Come Riprodurre La Mammillaria Dai Germogli

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il genere più conosciuto e diffuso della famiglia delle cactaceae è sicuramente quello della Mammillaria, con le sue 300 varietà di piante. Il nome Mammillaria è dovuto alla forma dei tubercoli, posti a spirale, che coprono l'intera pianta. Questo genere è diffuso soprattutto perché gli appassionati ne apprezzano le molteplici fioriture che la caratterizzano. In riferimento a ciò, ecco una guida con alcuni consigli su come riprodurre la mammillaria dai germogli.

25

Occorrente

  • Attrezzi per il giardinaggio
  • Vaso contenitore
  • Terriccio per cactacee
  • Sabbia di fiume
  • Torba sminuzzata
35

Partendo dai germogli della pianta madre, potrete ottenere delle nuove da mettere in singoli vasi. Se il germoglio spunta dalla terra, lo dovrete asportare con una piccola quantità di radici e successivamente sistemarlo subito in un vaso contenente una miscela formata per 2/3 da un composto specifico per le cactacee e per 1/3 da sabbia grossolana come ad esempio quella di fiume. I contenitori ideali per la Mammillaria sono i vasi di coccio, di dimensioni abbastanza contenute, ma anche quelli in cemento, si rivelano adatti per questa riproduzione.

45

La raccomandazione ulteriore per poter tagliare le radice, consiste nel fatto che dovrete necessariamente utilizzare un coltello particolarmente affilato e precedentemente passato sul fuoco, in modo da ottenerlo perfettamente sterilizzato. Dopo aver fatto questo, per circa tre settimane, non annaffiate assolutamente la nuova pianta. Sicuramente il primo nemico della Mammillaria è l'umidità; infatti, quando è eccessiva e ristagnante, la pianta comincia a diventare molle e scura, e le cure non danno alcun risultato per cui la pianta in genere tende a morire. Per evitare questo inconveniente è opportuno aggiungere sia all'interno che sull'orlo del vaso contenitore, della torba sminuzzata, che nello specifico viene usata per le piante in modo da favorirne un drenaggio ottimale, il che significa un rilascio lento dell'acqua, che quindi non fa marcire l'apparato radicale.

Continua la lettura
55

Se il germoglio è attaccato alla pianta madre, toglietelo, ma sempre con l'ausilio di un coltello ben affilato e disinfettato. Lasciate successivamente asciugare il tutto per almeno una settimana. Una volta che la superficie tagliata si sarà completamente cicatrizzata, la potrete mettere in un altro vaso con la stessa miscela per cactacee e sabbia a cui in precedenza abbiamo fatto accenno. A questo punto il lavoro può considerarsi ultimato per cui non resta che aspettare la nuova e rigogliosa fioritura della Mammillaria.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come fare germogli in casa

Con alcune indicazioni giuste e procedendo nel modo corretto, da oggi è possibile realizzare dei germogli in casa, come se ci si trovasse all'interno di un ampio giardino o di una modernissima serra. Questa operazione risulterà inoltre molto utile,...
Giardinaggio

Come preparare i piattini con i germogli di grano per i sepolcri

In Italia esistono tantissime tradizioni relative alla Settimana Santa di Pasqua, per lo più diffuse soprattutto nei piccoli centri. Tra queste ne troviamo una davvero molto particolare, ovvero la preparazione dei piattini con i germogli di grano, magari...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare i germogli sul balcone

Avete mai avuto voglia di coltivare le vostre piantine preferite ma non possedete un giardino dove dar sfogo al vostro pollice verde? Siete stanchi di vedere i vostri balconi vuoti e spenti? Bene! Non abbiate paura, perché attraverso 5 semplici consigli,...
Giardinaggio

Come coltivare i germogli in un barattolo

Un alimento decisamente ricco di proprietà nutritive sono i germogli. Essi non dovrebbero mancare assolutamente all'interno di una dieta sana e varia. La notizia ottima è il fatto che essi si possono facilmente coltivare in casa, con l'utilizzo di pochissimi...
Giardinaggio

Come riprodurre l'aloe arborescens

L'Aloe Arborescens, o Krantz Aloe, da non confondere con l'Aloe Vera il cui nome latino è invece Aloe Barbadensis Miller, è conosciuta da millenni come pianta dai grandi poteri curativi. La medicina moderna dopo approfonditi studi si è resa conto delle...
Giardinaggio

Come riprodurre i geranei

Con questa semplice guida imparerete a ricavare delle talee dai vostri gerani per poter riempire i vostri balconi o i vostri giardini con questi stupendi fiori in modo estremamente economico ed immediato. Vi serve solo un po' di tempo libero e il gioco...
Giardinaggio

Come riprodurre le ortensie

Regine dell'estate, sfoggiano i loro grandi fiori vistosi in giardini e terrazzi: si tratta delle ortensie. Originarie dell' Asia, sono tra gli arbusti legnosi più diffusi e scenografici presenti in Italia; di esse esistono numerose varietà, ottenute...
Giardinaggio

Come Riprodurre Una Pianta Erbacea O Legnosa Per Talea

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, che sono dei veri appassionati di giardinaggio, a capire come poter riprodurre una pianta erbacea o anche legnosa, per talea. Si sa che sono davvero tante le piante che si riproducono per talea,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.