Come ripiegare il paracadute d'emergenza

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il paracadutismo è uno sport popolare, diffuso in tutto il mondo. Gli storici ritengono che fu l'artista Leonardo da Vinci a progettare il primo paracadute al mondo intorno all'anno 1495. Anche se il primo modello era molto differente da quelli utilizzati oggi, tuttavia aveva la stessa funzione di base: catturare aria, con lo scopo di rallentare un oggetto durante la caduta attraverso l'atmosfera. Con i passaggi che seguono vi spiegheremo nel dettaglio e in modo molto semplice come bisogna procedere per riuscire a ripiegare senza difficoltà il proprio paracadute d'emergenza.

24

Prevenire i problemi

Cominciamo subito col dire che è importante considerare che il paracadute non deve essere ripiegato come se si trattasse di un salame: tale disposizione non farebbe altro che ritardarne ulteriormente l'apertura e causare, di conseguenza, un atterraggio disastroso e, soprattutto, pericoloso. Questi pochi e semplici accorgimenti vi garantiranno la massima sicurezza nel vostro hobby. Non dovrete pertanto assolutamente temere l'insorgenza di problemi nello scioglimento delle semplici funi, qualora fosse necessario in particolari situazioni di emergenza.

34

Distendere il paracadute

Spesso accade che, dopo un bel lancio, ci sia bisogno di riporre con cura nella custodia il proprio paracadute, evitando di generare un aggrovigliamento dei cavi. Per evitare questo inconveniente, dovrete seguire in modo preciso gli step seguenti affinché il vostro mezzo di salvataggio possa esser ripiegato nel modo corretto, in maniera tale da garantire una corretta apertura dello stesso. Innanzitutto il paracadute deve essere disteso su una superficie piana, così da verificarne l'integrità delle cuciture e la tenuta dei cavi. È necessario infatti riparare eventuali cavi corrosi o rovinati: solamente in questo modo si avrà la sicurezza nell'avventurarsi nel successivo lancio nel vuoto.

Continua la lettura
44

Ripiegare il paracadute

Una volta effettuato questo check-up ed eventualmente sostituito le componenti pericolose, il paracadute necessita di essere ripiegato a metà e deve essere steso il più possibile, così da rimuovere tutte le eventuali pieghe presenti. Tale operazione dovrà essere rieseguita una seconda volta, ripiegando nuovamente con cura il drappo e posizionando i cavi in modo ordinato sopra lo stesso paracadute piegato. A questo punto bisogna rieseguire la stessa operazione di piegatura una terza e ultima volta e infine bisognerà posizionare le cime orientandole verso il basso e facendole aderire ancora al tessuto. Ora che è stato ripiegato un'ultima volta, il paracadute è finalmente pronto per l'inserimento all'interno del razzo. È importante che le funi siano disposte lungo la direzione del tessuto e non avvolgano invece in maniera disordinata il paracadute. Ovviamente, nel caso in cui doveste riscontrare delle difficoltà, non esitate a chiedere l'aiuto di un compagno più esperto o un istruttore: si tratta di un passaggio importante per garantire la vostra sicurezza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come fissare al muro dei fischer a espansione

Se abbiamo la necessità di dover fissare del cartongesso sulle pareti verticali o sotto al soffitto, possiamo ottimizzare il nostro lavoro utilizzando dei fischer a espansione. Questi, in commercio, sono disponibili di diversi modelli e lunghezze, ognuno...
Altri Hobby

Come decorare con i palloncini

I palloncini sono un'ottima soluzione per dare un tocco colorato e originale ad una festa o ad un'occasione speciale. Allegri e scenografici, sono in realtà molto facili da utilizzare per creare sculture e decorazioni d'effetto per la gioia di grandi...
Altri Hobby

Come fare un bracciale in paracord

Il paracord o corda di paracadute, è l'elemento che tiene attaccato il paracadutista alla struttura che lo sorregge. Il suo utilizzo si sviluppò nel periodo della seconda guerra mondiale. Questo cavo viene largamente impiegato anche per il campeggio....
Bricolage

Come montare a parete la lampada d'emergenza

Montare una o più lampade d'emergenza può essere una soluzione utile, specie se si abita in una zona soggetta a frequenti interruzioni della corrente. In questo caso, è conveniente l'installazione di lampade d'emergenza fisse, montate a parete o a...
Materiali e Attrezzi

Come costruire una luce di emergenza

Una luce emergency è parte integrante degli apparecchi elettronici di oggi. Come ben noto, la luce di emergenza viene utilizzata durante l'interruzione di corrente per illuminare la casa. I LED bianchi utilizzati nelle luci di emergenza, sono generalmente...
Cucito

Come fare un orlo

Per eseguire dei piccoli lavori di sartoria rivolgersi alle persone qualificate è decisamente comodo e utile, ma saper fare da sé almeno le cose principali è sicuramente più conveniente. Inoltre, una volta presa la mano, si avrà la garanzia di ottenere...
Cucito

Come Fare Un Pouf Letto D'Emergenza

Se all'improvviso in casa ci troviamo con degli ospiti e che non sappiamo come far dormire, è importante saper trovare la soluzione ottimale e soprattutto garantire un comodo letto. In tal caso possiamo optare per la realizzazione di un pouf d'emergenza...
Bricolage

Come fissare una lampada di emergenza in casa

Qualora intendiate montare una qualunque lampada di emergenza nella vostra abitazione principale e non sapete assolutamente come bisogna procedere per farlo in maniera efficace e nel miglior modo possibile, questa guida fa al caso vostro! Non vi rimane...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.