Come Ripristinare La Dentatura Della Lama Di Una Sega

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Tra i vari attrezzi presenti nelle case o nei laboratori degli appassionati del fai da te c'è spesso anche la sega. Viene usata soprattutto per il legno, ma alcuni tipi di sega sono adatti anche ad altri materiali come ferro o gomma. Le lame delle seghe da legno si possono rovinare facilmente, poiché esse vengono esposte a grande sollecitazione durante il lavoro di taglio, ma se vengono periodicamente riparate possono durare anche per molti anni. Con questa guida potrete imparare a ripristinare la dentatura di una qualunque lama per sega. Vediamo come fare.

26

Occorrente

  • morsa
  • blocchetti di legno
  • lima piatta a taglio dolce
  • lima triangolare
  • guanti da lavoro
36

Quando la lama della sega comincia a tagliare male e si inceppa di frequente, è arrivato il momento di intervenire. La prima cosa da fare è esaminare attentamente lo stato della dentatura. Probabilmente noterete che la punta dei denti, una volta ben aguzza, è diventata notevolmente più arrotondata o, addirittura, che qualche dente si è spezzato. Ora esaminate la lama per il verso della lunghezza e controllate la stradatura della lama, che sicuramente sarà quasi nulla.

46

A questo punto, quando avrete eseguito questa fase di analisi della lama, potrete iniziare a intervenire serrando la lama su una morsa, posizionandola con la dentatura rivolta verso l'alto. Utilizzate due blocchetti di legno per evitare che la lama venga a trovarsi a contatto diretto con le ganasce della morsa. Ora, con una lima piatta a taglio dolce, dovrete ulteriormente spianare i denti in modo da portarli tutti alla medesima altezza, poiché sicuramente i denti saranno consumati in modo differente. Nella maggior parte dei casi saranno molto di più usurati al centro della lama che alle estremità.

Continua la lettura
56

Naturalmente non bisogna cercare di portare tutti i denti al livello del più basso, che potrebbe essere addirittura spezzato, dal momento che così facendo si rovinerebbe irrimediabilmente la lama. Quindi, per non sbagliare, dovrete tenervi ad un' altezza media, trascurando eventualmente alcuni denti troppo bassi, ma non più del 5%. Ora, con una lima triangolare di adeguate dimensioni a taglio dolce, lavorate nella gola tra dente e dente in modo da asportare il metallo sia verso il basso sia verso il dente stesso. Così facendo la livellatura della punta man mano diminuisce e la punta si riforma. Durante la lavorazione, la lima la dovrete tenere a novanta gradi rispetto alla lama e dovrete azionala con moto uniforme. Ora fate prima una passata su tutte le gole, poi un' altra finché le punte non sono vive.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fai attenzione a non tagliarti con la lama, quindi utilizza i guanti da lavoro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come scegliere una sega a nastro per ferro

La sega a nastro è uno strumento estremamente utile per la lavorazione del legno, del ferro, dei metalli e molti altri materiali difficili da trattare. Se utilizzata nel modo corretto, si rivela un apparecchio versatile e preciso. Perché sia funzionale,...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare la sega a dorso

Per gli amanti del bricolage, esistono molti attrezzi per la lavorazione del legno. Oggi la tecnologia ne propone tantissimi di tipo elettrico, ma se tuttavia ne abbiamo qualcuno in soffitta di tipo manuale, come ad esempio per segare il legno, possiamo...
Materiali e Attrezzi

Come Segare Il Legno

L'hobby della lavorazione del legno è uno dei preferiti dagli appassionati del "fai da te" che, generalmente, vi si dedicano per la costruzione di mobili o anche per la realizzazione di alcune soluzioni di arredamento. In falegnameria, il legno ancora...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare il gattuccio

La sega è un utensile usato per tagliare vari materiali: legname, metalli, pietre, ecc. Essa è costituita da una lama dentata di acciaio di forma rettilinea, circolare o a nastro; può essere manovrata a mano o azionata a motore; negli altri casi è...
Materiali e Attrezzi

Come affilare un coltello seghettato

I coltelli che presentano una specifica lama seghettata, hanno un aspetto ondulato, la cui dentellatura riesce a rendere maggiormente semplice ad esempio il taglio di oggetti o cibi duri. La lama di questi coltelli, risulta essere molto più richiesta...
Materiali e Attrezzi

Come tagliare un pannello di laminato plastico

Al giorno d'oggi, si fa molto uso dei laminati plastici per realizzare diversi tipi di oggetti. In particolare, si possono trovare in elementi architettonici o d'arredo, nei mobili oppure nelle cucine. Sono molto resistenti ed hanno una lunga durata nel...
Materiali e Attrezzi

Come tagliare un foglio di policarbonato

Ci sono vari modi per tagliare un foglio di policarbonato. Tutto dipende dallo spessore del foglio. Ad esempio, se lo spessore è inferiore al mezzo centimetro, si possono utilizzare le cesoie a mano. Se è più spesso, si dovrà utilizzare una sega meccanica....
Materiali e Attrezzi

Come tagliare e unire i fogli di lamiera

Alcune volte c'è necessità di utilizzare dei fogli di lamiera per dei lavori piuttosto delicati. Ma tagliare la lamiera ed unirla ad altri fogli dello stesso materiale potrebbe rivelarsi alquanto difficile e complicato se non si possiedono i giusti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.