Come risanare l'ambiente dopo un incendio

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Uno degli incidenti domestici più pericolosi è senza alcun dubbio l’incendio, poiché oltre a coinvolgere l’intero ambiente dell’abitazione rappresenta un vero pericolo per l’incolumità dei residenti. Il grado di danneggiamento arrecato da un incendio, è collegato a differenti fattori: come la durata, il tipo di struttura con cui è costruito lo stabile, i materiali adoperati per la realizzazione delle rifiniture interne, l’esposizione, etc. Se sfortunatamente l’incendio nell'appartamento si è scatenato e i vigili del fuoco sono subito riusciti a domarlo, ciò a cui assisterete rientrando in casa non sarà uno spettacolo piacevole e da conservare nei cassetti dei ricordi, però, la prima cosa da fare è certamente rimboccarsi le maniche e restare calmi. Tramite questo breve articolo infatti, illustrerò alcuni consigli indispensabili per risanare l’ambiente e rimediare ai danni che purtroppo il fumo provoca dopo un incendio, continuate a leggere per scoprire come fare!

28

Occorrente

  • Fosfato trisodico (TSP)
  • Indumenti protettivi
  • Aspirapolvere
  • Bicarbonato di sodio
  • Panno in microfibra
  • Spazzola a setole morbide
  • Ammoniaca
38

Per prima cosa procuratevi una tuta di protezione con cappuccio (monouso); dei guanti di protezione in cuoio se in presenza di materiale particolarmente secco, guanti di gomma se umido; infine, acquistate una mascherina a carboni attivi che dovrete necessariamente indossarla in tutte le fasi della bonifica (se i lavori dovessero prolungarsi per ragioni differenti, vi consiglio di non impiegare sempre la medesima maschera ma provvedete a cambiarla). Durante le fasi risanamento del principale ambiente danneggiato, è importante evitare di propagare sostanze nocive (fuliggine, polvere e cenere) agli ambienti circostanti, in seguito a spostamenti di suppellettili e altro. Per tale ragione vi consiglio di effettuare una compartimentazione dell’ambiente da bonificare, provvedendo a isolare qualsiasi apertura confinante con esso; ciò potrete ottenerlo tendendo chiuse le porta delle stanze non danneggiate dall’incendio, oppure sigillare con del nastro adesivo porte, infissi, spifferi etc.

48

Una volta seguite tutte le misure cautelative al fine di poter operare in totale sicurezza, potete procedere a trasferire mobili e complementi d’arredo verso il luogo dove verrà eseguito l’accantonamento degli oggetti da smaltire e la pulizia di quelli ancora funzionanti, ma contaminati da pulviscolo e fumo. Una volta aver svuotato l’ambiente interessato dalle suppellettili provvedete a rimuovere eventuali superfici di finitura impregnate di fumo, pulviscoli etc. Procedete impiegando un aspirapolvere, per aspirare le polveri sottili e i detriti in eccesso su controsoffittature sintetiche, pareti, materassi, mobili imbottiti e moquette. L’impiego degli aspirapolvere, compresi quelli provvisti di filtro ad acqua utilissimo per trattenere il pulviscolo una volta catturato dal vortice prodotto dal motore dell’apparecchio, producono comunque uno spostamento d’aria, con conseguente movimentazione di micro particelle pericolose per l’uomo, se respirate. Perciò durante questo lavoro, oltre ad indossare una maschera protettiva, aprite le finestre per un buon ricambio d’aria.

Continua la lettura
58

Per pulire le pareti, adoperate una miscela composta da acqua calda e fosfatotrisodico. Il fosfato è il detergente più indicato per eliminare sporco e fuliggine, potete reperirlo nei migliori negozi di vernici e prodotti da fissaggio. In alternativa, potete utilizzare detergenti a base di carbonato di sodio, anch'essi molto validi ma meno efficaci. Procedete riempiendo un flacone spray con una soluzione composta da un gallone d’acqua calda, una tazza di fosfatotrisodico e una di candeggina, quindi spruzzate abbondantemente sulle zone interessate e lasciate agire per un paio d'ore. Proseguite sfregando vigorosamente l’area interessata con un straccio in microfibra, o una spazzola a setole morbide. Dopo aver concluso la detersione delle mura, potreste aver bisogno di ritinteggiare le superfici per restituire colore alla camera. Prima di eseguire una nuova tinteggiatura accertatevi che il muro sia ben asciutto, altrimenti potrebbe formarsi della muffa.

