Come riutilizzare le foglie di tè come fertilizzante

Tramite: O2O 10/06/2018
Difficoltà: media
16

Introduzione

Riutilizzare oggetti domestici invece che buttarli via sta diventando un'abitudine sempre più popolare, conosciuta anche come "stile di vita green". Da oggetti più grandi come mobili a quelli più piccoli come le foglie di tè, il riciclo non solo ci aiuterà a vivere meglio, ma ci farà anche risparmiare denaro. Nel tentativo di essere più rispettosi dell'ambiente e ridurre la quantità di rifiuti generati, è importante trovare il modo di riutilizzare e riciclare gli oggetti che altrimenti andrebbero a riempire le discariche. Molte persone consumano il tè, ma pochi sanno che le foglie dalle quali si ricava questa bevanda possono essere impiegate anche per fertilizzare il terreno. Vediamo allora come riutilizzare le foglie di tè come fertilizzante.

26

Occorrente

  • Foglie di tè
36

Tipo di applicazione

Le foglie di tè sono molto ricche di azoto e contengono tantissimi micronutrienti diversi che aiutano ad arricchire il terreno. A tal proposito, una delle migliori applicazioni riguarda le piante d'appartamento, in quanto se ne possono aggiungere facilmente anche una piccola quantità alla volta. La concimazione su larga scala richiederà invece una grande quantità di foglie. Triturare le foglie in modo che possano rilasciare tutte le sostanze nutrienti e mescolarne solo una piccola quantità nello strato superiore del terreno.

46

Frequenza di applicazione

Come con qualsiasi tipo di fertilizzante, un'eccessiva applicazione può essere dannosa per le piante. Quando si riutilizzano le foglie di tè per fertilizzare un qualsiasi tipo di terreno, bisognerà applicarle con una frequenza di una volta ogni 3 o 4 mesi, distribuendone ogni volta circa 2 cucchiai. Se si utilizzano le bustine, è necessario tagliarle ed utilizzarne solo il contenuto interno, che sono appunto le foglie di tè sminuzzate.

Continua la lettura
56

Scelta delle piante da fertilizzare

È importante notare che non tutte le piante rispondono bene quando le foglie di tè vengono aggiunte al terreno, sia direttamente che sotto forma di compost. L'acido tannico naturale contenuto all'interno delle foglie di tè penetra nel terreno una volta che le foglie si decompongono, riducendo così il pH del terreno e aumentandone l'acidità. Questo rappresenta un potenziale problema per quelle piante che prediligono terreni neutri o alcalini, ma crea invece le condizioni ideali per far prosperare le piante che amano i terreni acidi. Usa tè freschi e usati solo su piante che amano gli acidi, come cespugli di rose e felci. Il modo migliore per monitorare l'acidità del terreno è attraverso il test del pH con un kit di test a casa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come ottenere un ottimo fertilizzante per l'orto

Chi possiede un orto o un picolo appezzamento di terreno in cui coltiva ortaggi sa bene quanto è importante usare un fertilizzante nella terra nel modo giusto. Per rispettare gli equilibri ambientali è preferibile evitare prodotti inquinanti, chimici...
Giardinaggio

Come preparare un fertilizzante per le piante

Le piante che vengono utilizzate come bellissimi complementi d'arredo all'interno degli appartamenti, vanno necessariamente fertilizzate con degli appositi e specifici prodotti. Tuttavia, potrete benissimo decidere di aggiungere una dose supplementare...
Giardinaggio

Come usare l'ammoniaca come fertilizzante

L'ammoniaca è presente nel suolo, nell'acqua e nell'aria, ed è un'importante fonte di azoto per le piante. L'azoto favorisce la crescita delle piante e migliora la produzione di frutti e semi, con un conseguente aumento della resa. È anche essenziale...
Giardinaggio

Come essiccare le foglie di salvia

Le foglie di salvia possono essere essiccate e conservate fino a un anno. Anche se normalmente le foglie essiccate perdono un po' del loro sapore, quelle di salvia sono un'eccezione a questa regola in quanto diventano più saporite dopo l'essiccazione....
Giardinaggio

Cosa fare se il bonsai perde le foglie

Se a casa abbiamo un bonsai e notiamo che esso perde foglie, ciò, può essere dovuto a diverse cause. Quelli a foglie caduche, perdono normalmente le foglie quando il clima è più fresco, ad iniziare dall'autunno. Se invece possediamo un bonsai sempreverde,...
Giardinaggio

come utilizzare le foglie secche degli alberi per concimare e proteggere

Le foglie secche si staccano dai rami degli alberi durante la stagione autunnale, andando quindi a depositarsi sulla superficie erbosa del giardino. Quando ciò avviene, le foglie vengono normalmente rastrellate e poi gettate via senza sapere che in realtà...
Giardinaggio

Come riciclare le foglie

Il periodo autunnale, con i suoi colori accessi che infiammano le chiome degli alberi, è la stagione più romantica e malinconica dell'anno. Le strade profumano della prima legna che brucia nei camini e le zucche colorano i campi. L'autunno è anche...
Giardinaggio

Come pulire le foglie delle piante da appartamento

Le piante sono un bellissimo ornamento per la casa, di cui non si può fare a meno. Tuttavia, che siano finte o vere sono sempre molto apprezzate per arricchire un angolo vuoto del salone o una mensola della nostra cucina. Naturalmente se prendiamo in...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.