Come ripristinare i caloriferi rimuovendo l'aria in eccesso

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il momento in cui accendete il riscaldamento notate che i vostri caloriferi non riscaldano più e percepite anche un gorgogliare d'acqua, allora sicuramente nelle tubature dell'impianto c'è dell'aria.
Quest'ultima, circolando nei caloriferi, provoca una pressione eccessiva, che impedisce di riscaldare in modo ottimale gli ambienti in cui sono installati. Non toglierla, provoca un consumo eccessivo di energia. Tuttavia è un'operazione molto semplice che va effettuata alla prima accensione del riscaldamento. Per saperne di più su come ripristinare i caloriferi rimuovendo l'aria in eccesso, basterà seguire attentamente le utili informazioni contenute nei passi della seguente guida.

26

Occorrente

  • una bacinella
36

Per cominciare, innanzitutto accertatevi che la caldaia sia spenta e che i radiatori siano freddi ed aperti. Noterete che ognuno di questi ha una manopola a due versi: aperta o chiusa. Qualora fosse chiusa, ruotatela in senso antiorario. Procuratevi poi una bacinella o uno straccio ed andate verso il termosifone posizionato più distante rispetto a dove è collocata la caldaia.

46

Appena davanti il calorifero, cercate la valvolina di sfiato (generalmente è posta su a destra e si presenta sotto forma di rondellina), ponete la bacinella sotto di essa e provate, facendo molta attenzione, ad allentarla. Inizialmente fuoriuscirà l'aria, essendo più leggera e trovandosi nella zona superiore. Aspettate che esca tutta e nel momento che noterete "schizzare" anche dell'acqua, (attenti agli spruzzi), chiudete rapidamente la stessa valvola. Quando il flusso dell'acqua risulterà continuo e costante allora constaterete che l'operazione l'avrete eseguita con successo!

Continua la lettura
56

Procedete allo stesso modo con tutti gli altri caloriferi presenti nell'abitazione, partendo dal più lontano fino ad arrivare a quello più vicino alla caldaia. Ad operazione terminata, azionate la caldaia, posizionando la leva della temperatura a metà, stando attenti a non superare la pressione di 2 bar. Lasciatela in funzione per circa un'oretta e poi spegnetela. Trascorsi un paio di minuti riaccendetela, controllate, inoltre, che la lancetta della pressione sia nella norma e che i radiatori si siano scaldati uniformemente. Se, non si dovessero riscaldare, sarà opportuno ripetere il lavoro su descritto! Inoltre se nel recipiente notate la presenza di minuscoli grani bianchi, sta a significare che il vostro impianto è ricco di calcare e, quindi, dovrete interpellare un tecnico specializzato, che provvederà ad effettuare un lavaggio chimico all'intero dell'impianto.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • se nel recipiente notate la presenza di minuscoli grani bianchi, sta a significare che il vostro impianto è ricco di calcare e, quindi, dovrete interpellare un tecnico specializzato, che provvederà ad effettuare un lavaggio chimico all'intero dell'impianto.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come preparare i termosifoni all'inverno

Prima dell'arrivo della stagione fredda, è fondamentale rimettere in funzione l'impianto di riscaldamento, effettuando delle accurate operazioni di manutenzione affinché il tutto funzioni a meraviglia, senza sprechi di calore. In questo modo risparmieremo...
Casa

Come fare la manutenzione del calorifero

Orma, quasi tutte le abitazioni, vengono riscaldate attraverso piastre radianti, le quali prendono il nome di caloriferi. In genere sono alimentati da una caldaia a gas, e posizionati nelle varie stanze dove irradiano il loro calore. Accesi oppure spenti,...
Casa

Come spurgare un calorifero

Lo spurgamento di un calorifero, o termosifone, consist nell'espellere l'aria che è rimasta intrappolato all'interno. Quest'ultima provoca la formazione di punti freddi, riducendo la loro efficicenza. È possibile eseguire questa operazione da soli,...
Casa

Come estrarre un termosifone dal muro

Se siete in procinto di ristrutturare la vostra casa e avete la necessità di rifare anche l'impianto del riscaldamento, sarà sicuramente necessario smontare i vecchi termosifoni in modo tale da poter installare quelli nuovi. L'operazione che bisogna...
Casa

Come fare uscire l'aria dal radiatore della caldaia

Sono davvero in tanti coloro i quali, grazie al metodo classico del fai-da-te, sono in grado di porre rimedio ai problemi casalinghi, che spesso sono soliti presentarsi, proprio quando non dovevano. Ecco perché abbiamo pensato di creare questa guida,...
Casa

Come capire se un calorifero é efficiente

È facilmente intuibile che in una casa una delle prime regole è il risparmio. Ma come si fa a risparmiare, per esempio sul riscaldamento? Innanzitutto, dobbiamo dire che con qualche piccolo accorgimento si può migliorare l'efficienza del nostro impianto....
Giardinaggio

Come mantenere in salute le piante d'appartamento durante l'inverno

Le piante poste nel nostro appartamento, oltre a dare un tocco di gioia, di vita, e a personalizzare la nostra casa, proteggono la nostra salute, perché sono in grado di assorbire lo smog e di purificare l'aria. Dal momento che loro hanno un compito...
Casa

Come rimuovere un termosifone

I termosifoni o caloriferi sono elementi che fanno parte dei più comuni sistemi di riscaldamento casalinghi. Sono generalmente collegati ad una rete idraulica che trae calore da una caldaia, alimentata da vari combustibili come gas, legno, eccetera....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.