Come salvare una pianta

tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Tutti noi abbiamo delle piante nei nostri appartamenti e ci sarà capitato almeno una volta di fare i conti con i parassiti che le infestano e le rovinano.
Oltre a questo, però, possiamo imbatterci in problemi causati da una poca attenzione o un modo sbagliato di mantenimento.
Una semplice doccia può sempre salvare una pianta dai parassiti, ma potrebbe bastare anche solo un cambiamento di posizione, per darle una nuova vita.
In questa guida, vi darò dei piccoli consigli utili per applicare delle semplici terapie senza spendere del denaro.

28

Occorrente

  • Attrezzi da giardinaggio, substrato, acqua, terriccio, vaporizzatore.
38

Se esaminando le nostre piante le punte delle foglie o i bordi di esse risultano essere marroni o secchi, possiamo provare a cambiare l'ubicazione, per evitare che i raggi solari non arrivino in modo diretto e non le brucino.
Potete, inoltre, vaporizzare sulle foglie, della semplice acqua, in modo regolare, così da darle una dose di umidità sufficiente a non far seccare le punte; potete anche improvvisare una doccia se, ovviamente, il tipo di pianta sopporta tale metodo.

48

Potrebbero presentarsi anche problemi di fioritura ed anche in questo caso, potreste provare a cambiare il posto dov'è situata.
Evidentemente le condizioni di luce, di temperatura e di umidità non sono quelle ideali per quel preciso tipo di pianta. Se questo non dovesse bastare, potrebbe essere un problema di substrato e terriccio, quindi scegliete un substrato molto ricco e ripiantate il vostro esemplare.
Se non darà comunque segni di fioritura, riprenderà almeno vigore.
Se invece la pianta risulterà comunque avvizzita, il problema principale potrebbe essere un'innaffiatura inadeguata.

Continua la lettura
58

Se la terra risulta troppo secca e l'innaffiatura non è stata sufficiente, non aggiungete acqua, perché la pianta ne potrebbe risentire. Potete estrarre la pianta dal vaso, mettendo grande attenzione a non rovinare o strappare le radici, con la zolla connessa, dal vaso e immergete il tutto in acqua fredda, per un tempo che va dai quindici ai trenta minuti. Prima di rimettere la zolla nel vaso, facendo sempre molta attenzione, lasciatela scolare dell'acqua in eccesso. Rimettete poi, con molta cura, la pianta nel suo vaso.

68

Se, una volta fatto tutto quello detto, la pianta esita ancora a crescere, provate a trapiantarla in un vaso di dimensioni maggiori, cambiando il substrato o aggiungendoci agenti rinforzanti.
Approfittate del procedimento per dare anche una bella potatura, per dare modo sia alla parte aerea, che alla parte delle radici, di potersi riformare.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cercate sempre di aver cura delle vostre piante, per non incorrere in vari problemi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come salvare una pianta

Tutti noi abbiamo delle piante nei nostri appartamenti e ci sarà capitato almeno una volta di fare i conti con i parassiti che le infestano e le rovinano.Oltre a questo, però, possiamo imbatterci in problemi causati da una poca attenzione o un modo...
Giardinaggio

Come salvare una pianta affetta da clorosi ferrica

Il ferro (Fe) è un elemento chimico essenziale per la nutrizione delle piante, particolarmente è indispensabile per la fotosintesi, in quanto è un componente essenziale della clorofilla. La maggior parte di ferro disponibile è quello sciolto nell'acqua,...
Giardinaggio

Come ravvivare una pianta di cetrioli appassita

Nella maggior parte dei casi, le piante di cetriolo appassiscono a causa degli insetti. In primavera quando le piante sono in fase di crescita, i coleotteri (batteri delle piante) si svegliano e cominciano a nutrirsi dei piccoli cetrioli appena nati....
Giardinaggio

Come coltivare in casa una pianta di cocco

La palma da cocco è una pianta originaria delle isole dell'Oceano Pacifico, rinomata per il suo famoso frutto. Grazie alle sue foglie molto allungate e slanciate che partono direttamente dal grosso seme (la noce di cocco), questa pianta non di rado assume...
Giardinaggio

Come salvare gli alberi di ciliegio dalle lumache.

Le lumache sono dei molluschi di terra che purtroppo causano danni ingenti alle coltivazioni. Questi graziosi animaletti infatti, essendo vegetariani si nutrono di foglie, di fiori e di tutte le parti tenere di una pianta, per cui diventano un problema...
Giardinaggio

Come curare una pianta che sta morendo

Capita, a volte, che il cambio di locazione, il cambio di temperatura o gli agenti atmosferici, influiscano sulla salute delle nostre piante. Per curarle al meglio bisogna innanzitutto capire la natura del loro deperimento, che può essere derivante da:...
Giardinaggio

5 trucchi per salvare le piante dall'afa

Quando arriva il periodo estivo la vita delle piante in genere viene messa a dura prova dal caldo, dall'afa, dal troppo sole e da improvvisi temporali estivi. Se quindi avete molte piante sul terrazzo o sul balcone o solo qualche qualche pianta da fiore...
Giardinaggio

Come salvare le succulente che stanno marcendo

Chi ha il pollice verde probabilmente già conosce le cosiddette "succulente", per chi invece è nuovo del settore, o si è avvicinato da poco al giardinaggio è importante sapere che per succulente non si intende un tipo di pianta commestibile, non si...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.