Come riprodurre una pianta con il metodo della propaggine

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Oggi esistono molte tecniche per far nascere delle piante. La tecnica della propaggine è una di queste (detta anche “margotta”) serve per la riproduzione di piante del tipo rampicante, oppure dei piccoli arbusti o piante da tenere in casa come il ficus pumila. Vediamo insieme come riprodurre una pianta con il metodo della propaggine.

26

Per riprodurre una pianta con il metodo della propaggine, dobbiamo aspettare il momento più propizio. La stagione migliore è l'autunno. Se prendiamo in considerazione come pianta madre la rosa. Quindi terminata l'estate provvediamo a lavorare il terreno intorno alla pianta madre. Nel primo autunno dobbiamo prendere un altro ramo in salute e livellandolo dal terreno disponiamolo a circa trenta centimetri dall'estremità superiore. Proprio in questo punto scaviamo un'apertura profonda più o meno quindici centimetri. Facciamo in modo che il lato posto verso la pianta madre sia a mo di scivolo mentre l'altro risulti a novanta gradi. Infine prendiamo il ramo della pianta e lo poniamo nell'apertura sotterrandolo. Facciamo attenzione a lasciarlo quindici centimetri fuori dal terreno. Possiamo fermare il ramo con l'aiuto di una forcina da capelli e in seguito riempiamo di terra. Vediamo quindi come riprodurre una pianta con il metodo della propaggine.

36

Per prima cosa dobbiamo scegliere un ramo in buona salute. Abbiamo cura di prenderne uno situato vicino al terreno. A questo punto dobbiamo praticare un taglio su di esso in senso verticale. Tagliamo per circa cinque centimetri. Una volta che abbiamo compiuto il taglio, dobbiamo provvedere affinché venga mantenuta l'apertura. Anche dopo l'interramento. Quindi possiamo inserire nell'incisione che abbiamo effettuato anche uno stuzzicadenti. Adesso passiamo ad impiantare il ramo in un vaso rialzato da terra. Interriamolo ad una profondità di circa quindici/venti centimetri stando attenti a non forzare la piegatura precedentemente fatta.

Continua la lettura
46

In questo modo l'estremità superiore del ramo continuerà a crescere nella sua normale evoluzione. Noi quindi dobbiamo avere cura di praticare il solito trattamento alla pinta mantenendo il terreno in una condizione umida. Nei prossimi quindici/venti giorni dall'impianto nel terreno (stando alle condizioni del tempo) possiamo visualizzare la nascita delle prime radici. Una volta che le radici avranno raggiunto una robusta consistenza, possiamo tagliare le radici dalla pianta madre. In questo modo abbiamo visto come riprodurre una pianta con il metodo della propaggine.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • si consiglia di praticare questa tecnica in autunno

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come riprodurre per talea una pianta di melograno

È appena arrivato l'autunno che con sé ha portato non solo tanti impegni e del vento freddo, ma anche tanti cibi e frutti tipici. I frutti tipici autunnali sono le castagne, le mele, la pere, il melograno e tanti altri ancora. Se non lo sapevate il...
Giardinaggio

Come Riprodurre Una Pianta Di Felce

La felce è una delle piante più belle e particolari che esistono in natura; la si può distinguere facilmente dalle altre piante grazie alle sue caratteristiche foglie "a strisce" di colore verde chiaro. La felce non produce né fiori, né frutti, per...
Giardinaggio

Come eseguire una Propaggine semplice

Se avete una pianta a cui siete particolarmente legati perché tramandata da generazioni nel vostro giardino, ed intendete quindi fare la stessa cosa in proiezione futura, è importante sapere che è possibile adottare la tecnica cosiddetta della propaggine....
Giardinaggio

Come moltiplicare le piante per propaggine

La moltiplicazione per propaggine è una tecnica di coltivazione arbustiva facile ed economica. Essa è adatta a replicare tutte quelle piante dall'andamento a cespuglio o tappezzante, caratterizzate dalla presenza di una serie di getti legnosi ed elastici...
Giardinaggio

Come moltiplicare i garofani per talea e per propaggine

Ci sarà sicuramente capitato, se siamo degli amanti del verde, di voler provare a coltivare sul nostro balcone o nel nostro giardino tutte le piante che più ci piacciono. Tuttavia se non abbiamo mai coltivato nessuna pianta e non conosciamo tutte le...
Giardinaggio

Come riprodurre le piante grasse

Le succulente, o piante grasse come sono comunemente conosciute, sono note per avere la possibilità di conservare l'acqua che assorbono per usarla nei periodi di siccità. Per questo motivo sono molto amate da chi non ha molto tempo da dedicare alle...
Giardinaggio

Come coltivare e riprodurre il cyperus alternifolius (falso papiro)

All'interno di questa guida andremo a occuparci di coltivazioni. Nello specifico, come avrete già letto nel titolo di questa guida, ci dedicheremo a spiegare come coltivare e riprodurre il cyperus alternifolius (falso papiro). La guida sarà composta...
Giardinaggio

Come riprodurre i cactus per sementi

Le piante devono essere seguite con costanza ed affetto. Infatti far crescere una pianta e farla riprodurre non è facile quanto molte persone pensano, anche se essa è una pianta grassa. Se volete scoprire come far riprodurre i cactus per sementi e farli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.