Come riutilizzare i mobili cromati

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I mobili con strutture tubolari cromate furono inventati negli anni venti, prendendo spunto dal modello dei telai delle biciclette. Da quel momento in poi hanno vissuto momenti di fama e di oblio fino a diffondersi in maniera preponderante negli anni ottanta. Non tutti sanno, ad esempio, come è possibile riutilizzare questi mobili cromati nel caso in cui si decidesse di orientare il proprio arredamento verso stili diversi. Se siete interessati all'argomento, continuate a leggere la guida che segue.

26

Occorrente

  • vecchio sgabello in ferro
  • carta vetrata a grana media
  • carta vetrata a grana sottile
  • vernice antiruggine
  • pennello
  • vernice cromata spray
  • piano in legno o vetro
36

Queste strutture dalle vernici cromate, dorate o dai colori sgargianti, hanno occupato un posto d'onore nelle varie stanze dei nostri appartamenti. Ma per controtendenza è nata anche un nuovo modo di fare arredamento, ed è quello del riciclo. Per ottenere ottimi risultati basta semplicemente mettere in campo tutta la nostra fantasia. Come prima cosa togliete la seduta: per farlo girate lo sgabello a gambe all'aria e controllate in quale modo è stata fissata alla struttura di sostegno. Nel caso fossero presenti delle viti è sufficiente procurarvi un cacciavite a croce o a taglio e cominciare a svitarle.

46

Con un foglio di carta vetrata a grana media, cominciate ad eliminare tutta la cromatura presente. Terminata questa operazione ripetetela, ma questa volta utilizzate un foglio di carta vetrata a grana sottile. Nel caso fosse presente della ruggine, provvedete a pulire in modo accurato la parte danneggiata fino a toglierla completamente. Prendete ora un pennello e passate su tutta la struttura una mano di antiruggine, lasciate poi asciugare rispettando i tempi suggeriti sulla confezione. Trascorso il tempo necessario, controllate il lavoro appena effettuato, passiamo poi una mano di vernice acrilica oppure, se volete riportare il telaio com'era in origine, potete a ripristinare la cromatura spruzzando su di esso vernice spray apposita.

Continua la lettura
56

Ancora una volta lasciate asciugare seguendo le istruzioni indicate sulla confezione della vernice stessa. Nel frattempo potete provvedere a realizzare il piano, che può essere sia in legno che in vetro a seconda dei vostri gusti. In entrambi i casi, una volta decise le misure, potete recarvi presso una falegnameria o una vetreria e richiedere quando vi occorre. Per quanto riguarda il vetro ricordatevi di chiedere agli addetti di smussare gli angoli, rendendoli così sicuri in caso di contatto. Una volta che il piano è in vostro possesso, provvedete al suo montaggio. In poco tempo e con un costo molto ridotto avete riportato in vita un oggetto altrimenti destinato alla discarica. Buon lavoro!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per quanto riguarda il vetro ricordatevi di chiedere agli addetti di smussare gli angoli, rendendoli così sicuri in caso di contatto.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come personalizzare i mobili in legno

I mobili che vengono acquistati maggiormente sono quelli in legno. Questi hanno sempre un fascino particolare e poi si adattano a qualsiasi stile. Ovviamente, ogni mobile deve anche abbinarsi bene al resto dei complementi scelti per la casa. Ma, spesso...
Casa

Come riutilizzare la carta da parati

Quando si cambia la carta da parati in casa, l'investimento da fare è sempre notevole. Si tratta di scegliere le carte più resistenti, in grado di resistere alla polvere e, soprattutto, al passare del tempo. Tuttavia, in ogni casa, al termine dei lavori...
Casa

Come rivitalizzare I mobili in pelle rovinati

Se in casa avete dei mobili che sono rivestiti in pelle e che appaiono piuttosto deteriorati, potete intervenire per rivitalizzare la parte, e quindi farli tornare come nuovi nel rispetto del design impostato. In questa guida troverete in merito alcuni...
Casa

5 modi creativi per riutilizzare un vecchio accappatoio

Il riciclo è un'attività che consente il riutilizzo di molti oggetti e accessori. Inoltre, è un'ottima soluzione per risparmiare denaro e per creare cose utili per la casa. Se avete ad esempio un accappatoio vecchio, potete realizzare dei set da bagno,...
Casa

Come pulire i mobili antichi

Nel caso possediate dei mobili antichi, dovrete provvedere a cure e manutenzioni particolari. Innanzitutto, dovrete individuare le cause principali del deterioramento. La prima è, ovviamente, la polvere, che tende ad essere untuosa e riesce a penetrare...
Casa

Come riutilizzare le bustine di tè

Ogni volta che ti senti stressato, ti prepari una tazza di tè e lasci che le tue preoccupazioni fuggano via? Sì, possiamo vivere in un mondo sempre più digitale, ma ciò non toglie l'importanza di trascorrere del tempo di qualità con amici e familiari,...
Casa

Come decorare i mobili con la tecnica degli stencil

In questa guida vedrete come decorare i mobili con la tecnica degli stencil. Infatti, dopo aver letto questo articolo non avrete più problemi con l'antiestetica dei vostri mobili. Con la tecnica degli stencil renderete i vostri mobili moderni e artistici....
Casa

Come fare la manutenzione dei mobili antichi

Se siete degli amanti dell'antiquariato, soprattutto dei mobili antichi, sapete bene che nel tempo questi preziosi e cari oggetti possono andare incontro a usura e danneggiamento, pregiudicandone la bellezza. Tuttavia, con un po' d'attenzione e di pazienza,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.