Come salvare le succulente che stanno marcendo

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Chi ha il pollice verde probabilmente già conosce le cosiddette "succulente", per chi invece è nuovo del settore, o si è avvicinato da poco al giardinaggio è importante sapere che per succulente non si intende un tipo di pianta commestibile, non si parla nemmeno di una aggettivazione, in realtà si ci riferisce alle semplici piante cactacee, che possono essere chiamate pure succulente dato che il loro pregio è quello di poter sopravvivere pure in ambienti aridi per lungo tempo senza necessitare di apporto di acqua, considerando che in ogni caso sono vegetali, riescono a sopravvivere comunque grazie alle grandi e forti piogge improvvise che generalmente avvengono nei luoghi aridi, anche se per tempi brevissimi. In alcuni casi è possibile che senza accorgercene apportiamo un quantitativo d'acqua eccessivo alla nostra pianta cactacea provocandole un effetto opposto a quello che volevamo darle, ovvero la morte. Il rischio per questo tipo di piante è quello di marcire se le stesse sono lasciate in determinate condizioni ambientali, che per loro natura non riescono a sopportare a lungo. In questa occasione vedremo quindi come salvare le succulente che stanno marcendo. Detto ciò non mi rimane altro che augurarvi buona lettura e buon lavoro.

26

Occorrente

  • Coltellino affilato
  • carta assorbente
  • substrato per piante grasse
36

Evitare i ristagni dell'acqua

Quel che le piante grasse non sopportano proprio è il ristagno dell'acqua, che potrebbe esser causato non solo da eccessive innaffiature, ma anche da una scelta errata del substrato. Infatti se il terreno è troppo compatto impedisce alle loro delicate radici di respirare. In tali condizioni, anche in breve tempo, le muffe intaccano la pianta dall'interno, che marcisce (diventando una massa molle e puzzolente) e muore. Se riuscite ad accorgervene in tempo però c'è una possibilità di salvarla, vediamo come.

46

Tagliare la parte marcia della pianta

Prendete un coltello pulito ed affilato e praticate alla pianta un taglio netto, per recidere almeno 1 cm. Al di sopra della parte putrefatta; mi raccomando, eliminate tutta la zona marcia e fate attenzione a lasciare solo la parte sana della pianta grassa. Per verificarlo guardate i tessuti interni: se notate ancora delle zone molli e scure dovrete tagliare ulteriormente. Una volta ricavata una parte sana (ossia una talea) adagiatela su carta assorbente in un luogo asciutto ed aerato e lasciatela riposare per una settimana.

Continua la lettura
56

Ripiantare la parte sana in un nuovo substrato

Passata la settimana potete piantarla, mi raccomando di farlo in un substrato adatto, diverso da quello della pianta marcita. Pian pianino emetterà le sue piccole radici e tornerà a svilupparsi. In ogni caso esistono dei trattamenti con prodotti specifici per prevenire l'attacco dei funghi: provate a chiedere al vostro negozio di fiducia degli anticrittogamici (fungicidi), di preferenza sistemici, ossia che agiscono penetrando nei tessuti della pianta.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come replicare le succulente

Le succulente rappresentano un particolare tipo di pianta grassa, chiamate così dal momento che risultano essere in possesso di specifici tessuti in grado di immagazzinare notevoli quantità di acqua. Non tutte le succulente si possono replicare, prima...
Giardinaggio

Come salvare una pianta con ristagni d'acqua

Possedere il pollice verde non è solamente un dono fortunato, ma soprattutto il frutto di una vera e propria conoscenza del mondo vegetale che ci circonda. Per conoscere le necessità di fiori e piante non dobbiamo necessariamente essere degli agronomi,...
Giardinaggio

Come salvare le piante in terrazzo dal gelo

Le piante, così come le persone, soffrono il freddo: il cattivo tempo e il gelo sono armi micidiali per le piante in terrazzo. Curate amorevolmente tutto l'anno, esse rischiano di essere "bruciate" dal brusco abbassamento delle temperature sotto lo zero....
Giardinaggio

Come salvare una pianta affetta da clorosi ferrica

Il ferro (Fe) è un elemento chimico essenziale per la nutrizione delle piante, particolarmente è indispensabile per la fotosintesi, in quanto è un componente essenziale della clorofilla. La maggior parte di ferro disponibile è quello sciolto nell'acqua,...
Giardinaggio

Come piantare e coltivare le piante grasse in vaso

Se avete il pollice verde, potreste piantare e coltivare le piante grasse in vaso. Tali piante, conosciute anche come succulente, sono perfette per gli ambienti aridi. Queste, infatti, sviluppano foglie e steli molto carnosi che accumulano e conservano...
Giardinaggio

Come moltiplicare le piante grasse

Le succulente (denominate impropriamente piante grasse), sono quelle piante dotate di particolari tessuti "succulenti" capaci di assorbire liquidi durante le stagioni piovose e usare l'acqua nei periodi di siccità. Molteplici e interessanti sono i sistemi...
Giardinaggio

Cura delle piante grasse: 5 consigli utili

Le piante grasse, note anche come "piante succulente" sono famose per la loro capacità di adattamento ad ogni tipo di habitat, anche agli appartamenti, dove possono crescere rigogliose e dare soddisfazioni anche alla più scettica padrona di casa, grazie...
Giardinaggio

Come arredare il giardino con piante grasse

Le piante grasse sono tipicamente ornamentali e vengono, perciò, utilizzare largamente per arredare il giardino di casa. Ne esistono di molte specie diverse, e sono quasi sempre mixate tra di loro per creare bellissime composizioni floreali, che ben...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.