Come Riprodurre Una Pianta Di Felce

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La felce è una delle piante più belle e particolari che esistono in natura; la si può distinguere facilmente dalle altre piante grazie alle sue caratteristiche foglie "a strisce" di colore verde chiaro. La felce non produce né fiori, né frutti, per questo motivo viene utilizzata perlopiù come pianta ornamentale sia all'interno che all'esterno della casa, dove spesso viene coltivata in cesti appesi. In ogni caso, la coltivazione e la riproduzione di questa pianta è un'operazione abbastanza semplice e alla portata di tutti. L'importante è avere la passione e seguire alcune semplici indicazioni. Vediamo allora, attraverso la seguente guida, come riprodurre una pianta di felce.

26

Occorrente

  • Felce
  • Foglio di carta
  • Coltellino
  • Muschio
  • Vassoio
  • Terriccio
36

Innanzitutto parliamo un po' del sistema di riproduzione delle felci: esse per riprodursi sviluppano, nella parte inferiore delle foglie, delle minuscole vesciche che si chiamano sori, e contengono le spore della riproduzione. La spora viene trasportata dal vento, cade nel terreno e germina. Dalla sua germinazione nasce una pianta indipendente che produce alcuni gameti, detta protallo o gametofito. Su questo protallo si formeranno gli organi sessuali, chiamati anteridi (quelli maschili), e archegoni (quelli femminili) dove maturano rispettivamente gli anterozoi e le oosfere. L'anterozoo si sposta nella pianta grazie all'acqua (pioggia, rugiada, ecc...) e va a fecondare la oosfera, da cui poi nascerà la pianta di felce che tutti conosciamo.

46

Per riuscire quindi a far riprodurre la nostra pianta di felce, possiamo raccogliere un po' delle spore di cui abbiamo parlato precedentemente e seminarle per ottenere delle nuove piante. Mettiamo dunque la foglia della felce su un foglio di carta e facciamola essiccare, dopodichè scuotiamola leggermente: noteremo che le spore cadranno sul foglio.

Continua la lettura
56

A questo punto, mettiamo del muschio di bosco umido in un vassoio e facciamo cadere sopra le spore ricavate precedentemente, incidendo contemporaneamente il muschio con l'aiuto di un coltellino. Dopo alcuni mesi, vedremo nascere finalmente delle piccole piantine ricavate dalle spore della nostra foglia di felce. Infine, quando le nostre piantine una volta nate saranno maneggiabili, ovvero che potranno essere esportate altrove, potremo trapiantarle in un vassoio con del terriccio soffice, leggero e fertile. Quando saranno abbastanza grandi, le potremo trapiantare a dimora e lasciarle crescere tranquillamente e in maniera naturale.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare in casa la felce comune

Le felci sono una delle piante più antiche esistenti sulla terra, forse una delle prime nate sul pianeta. La felce è una pianta sempreverde priva di fiori, che ama le zone fresche, umide e ombreggiate. Solitamente la si trova nei boschi nelle immediate...
Giardinaggio

Come coltivare e riprodurre il cyperus alternifolius (falso papiro)

All'interno di questa guida andremo a occuparci di coltivazioni. Nello specifico, come avrete già letto nel titolo di questa guida, ci dedicheremo a spiegare come coltivare e riprodurre il cyperus alternifolius (falso papiro). La guida sarà composta...
Giardinaggio

Come riprodurre l'aloe arborescens

L'Aloe Arborescens, o Krantz Aloe, da non confondere con l'Aloe Vera il cui nome latino è invece Aloe Barbadensis Miller, è conosciuta da millenni come pianta dai grandi poteri curativi. La medicina moderna dopo approfonditi studi si è resa conto delle...
Giardinaggio

Come e quando riprodurre le rose

Per chi ha la passione del giardinaggio e si possiede la possibilità di avere un giardino, o comunque una parte della propria abitazione da destinare ad esso, sicuramente non si riesce a fare a meno di avere delle rose. Le rose sono un fiore molto apprezzato,...
Giardinaggio

Come Coltivare E Riprodurre Il Falangio

Coltivare delle piante oppure dei tipi di frutta rappresenta un'attività particolarmente affascinante nonché divertente, da svolgere nel tempo libero e insieme ai propri figli. Spesso è frequente l'utilizzo di piante conosciute, in modo da poter dedicare...
Giardinaggio

Come riprodurre le piante grasse

Le piante grasse sono note per la possibilità di conservare l'acqua che assorbono per poi usarla nei periodi di siccità, e per questo motivo sono amate da chi non ha molto tempo da dedicare alle innaffiature. Inoltre si tratta di esemplari molto resistenti...
Giardinaggio

Come riprodurre i geranei

Con questa semplice guida imparerete a ricavare delle talee dai vostri gerani per poter riempire i vostri balconi o i vostri giardini con questi stupendi fiori in modo estremamente economico ed immediato. Vi serve solo un po' di tempo libero e il gioco...
Giardinaggio

Come riprodurre la lavanda

Per chi vuole dedicarsi al giardinaggio è di fondamentale importanza imparare a riprodurre le piante che si intendono coltivare nel proprio giardino. Diverse sono le tecniche che possono essere utilizzate allo scopo. In particolare, alcune piante appartenenti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.