dopo questo procedimento, non resta che assemblare nuovamente la copertura totale. Il gruppo di continuità, a questo punto, va messo sotto corrente e, per farlo ricaricare al 100%, richiederà almeno 12 ore. Una volta caricato al massimo, basterà abbassare il contatore generale della rete elettrica per poter controllare e verificare se effettivamente va in funzione automaticamente. Se tutto è a posto, allora significa che abbiamo fatto un buon lavoro e, soprattutto abbiamo risolto il problema evitando di doverne acquistare uno nuovo. Infine, si consiglia caldamente, di sostituire eventualmente i connettori qualora essi si presentino eccessivamente ossidati. L'ossidazione dei connettori, infatti, potrebbe causare la messa in corto delle batterie.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come riparare un condizionatore a finestra

Il condizionatore a finestra, o monoblocco, viene comunemente impiegato nei negozi, nelle aziende, come nelle abitazioni. Dal design elegante, costa poco ed offre grandi prestazioni. Per mantenerlo in efficienza, bastano alcuni semplici interventi di...
Materiali e Attrezzi

Come riparare una piscina in vetroresina

Le piscine in vetroresina sono molto resistenti e perciò durano per molti anni se ci si prende cura di esse. In caso contrario saranno più suscettibili a danneggiamenti e richiederanno molto tempo per la loro riparazione. Se possedete una piscina in...
Materiali e Attrezzi

Come riparare l'asta degli occhiali

Quando gli occhiali si danneggiano nella zona della lente, è opportuno farli riparare da un professionista, possibilmente un ottico specializzato. Se a rompersi, invece, è l'asta che li sorregge, potete adoperare un tentativo di riparazione d'emergenza,...
Materiali e Attrezzi

Come riparare i graffi sull'acciaio inossidabile

L'acciaio inossidabile è senza dubbio la scelta migliore quando bisogna rinnovare la cucina. Un lavabo realizzato in questo materiale, infatti, riesce a coniugare l'estetica moderna ed elegante con la praticità di un materiale facile da pulire e da...
Materiali e Attrezzi

Come riparare il laminato plastico

Il laminato plastico è composto da alcuni strati di carta che vengono sottoposti ad un trattamento termico tramite le resine. Per mezzo di questo tipo di processo, si realizza una maggiore resistenza, stabilità ed isolamento acustico. Questo genere...
Materiali e Attrezzi

Come riparare i tacchi delle scarpe rovinate

In questa guida vi spiegherò in maniera semplice e veloce come riparare i tacchi delle scarpe rovinate. Quindi, donne, non abbiate più paura. Se vi si spezza un tacco non ne fate un drama. Ci sono qui io a spiegarvi come risolvere tutti i vostri problemi...
Materiali e Attrezzi

Come riparare un generatore di funzioni

Il generatore di funzioni, detto anche generatore di forme d'onda, è un dispositivo in grado di trasmettere linee d'onda di diversa tipologia. Esso viene usato soprattutto nei circuiti elettrici ed elettronici ed è in grado di agire su parametri come...
Materiali e Attrezzi

Come riparare il marmo scheggiato

Il marmo viene spesso scelto per il suo valore estetico e per i suoi colori tenui; inoltre, le venature uniche di questa pietra naturale possono aggiungere eleganza e stile a qualsiasi ambiente od oggetto della casa. Il marmo è comunemente utilizzato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.