Come riparare un vaso di porcellana con la colla

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Vi sarà capitato sicuramente, magari per distrazione oppure durante il normale svolgimento dei lavori domestici, di rompere un vaso o un qualsiasi altro oggetto di porcellana a voi caro. È inutile, come sentenzia giustamente il proverbio, piangere sul latte versato. La cosa migliore da fare è prendere scopa e paletta, non per buttare i pezzi nella pattumiera come penserete subito, ma per provvedere a riparare l'oggetto. Come? Armandovi di pazienza e soprattutto della colla adatta a sistemare il vostro amato vaso di porcellana.

26

Occorrente

  • Colla
  • Nastro adesivo
  • Pennello sottile
  • Stucco colorato
  • Mastice bianco per porcellana
36

Innanzitutto, è importante recuperare tutti i frammenti, anche le più piccole schegge, se volete che la riparazione avvenga nel miglior modo possibile. Prima di mettervi all'opera, dovrete accertarvi che i frammenti siano asciutti e ben puliti: nel caso in cui il vaso era pieno d'acqua prima di cadere, i pezzi dovranno essere puliti a fondo e poi asciugati. La riparazione deve procedere per fasi, così che i punti incollati abbiano tutto il tempo di essiccarsi perfettamente. Prima di utilizzare la colla, è consigliabile una prova a secco, usando del nastro adesivo, di modo che, se il "puzzle" non fosse riuscito, non dovrete preoccuparvi di aver già fatto un danno irreparabile.

46

Ora che avete fatto la prova con il nastro adesivo, avete anche la certezza di aver ritrovato tutti i pezzi del nostro manufatto, quindi, potete partire con il vero e proprio lavoro. Inizierete con l'incollare i pezzi dal fondo: come preparazione, andrete a passare una prima mano, con un pennello dalla punta sottile, su ambedue i bordi da unire e deve essere il più sottile possibile. Dopo circa 10 minuti, spalmate un'altra mano su uno solo dei bordi, e procedete ad accostarlo saldamente all'altro. Eseguite tale operazione fino ad incollare tutti i pezzi del vostro vaso.

Continua la lettura
56

Dato che il mastice, per asciugarsi perfettamente, ha bisogno di 24 ore, affinché le parti incollate nel frattempo non si stacchino, andranno tenute insieme con nastro adesivo, applicandolo proprio sulle linee di rottura. Oltre a ciò, potrete rimuovere i residui di colla con uno straccio imbevuto di acetone: se manca un piccolo pezzo e la porcellana è di colore chiaro, il vuoto va riempito con lo stucco, altrimenti è consigliabile utilizzare lo speciale mastice bianco per porcellane, reperibile nei negozi. Nel caso in cui invece mancasse un pezzetto di porcellana colorata, il mastice va dipinto con colore ad olio sintetico e lasciato asciugare per almeno un giorno intero. Buon lavoro!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come ricostruire oggetti di porcellana o vetro

In tutte le abitazioni sono presenti numerosi suppellettili, spesso ricordi di cerimonie di amici e parenti. Si tratta di oggetti in vetro o porcellana, cristallo, vetro soffiato, terracotta, argento, acciaio, resina, pasta al sale e dei più disparati...
Bricolage

Come incollare oggetti di porcellana o vetro rotti

Quante volte ci sarà capitato di mandare in mille pezzi un oggetto in porcellana o in vetro al quale eravamo tanto legati, e di rovinare incontrovertibilmente la nostra giornata, proprio per la tristezza scaturita da questo piccolo incidente? Nelle nostre...
Bricolage

Come effettuare semplici riparazioni di porcellana e ceramica

Attraverso questo tutorial ci occuperemo di spiegarvi come bisogna procedere per realizzare delle riparazioni di porcellana e ceramica. Incollare tra di loro dei pezzi danneggiati non è un esercizio difficile da eseguire, tuttavia richiede molta pazienza...
Bricolage

Come imitare la porcellana con il gesso

La storia dei popoli è intrisa di manufatti creati per rispondere a necessità quotidiane o a scopo decorativo e artistico. Composti da materiali di fango ed erba, dai popoli primitivi, fino ad arrivare a lavorazioni complesse come ceramica, porcellana...
Bricolage

Come decorare una targhetta in porcellana

Per gli amanti del fai da te, della modellistica e della pittura non vi è modo migliore di svolgere delle decorazioni autonomamente per oggetti che possono decorare la propria abitazione, oppure divenire un'ottima idea regalo. Con la tecnica che verrà...
Bricolage

Come Realizzare L'Impasto Della Porcellana

La porcellana è una ceramica che si realizza con l’impasto di tre ingredienti che poi devono essere cotti ad una temperatura che va dai 1300 fino ai 1400 gradi. La porcellana è la ceramica fine per eccellenza e quando arrivò in Europa (proveniente...
Bricolage

Come decorare la porcellana

La porcellana è una tipologia particolare di ceramica ed è abbastanza pregiata: per riuscire ad ottenere degli oggetti dal classico aspetto vetrificato, essa viene prodotta utilizzando il caolino, il quarzo ed il feldspato. Ad inventare la porcellana...
Bricolage

Come creare un fiore di porcellana

I fiori di porcellana sono un elemento decorativo di gran pregio in quanto sono un segno di eleganza e di gusto. Questi oggetti si possono realizzare anche utilizzando il metodo fai da te; in questo modo si ha la possibilità di risparmiare notevoli somme...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.