Come ristrutturare un mobile

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Sappiamo che i mobili antichi suscitano molta attrazione tra gli intenditori e gli appassionati.
Tuttavia, con il trascorrere del tempo, il legno tende a rovinarsi e a sbiadirsi.
Quindi, se disponiamo di qualche mobile a cui teniamo particolarmente, ma che si sta deteriorando, questa è la guida giusta! Infatti, vedremo come poter riportare allo stato originale e ristrutturare, con semplici e pratiche mosse, il nostro mobile. Ma vediamo insieme come poter fare ciò.

26

Sverniciatura

Innanzitutto, dobbiamo sapere che restaurare un mobile non significa necessariamente portarlo da un esperto del settore.
Infatti, in alcune occasioni, si può anche optare per una soluzione casalinga. Per fare ciò basta avere uno spazio adatto, gli attrezzi giusti e un po' di manualità e il gioco è fatto. Sverniciare, stuccare e lucidare sono le tre fasi essenziali per una buona ristrutturazione. Ovviamente, tutto ciò richiede l'utilizzo di materiali che potranno portare polvere di vernici e di solventi, con un odore forte e fastidioso. Sapendo questo, sarà opportuno creare la propria zona di lavoro in un luogo adatto e, possibilmente, esterno alla casa.

36

I guanti

A questo punto, dopo aver indossato i guanti, si può iniziare a sverniciare il mobile. Per eseguire tale operazione è necessario munirsi di un pennello a punta piatta, il decapante e una spatola.
Quindi, con il pennello si dovrà spalmare il decapante sull'intera superficie. Dopo aver eseguito tale operazione, lo si dovrà, necessariamente, lasciar agire per qualche minuto. Potrete certamente notare che la vernice comincerà a staccarsii dal mobile. Ricordiamoci che quest'azione dovrà essere coadiuvata con l'utilizzo di una spatola. Non preoccupatevi. Infatti, per eliminare del tutto i residui basterà passare della carta vetrata fine oppure del solvente o, ancora, dell'acquaragia.

Continua la lettura
46

Tarme del legno

Una volta terminato questo passaggio, sarà necessario controllare che non siano presenti le tarme del legno. In caso positivo, sarà opportuno porre nel mobile un apposito trattamento antitarme, con l'aiuto di prodotti specifici. A questo punto, si potrà passare alla seconda fase prevista: la stuccatura. Prima di tutto, occorre sapere che lo stucco deve essere dello stesso colore del mobile. Quindi, questo dovrà essere steso con una spatola in modo da eliminare tutti i graffi e i fori del mobile. Solo dopo questo passaggio va passato l'impregnante del colore.

56

Lucidatura

La terza e ultima fase è quella della lucidatura. Teniamo conto che per effettuare questa operazione si dovrà essere certi che lo stucco e l'impregnante siano completamente asciutti. A questo punto, possiamo notare che, passando della gommalacca, si potrà ottenere un risultato duplice: sia lucidante che fissante. Il restauro termina con una buona passata di cera neutra.
Sappiamo che lquesta dovrà essere lasciata seccare per circa un paio di giorni. Ora, terminata la pulizia del mobile con un panno di lana, il nostro splendido mobile è completo e pronto all'uso!
Buon lavoro!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come ristrutturare un vecchio comò

Vi siete stancati del vecchio comò che possedete in camera vostra? Vi viene voglia di distruggerlo per farne legna da ardere o di buttarlo? Ecco un'idea per renderlo invece nuovo ed originale. Seguendo questa guida, avrete la possibilità di rinnovarlo...
Casa

Come imballare un mobile

Durante un trasloco, un cambio stanza o semplicemente per salvaguardare un mobile è molto importante eseguire un imballaggio corretto. Infatti un mobile che viene spostato o messo in un ambiente umido e senza venire correttamente imballato può rompersi,...
Casa

Come riutilizzare un vecchio mobile

Se avete un mobile vecchio, o uno malandato, ma vi dispiace buttarlo o darlo via, potreste provare a recuperarlo. Riutilizzare un vecchio mobile non è un'operazione che comporta molte spese, o richiede tanta abilità, l'unica cosa di cui avrete bisogno...
Casa

10 modi per ristrutturare casa da soli

Desideri un re-styling della tua casa o del tuo appartamento ma i costi di ristrutturazione sono troppo alti? Necessiti di alcuni lavoretti di manutenzione e vorresti non incappare in spese eccessive? Con questa lista ti elenchiamo 10 modi per ristrutturare...
Casa

Come ricolorare un mobile

Ricolorare un mobile è un'operazione davvero molto semplice e divertente che consentire di dare nuova vita ad un vecchio mobile ormai inutilizzato. Ricolorando un mobile, infatti, si può adattare lo stesso allo stile della stanza in cui verrà inserito...
Casa

Come decorare una vecchio mobile in formica

Rendere un mobile vecchio e magari rovinato nuovo è possibile. Esistono infatti svariate tecniche di fai da te per farlo Non vi serve essere dei falegnami per rinnovare un mobile e dare un nuovo aspetto ad una stanza della vostra casa. In questa guida,...
Casa

Come rinnovare un mobile danneggiato

Se possedete un mobile danneggiato in casa e pensate di non aver nessuna possibilità di poterlo restaurarlo, tenete ferme le mani e non buttatelo. Ci sarà sempre qualcosa da fare per poter "rinnovare" le sue condizioni. Diciamo rinnovare, e non restaurare,...
Casa

Tarli: come trattare il mobile

I mobili in legno sono molto eleganti ed hanno un fascino che non passa mai di moda, ma allo stesso tempo sono estremamente delicati. Infatti questi richiedono manutenzione e cura, altrimenti si rischia di rovinarli in modo irreparabile. Uno dei nemici...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.