68

I tappeti, i tessuti, la moquette e i mobili imbottiti sfortunatamente assorbono moltissimo il cattivo odore derivato dalla combustione. La cosa migliore da fare in questi casi è igienizzare tutto per rimuovere ogni traccia dell’incidente, e il bicarbonato di sodio è il più adatto ad assolvere a questa funzione. Iniziate spargendo una manciata di bicarbonato di sodio sugli oggetti da trattare e lasciate riposare per almeno una notte, o due, all'aperto. Quindi, con aspiratore e spazzola a setole morbide ripulite le superfici e, infine, aspirate tutto lo sporco. In caso di tendaggi, lenzuola, coperte e indumenti nettate i capi in lavatrice, ma aggiungete nella vaschetta del detersivo una miscela composta per 3/4 d’acqua e per 1/4 di aceto bianco distillato, oltre al comune sapone neutro. Proseguite impostando la lavatrice sul programma di lavaggio più adatto. A lavaggio terminato noterete che il cattivo odore di fumo scomparirà del tutto e avrete dei capi lindi e profumati.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Assicuratevi di rimuovere dai pavimenti in legno le particelle di fuliggine e pulviscolo con un aspiratore, poi procedete con una pulizia con poca acqua. Se l'esito della pulizia è positivo, provvedete a levigare e risigillare il pavimento.
  • In base al grado d'inquinamento dell'intonaco sarà fondamentale grattarlo, trattarlo con un prodotto specifico o rimuoverlo del tutto.
  • Oggetti lavabili, che sono coperti di cenere e polvere, si ripuliscono al meglio con una miscela di detergente in acqua bollente.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come risanare delle travi in legno

Quando si acquista una casa o si decide di rinnovare quella in cui abitiamo, capita di trovare delle travi di legno abbastanza vecchie che, esteticamente, potrebbero rivelarsi utili per arredare una stanza in modo rustico, lasciandole visibili anziché...
Casa

Come risanare il cartongesso danneggiato

Spesso nel corso degli anni può capitare che la vostra parete, o altre realizzazioni di cartongesso, a causa di svariati fattori come l'umidità, l'età, o incidenti vari, possa rovinarsi creando di fatto un foro che può andare da pochi centimetri di...
Casa

Come risanare una crepa nel marmo

Il marmo è una pietra fatta prevalentemente da carbonato di calcio. Viene usata spessissimo per via della sua estetica attraente, che grazie ai suoi colori, e le sue venature che sono il marchio di fabbrica di questa roccia, aggiunge stile e molta eleganza...
Casa

Come risanare un pavimento antico

Se nella vostra casa avete un pavimento antico, e non avete intenzione di sostituirlo, potreste intervenire con piccoli lavoretti di restauro per renderlo di nuovo funzionale, elegante e gradevole esteticamente. Per questo tipo d'intervento userete diversi...
Casa

Come risanare la facciata di un immobile

La ristrutturazione della facciata di un immobile può essere effettuata in proprio, se si tratta di una casa non molto alta quindi di una struttura tipo villetta, per cui non è necessario montare delle impalcature e quindi rivolgersi a ditte specializzate....
Casa

Come risanare le pareti rovinate dall'umidità

Sei lì da giorni che ti struggi per quella parete in casa tua che l’umidità sta divorando man mano, e sei in preda al panico perché sai bene che chiamare un professionista per risolvere quel problema ti costerà un occhio della testa. Non ti preoccupare,...
Casa

Come risanare il marmo scheggiato

Il marmo è una roccia composta prevalentemente da carbonato di calcio. Viene spesso scelto per la sua estetica molto attraente, oltre ai suoi colori tenui, e le sue venature che sono un marchio di fabbrica di questa pietra e che aggiunge eleganza e stile...
Casa

Come risanare con il taglio longitudinale un muro danneggiato

In questa guida vedremo come risanare con il taglio longitudinale un muro danneggiato, questa operazione non è molto semplice sopratutto per chi non ha molta dimistichezza nel settore dell'edilizia, in quanto, un lavoro non eseguito correttamente potrebbe...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.