Come rivestire un vecchio vaso con la carta crespa

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La carta crespa è un materiale che si presenta molto ruvido e dall'aspetto ondulato. In commercio la troviamo nei più svariati colori ed è particolarmente elastica. Inoltre è caratterizzata da una grande resistenza; infatti, possiamo tirarla e piegarla, senza correre il rischio che si strappi come succederebbe per una normale carta. Premesso ciò, ecco una guida su come rivestire un vecchio vaso con la carta crespa.

25

Occorrente

  • Carta crespa
  • Colla a caldo
  • Pinzatrice
  • Nastro
  • Forbici
35

Scegliere il colore della carta crespa

Per prima cosa andiamo ad acquistare la carta crespa scegliendo quella del colore che meglio si sposa con i nostri mobili e con l'ambiente circostante. Un contrasto va bene, ma tuttavia facciamo attenzione che non diventi troppo marcato per via della tonalità. Una volta scelta, possiamo iniziare il lavoro assicurandoci di avere a portata di mano una forbice, della colla a caldo ed una pinzatrice.

45

Sagomare la carta

Prendiamo dunque la carta crespa e la srotoliamolo sul piano da lavoro, dopodiché vi adagiamo il vecchio vaso e prendiamo le misure per rivestirlo. In tal caso è sufficiente accompagnare il lembo della carta e farla girare attorno al vaso fino a che le due estremità non si tocchino. A questo punto sagomiamo la carta crespa tagliandola con le forbici, stando attenti a procedere il più dritto possibile. Una volta ricavato il pezzo di carta, lo controlliamo e se risulta un po' storto, cerchiamo di modellarlo, sempre con l'aiuto della forbice e magari aiutandoci con un righello. Fatto ciò, mettiamo il rettangolo di carta crespa sul tavolo e vi appoggiamo nuovamente il vaso per ricavare la lunghezza. Tiriamo, ma non troppo un lato del foglio e successivamente l'altro, fino a ricoprirlo completamente. Adesso utilizziamo la colla a caldo e, se non l'abbiamo, possiamo usare una semplice pinzatrice e facciamo aderire le due stremità per tutta la lunghezza. A questo punto appoggiamo il vaso sulla sua base e tagliamo gli eccessi di carta, sia nel punto che abbiamo incollato che sul cerchio che si è formato sulla stessa base.

Continua la lettura
55

Applicare un fiocco

Se poi vogliamo uno stile semplice e lineare facciamo lo stesso all'altezza della bocca del vaso, oppure si può lasciare la carta crespa più lunga e darle delle forme più svariate; infatti, si può arricciare, si possono creare delle onde e tanto altro. A questo punto il nostro vecchio vaso è pronto ed ha una nuova vita. Infine se intendiamo renderlo ancora più romantico, possiamo aggiungere una decorazione usando un nastro in tessuto di raso di una tonalità più chiara della carta crespa, e creare un bel fiocco o una coccarda, da applicare sulla parte frontale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

5 cose da creare con la carta crespa

Tutti noi sappiamo quanto la carta crespa possa essere attraente, perché decorativa e versatile. Si tratta di un materiale che si ottiene da un processo chiamato "feltrazione", ovvero l'assemblaggio di fibre di cellulosa o di materiali di recupero, trattati...
Altri Hobby

Come rivestire un paralume con carta da parati

La carta da parati viene solitamente utilizzata per rivestire pareti che presentano imperfezioni dell'intonaco. In commercio sono disponibili svariati modelli e disegni tra cui poter scegliere. Qualora in casa tu abbia le pareti delle stanze rivestite...
Altri Hobby

Come rivestire un armadio con la carta da parati

Quanti di voi non hanno mai desiderato cambiare armadio? Il desiderio di modificare la mobilia presente in casa è comune a tutti, specialmente alle donne. Acquistare nuovi mobile è entusiasmante, ma non sempre è possibile perché comporta delle spese...
Altri Hobby

Come rivestire un oggetto con la carta di riso

La carta di riso è un tipo di carta leggera, resistente ed assorbente e per questo motivo viene utilizzata per numerose applicazioni di découpage, hobbistica e scrapbooking. Proprio in base alla sua capacità di assorbimento, questo tipo di carta veniva...
Altri Hobby

Come usare la carta da parati per rivestire un armadio

Quanti di voi desiderano cambiare il proprio armadio? Tutti noi abbiamo il desiderio di cambiare il mobilio presente in casa per rinfrescare l'ambiente. Acquistare nuovi mobili è un'attività entusiasmante, ma ahimé non sempre è possibile per via dei...
Altri Hobby

Come confezionare le piante in vaso

Regalare una pianta è senza dubbio quel tipo di dono che viene sempre apprezzato, ma confezionare il vaso come un regalo potrebbe non essere semplice. Per farlo occorre avere un po di volontà, della carta crespa, che fa sempre una bella figura, della...
Altri Hobby

Come riutilizzare un vecchio ventilatore

Un vecchio ventilatore che non funziona più, ormai da gettare via, può rivelarsi un sorprendente oggetto da riciclare per dare ulteriore vita ad oggetti nuovi, davvero utili, comodi o decorativi. Tuttavia, prima di buttare via il tuo vecchio ventilatore,...
Altri Hobby

Come creare un vaso per fiori da una bottiglia di plastica

Possedere un giardino unico ed originale, è senza dubbio il sogno di ogni floricoltore. Con l'aiuto di questa guida, potrete creare un vaso per i vostri fiori, di piccola o media grandezza, riutilizzando semplicemente una bottiglia di plastica. Questa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.